laRegione
27.03.21 - 18:30

Suez, "non possiamo indicare una data per la fine della crisi"

L'ammiraglio Osama Rabie: "I fattori meteorologici non sono le sole ragioni dello spiaggiamento della nave. Altri errori sono potuti entrare in gioco"

Ats, a cura de laRegione
suez-non-possiamo-indicare-una-data-per-la-fine-della-crisi
Keystone

"Non possiamo determinare un calendario per la fine della crisi creata dalla nave incagliatasi a Suez": lo scrive su Twitter Al Jazeera riportando una dichiarazione del presidente dell'Autorità del Canale, l'ammiraglio Osama Rabie, circa il blocco della via d'acqua e l'ingorgo di almeno altre 321 navi in attesa di transitare.

Alla domanda su quando la nave potrebbe tornare a navigare, Rabie ha però detto che è possibile "oggi o domani, dipende dalla reattività della nave alle maree".

L'ammiraglio ha notato che ieri mattina le eliche avevano potuto girare, sebbene non a piena velocità, ma poi era stato necessario fermarle a causa di un cambio della marea e tornare all'impiego di scavatrici.

Rabie ha poi detto che un "errore tecnico o umano" potrebbe aver contribuito all'incagliamento della Ever Given: lo riferisce un tweet di Sky News Arabiya. Il maltempo non è la causa principale dell'incidente, e ve ne sono altre, ha ribadito, mettendo ulteriormente in dubbio la già controversa tesi iniziale che attribuiva l'incidente alla scarsa visibilità causata da una tempesta di sabbia.

"Le forti raffiche di vento e i fattori meteorologici non sono le sole ragioni principali dello spiaggiamento della nave. Anche altri errori, umani o tecnici, sono potuti entrare in gioco", ha detto l'ammiraglio in una conferenza stampa a Suez.

Eppure era stato un comunicato del portavoce dell'Authority, George Safwat, a sostenere che la perdita di orientamento del cargo, responsabile dell'incagliamento, era avvenuta per "assenza di visibilità" causata da una "tempesta di vento" che aveva colpito la zona con venti di "40 nodi".
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Giappone
1 ora
Toyota si conferma prima casa automobilistica mondiale
Per il costruttore nipponico si tratta del terzo riconoscimento consecutivo. Nel 2022 venduti a livello globale circa 10,48 milioni di veicoli
Irlanda
2 ore
Ryanair riprende quota: passeggeri e bilancio in crescita
La compagnia aerea ritrova le cifre nere: nel terzo trimestre dell’esercizio 2022/23 l’utile è di 211 milioni di euro
Corea del Nord
4 ore
Revocato il lockdown nell’area di Pyongyang
Coronavirus, dopo la stretta di cinque giorni decisa una settimana prima, la Corea del Nord fa retromarcia
medio oriente
14 ore
Droni colpiscono sito militare in Iran
Lì si producono armi che vanno in Russia. Secondo il Wall Street Journal sono stati gli israeliani con il benestare degli Usa
la guerra in ucraina
16 ore
Putin ha deciso: addestramento militare nelle scuole russe
Come accadeva in Unione Sovietica si insegnerà l’uso di mitragliatrici e bombe a mano
Liechtenstein
19 ore
‘Faites vos jeux’... Anche nel Principato
Respinto in votazione popolare il divieto di casinò. Quasi tre cittadini su quattro (e tutti gli undici Comuni) si sono espressi negativamente
Italia
21 ore
Psicofarmaci per sballo, è boom in Italia
Gli psichiatri suonano il campanello d’allarme: ‘Dipendenza in crescita, necessario contrastarne l’abuso’
Regno Unito
1 gior
Grave violazione del codice ministeriale: Zahawi licenziato
Via lettera, il primo ministro britannico Rishi Sunak silura il ministro senza portafoglio
Estero
1 gior
Forte scossa di terremoto nella notte in Iran
Il sisma di magnitudo 5,7 è stato localizzato nel Nord del Paese. Il bilancio parziale è di tre vittime e diverse centinaia di feriti
Stati Uniti
1 gior
Incidente di caccia in Kansas, ma a sparare... è il cane
Calpesta l’arma nel retro del pick-up: parte un colpo che colpisce il cacciatore seduto davanti, uccidendolo
© Regiopress, All rights reserved