laRegione
17.03.21 - 18:27
Aggiornamento: 18:55

Sentenza storica in Giappone: ‘Sì ai matrimoni gay’

Un giudice donna della Corte di Sapporo: ‘Vietarli è incostituzionale’. Ora tocca alla politica

sentenza-storica-in-giappone-si-ai-matrimoni-gay
L'ultima Lgbt Parade a Tokyo (Keystone)

Un verdetto storico che potrà dare origine a cambiamenti epocali nella società giapponese, a tratti più conformista che conservatrice, e per questo poco incline ai cambiamenti repentini. La sentenza del giudice donna Tomoko Takebe della Corte di Sapporo di considerare incostituzionale il mancato riconoscimento di un'unione legale tra due persone dello stesso sesso è stata celebrata come una conquista dopo un travagliato percorso della comunità Lgbt, perché crea un precedente; da altri come una vittoria simbolica.

L'azione legale era stata presentata nel 2019 da un totale di 16 coppie in molteplici località del Giappone, da Tokyo a Nagoya, Fukuoka e Osaka, oltre alla sede di Sapporo, che si opponevano al divieto di non poter convolare a nozze al pari delle persone eterosessuali. Nella formulazione della sentenza il giudice ha posto l'accento sulla violazione dell'articolo 14 della Costituzione, che sancisce il principio di uguaglianza degli individui davanti alla legge: "L'orientamento sessuale non è qualcosa che una persona può scegliere e cambiare a proprio piacimento", ha stabilito il giudice, ammonendo l'incapacità del Governo "di garantire alle coppie dello stesso sesso anche una minima parte degli effetti legali che derivano dal contratto di matrimonio".

Le motivazioni

Nell'illustrare la decisione di non assegnare un risarcimento dei danni morali e psicologici, pari a una richiesta di un milione di yen (7.700 euro), la Corte ha spiegato che non si è invece manifestata una violazione dell'articolo 24, che specifica come "il matrimonio può avvenire solo con il mutuo consenso di entrambi i sessi", e in questo senso il diritto civile prevede che la registrazione legale di una famiglia si riferisca a un uomo e una donna.

Il Giappone è l'unico Paese del G7 a non autorizzare le unioni legali tra persone dello stesso sesso, e con ogni probabilità la sentenza odierna darà l'avvio a un ampio dibattito a livello politico e sociale, sgombrando il campo dalle iniziative precarie e a tratti confuse che hanno segnato la comunità Lgbt negli ultimi anni. È stata proprio la città di Sapporo, nella prefettura più a nord del Giappone, a voler dare i segnali di apertura più tangibili, emettendo nel 2017 i certificati di eleggibilità per le coppie omosessuali che, sebbene non legalmente vincolanti, tentavano senza troppo successo di semplificare l'accessibilità ai servizi comunali al pari delle regolari coppie unite in matrimonio.

Sulle probabilità di un cambiamento di direzione del legislatore gli esperti legali non sono così pessimisti, facendo notare come il diritto civile del Paese del Sol Levante tecnicamente non considera il presupposto di un'unione tra due persone dello stesso sesso, ma neanche lo esclude a priori. L'entrata in vigore della Costituzione nel 1947, infatti, serviva perlopiù a garantire una maggiore equità e uguaglianza tra i potenziali coniugi, con lo scopo di prevenire i matrimoni forzati. Secondo gli storiografi, inoltre, il Giappone si è mostrato estremamente tollerante verso l'omosessualità, con casi documentati tra guerrieri samurai durante il periodo feudale. Fu in seguito, verso la fine del XIX secolo, che il Paese iniziò ad adottare atteggiamenti pregiudiziali legati all'omofobia importati dall'Occidente.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
8 ore
Spagna, notificato un caso di contagio da aviaria
Secondo la testata digitale eldiario.es, sarebbe la seconda persona in Europa essere stata testata positiva al virus
la guerra in ucraina
9 ore
Al via domani le esercitazioni di soldati tedeschi in Lituania
L’azione fa parte della strategia di maggiore presenza della Nato sul fianco orientale dell’Alleanza dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia
la guerra in ucraina
10 ore
Kadyrov manda i tre figli minorenni al fronte
Il presidente ceceno: ‘Sono addestrati, è arrivato per loro il momento di andare in battaglia’. Hanno 16,15 e 14 anni
la guerra in ucraina
10 ore
Putin frena sul nucleare, i russi arretrano ancora
Il Cremlino ora parla di confini mobili a Kherson e Zaporizhzhia: ‘Penetrate le nostre linee di difesa’
balcani
10 ore
Voto in Bosnia: Dodik tiene, ma avanzano i moderati
Alla presidenza per l’entità serba andrà Zeljka Cvijanovic, l’ex presidente eletto nella Republika Srpska. Sconfitto anche il figlio di Izetbegovic
Regno Unito
12 ore
Un taglio di capelli? ‘La prossima volta’
Finito il periodo di lutto, primo impegno ufficiale per re Carlo III, oggi in visita alla cittadina scozzese di Dunfermline
Russia
14 ore
Elude i domiciliari la giornalista russa ‘no war’
Prima la multa per il cartello mostrato durante un telegiornale, poi la condanna per quello esposto vicino al Cremlino. E ora la fuga
Confine
14 ore
Lavori nella galleria di San Fermo Nord, code verso il Ticino
Il cantiere per la ricostruzione della calotta della galleria durerà fino al 18 novembre. Traffico verso nord deviato sotto San Fermo Sud
Iran
16 ore
Italiana arrestata a Teheran nel giorno del suo compleanno
Alessia Piperno era entrata in Iran con altri turisti. La Farnesina sta verificando le informazioni del padre rilasciate su Facebook
Iran
20 ore
Scontri fra studenti e forze di sicurezza: lezioni sospese
Non si placano le proteste dopo la morte della 22enne curda arrestata dalla polizia perché indossava, a loro dire, il velo in modo inappropriato
© Regiopress, All rights reserved