laRegione
il-papa-dopo-mesi-di-prigione-il-viaggio-per-me-e-rivivere
(Keystone)
08.03.21 - 17:13
Aggiornamento: 17:31
Ats, a cura de laRegione

Il Papa: dopo mesi di 'prigione', il viaggio per me è rivivere

Papa Francesco è tornato in Vaticano dalla storica visita in Iraq. 'Mi sento diverso lontano dalla gente ma seguo le norme delle autorità, sono responsabili'

Un viaggio storico, che sembrava impossibile, e che ha portato consolazione e speranza ad una terra ferita dove, da generazioni, si vive tra guerre e attentati. Papa Francesco è tornato in Vaticano dall'Iraq. E' stanco, più del solito, come lui stesso ha ammesso. Ma profondamente grato di aver potuto realizzare questo sogno che coltivava da anni. Il mondo ha guardato al coraggio di questo anziano Pontefice che ad 84 anni ha deciso di fare quello che nessun potente della terra ha mai fatto.

Plaude il presidente degli Stati Uniti Joe Biden che la definisce "una visita storica" perché "ha inviato un messaggio importante: che la fraternità è più duratura del fratricidio, che la speranza è più potente della morte, che la pace è più potente della guerra".

"Vedere il Papa visitare antichi siti religiosi e Mosul, la città che solo pochi anni fa - sottolinea ancora Biden - era in mano alla intolleranza e alla malvagità di un gruppo come l'Isis, è un simbolo di speranza per il mondo intero". Ma a parlare di visita "molto positiva e molto importante" è anche il governo di Teheran. Commenti di una geopolitica che sembra cambiare pagina in quella zona difficile che è il Medio Oriente, proprio anche grazie ai gesti di questo Papa.

Il Presidente della Repubblica italiana Sergio Mattarella evidenzia "le parole di consolazione e di speranza per i cristiani e per tutti i credenti" pronunciate dal Papa, come anche l'appello "al rispetto dei diritti umani, alla tutela delle minoranze e al riconoscimento della piena cittadinanza quali fondamenti per una pacifica convivenza civile e un proficuo dialogo interreligioso".

Il Papa si affaccia a parlare con i giornalisti dopo i lunghi quindici mesi di assenza di viaggi apostolici a causa del Covid-19. Il suo sorriso parla della gioia che questo viaggio gli ha dato ma anche della stanchezza per un "tour de force" di tre giorni in un Paese che aspettava un Papa da sempre, e comunque da almeno vent'anni, quando Giovanni Paolo II fu costretto a cancellare la visita a causa della guerra.

"Dopo questi mesi di 'prigione', questo è per me rivivere, toccare la Chiesa, toccare il santo popolo di Dio", ha detto spiegando che non vede l'ora di ritornare a fare incontri anche in Vaticano. "Mi sento diverso quando sono lontano dalla gente" ma "seguo le norme delle autorità, loro sono responsabili". E poi dice che per fare questo viaggio in Iraq, in piena pandemia, ha pregato Dio di "occuparsi della gente". "Ho pregato tanto e alla fine ho preso la decisione liberamente, ma che veniva dal profondo" e ho pensato: "Quello che mi fa decidere così si occupi della gente, e cosi ho preso la decisione dopo la preghiera, con la consapevolezza dei rischi".

Poi ripercorre la visita, parlando dell'incontro con la guida spirituale degli sciiti iracheni il Grande Ayatollah Al-Sistani, "un grande, un saggio, un uomo di Dio". Un incontro che mette un altro mattone nella costruzione della fratellanza umana. "Tante volte si deve rischiare per fare questo passo" e "ci sono alcune critiche: 'il Papa non è coraggioso, è un incosciente, sta facendo dei passi contro la dottrina cattolica, è a un passo dall'eresia'" ma "queste decisioni si prendono sempre in preghiera, in dialogo", "non sono un capriccio".

Parla di quello che ha provato nel vedere le rovine di Mosul e nel sentire il dolore per gli orrori dell'Isis subiti dai cristiani, dagli yazidi, e dalle altre minoranze, negli anni dell'Isis. "Non immaginavo le rovine di Mosul", è stato "toccante", "da non credere, la crudeltà umana". "Ma quello che più mi ha toccato è stata la testimonianza di una donna a Qaraqosh che nei primi bombardamenti del Daesh ha perso il figlio" e "lei ha detto una parola: perdono", "questo è Vangelo puro".

Nel giorno dell'8 marzo lancia un appello: "Dobbiamo lottare per la dignità delle donne, sono coloro che portano avanti la storia".

I prossimi viaggi? Budapest a settembre, per la conclusione del Congresso eucaristico; forse nello stesso viaggio anche Bratislava. "Ho fatto la promessa di fare un viaggio in Libano", aggiunge. La sua Argentina? "Io voglio dirlo perché non si facciano fantasie di 'patriafobia': quando ci sarà l'opportunità si dovrà fare" il viaggio in Argentina, insieme anche ad Uruguay e Sud del Brasile. Ma ai giornalisti confida: "Vi confesso che in questo viaggio mi sono stancato molto di più che negli altri, gli 84 anni non vengono da soli, ma vedremo".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
iraq papa francesco vaticano
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
1 ora
Gli italiani troppo esigenti: Domino’s Pizza lascia il Belpaese
La catena americana chiude i negozi in Italia ufficialmente per le conseguenze della pandemia. Secondo il Ft non è riuscita a far breccia nella clientela
Estero
1 ora
Morto il beluga che si era smarrito nella Senna
Il cetaceo è stato sottoposto a eutanasia durante il trasferimento. L’esemplare era malato e non riusciva a nutrirsi.
Estero
1 ora
Berlusconi si candida al ritorno in Parlamento dopo la decadenza
Il leader di Forza Italia ha annunciato di volersi candidare al Senato, da cui era stato dichiarato decaduto nel 2013 dopo la condanna per frode fiscale
Estero
2 ore
Naufragio in Grecia, decine di migranti dispersi
Finora sono state trattate in salvo 29 persone. Continuano le ricerche. L’imbarcazione è affondata al largo dell’isola di Karpathos.
Estero
3 ore
Parigi, armato di coltello all’aeroporto: ucciso dalla polizia
È successo questa mattina allo scalo di Charles de Gaulle.
L’approfondimento
3 ore
‘Non si è Stati sovrani con due o tre riconoscimenti’
Solo tre Stati riconoscono a oggi le repubbliche separatiste ucraine. Cosa vuol dire? Ne parliamo con l’esperto di diritto internazionale
Estero
4 ore
Beluga nella Senna: riuscita la prima parte della liberazione
L’obiettivo è quello di riportarlo in mare. L’esemplare è stato sollevato e messo su una chiatta, dove è stato curato da una dozzina di veterinari.
il reportage
7 ore
Viaggio in Abkhazia, lo Stato separatista che non esiste
Vodka, pistole, autisti sbadati, ambasciatori ufficiosi, ministri con giacche troppo larghe, il fantasma di Stalin, frontiere immaginarie e dogane reali
Estero
15 ore
Esplosioni in Crimea. Kiev rivendica l’attacco
Mosca parla di incidente in un deposito di munizioni, ma fonti militari ucraine confermano che c’è la loro mano: ‘È solo l’inizio’
Estero
16 ore
Stop ai visti turistici ai russi nei Paesi Baltici
Kiev chiede lo stesso agli altri Paesi occidentali. Mosca taglia anche il petrolio
© Regiopress, All rights reserved