laRegione
Russia
15.03.21 - 22:32

'Bomba' chimica contro la Novaya Gazeta

Emettava gas penetrante. La rivista russa è già stata colpita da numerosi attacchi

Ats, a cura de laRegione
bomba-chimica-contro-la-novaya-gazeta

Novaya Gazeta denuncia che la sua redazione è stata presa di mira con un'imprecisata sostanza chimica dall'odore penetrante: un vero e proprio "attacco chimico" secondo Dmitry Muratov, il direttore della testata investigativa russa i cui giornalisti negli anni passati sono stati più volte vittime di agguati e aggressioni, anche mortali.

"Al mattino, un attacco chimico è stato perpetrato nell'edificio in cui si trova la nostra redazione", ha affermato Muratov precisando che le forze dell'ordine stanno analizzando "la sostanza rilasciata di fronte all'ingresso". Nel palazzo - raccontano i reporter - vi è un persistente "odore chimico", avvertito da tutti i visitatori e dal personale: così forte - aggiunge Muratov - che si sente persino in strada.

La portavoce della rivista, Nadezhda Prusenkova, ha riferito a The Insider che nessuno della redazione moscovita di vicolo Potapov accusa problemi di salute, ma l'attacco resta un evento inquietante.

Non si sa chi abbia versato la sostanza chimica, e Muratov non ha detto se sospetta qualcuno dell'attacco. I reporter di Novaya Gazeta sostengono che l'odore della sostanza chimica sprigionata oggi sia simile a quello del gas spruzzato nel 2017 nella casa di campagna della giornalista Yulia Latinina, che quattro anni fa fu vittima di vari attacchi, compreso l'incendio dell'auto.

Minacce e omicidi

Purtroppo non si tratta di un caso isolato. Nello stesso anno, Novaya Gazeta ha ricevuto una busta con una polvere bianca. Nell'ottobre del 2018, degli sconosciuti hanno portato davanti agli uffici del giornale nove pecore che indossavano delle vesti con la scritta "Stampa", e nei giorni precedenti alla testata erano state fatte pervenire una cesta con dentro la testa mozzata di un montone e una corona di fiori in cui il giornalista Denis Korotkov veniva definito "traditore della patria".

Alcuni reporter di Novaya Gazeta sono stati uccisi per i loro articoli. Il caso più noto è probabilmente quello di Anna Politkovskaya, che denunciava la deriva autoritaria del governo del presidente Vladimir Putin e i tanti abusi commessi dalle forze russe in Cecenia.

Novaya Gazeta continua comunque a sfornare inchieste e reportage scomodi per le autorità. Muratov - riporta l'agenzia France-Presse (Afp) - ha dichiarato che oggi tre organizzazioni non governative hanno annunciato un'azione legale contro i mercenari russi del Gruppo Wagner con l'accusa di aver torturato e ucciso un prigioniero in Siria e che il caso "si basa sugli articoli" del giornale da lui diretto.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
oceano pacifico
10 min
Isola di Pasqua in fiamme: ‘Danni irreparabili ai Moai’
Alcune delle statue simbolo sono carbonizzate: ‘Incendio doloso’, si va a caccia dei colpevoli
stati uniti
18 min
Nuova accusa per Trump: non ha consegnato tutte le carte
Il dipartimento di giustizia lo incalza a un mese dalle elezioni di Midterm
la guerra in ucraina
1 ora
Biden evoca l’Armageddon nucleare
Il presidente equipara la situazione alla crisi dei missili a Cuba, ma la Casa Bianca frena: ‘Nessun segnale di attacco imminente’
le bugie dell’iran
1 ora
‘Mahsa morta per una malattia, non per le botte’
Teheran tira dritto e parla di suicidio per la sedicenne Sarina. Amnesty e altre Ong controbattono: ‘Uccisa a manganellate’
Estero
4 ore
L’Onu monitorerà la repressione in Russia
È la prima volta che Mosca è presa di mira da un testo riguardante la situazione dei diritti umani nel Paese.
Confine
7 ore
Dal Mendrisiotto a Varese per coltivare marijuana
La scoperta della mega piantagione in una fattoria. Nei guai una famiglia: arrestati padre e figlio, indagata a piede libero la mamma.
Estero
10 ore
Il Nobel per la Pace va ad Ales Bialiatski (e non solo)
L’attivista bielorusso condivide il riconoscimento con due organizzazioni umanitarie: il Russia’s Memorial e l’Ukraine’s Center for civil Liberties
Estero
12 ore
Milano violenta, arrestati i trapper Baby Gang e Simba La rue
Alla base del provvedimento una lite nella zona della movida finita a colpi di pistola contro due persone. Il giudice: ‘Violenza legata a logica di banda’
Confine
16 ore
Minori non accompagnati, aumenta la pressione in frontiera
Nel suo oratorio di Rebbio, don Giusto della Valle sta attualmente ospitando 15 ragazzi egiziani. A Como mancano strutture sufficienti per tutti.
Estero
23 ore
Nasce la Comunità politica europea, c’è anche la Svizzera
L’incontro a Praga con 44 Paesi presenti. C’è anche la Turchia. Restano fuori solo Russia e Bielorussia
© Regiopress, All rights reserved