laRegione
allarme-onu-gli-stati-fanno-troppo-poco-per-il-clima
Keystone
Un quadro sconfortante
Estero
26.02.21 - 20:230
Aggiornamento : 20:43

Allarme Onu: gli Stati fanno troppo poco per il clima

Sfori insufficienti nell’attuazione dell’Accordo di Parigi, indica un rapporto. Lo scenario: emissioni tagliate solo dell’1 per cento nel 2030.

Roma – I Paesi del mondo non fanno abbastanza per combattere il riscaldamento globale. Negli ultimi tempi hanno aumentato gli sforzi, ma questi non bastano ancora per raggiungere gli obiettivi dell'Accordo di Parigi sul clima. E la pandemia di Covid-19, che assorbe risorse gigantesche, non aiuta certo.

L'ultimo rapporto dell'Unfccc (l'agenzia dell'Onu per la lotta alla crisi climatica), diffuso oggi, è scoraggiante. Settantacinque Paesi, che producono il 30% dei gas serra, hanno impegni per la riduzione che, nel 2030, porteranno ad un taglio complessivo delle emissioni di appena l'1%, rispetto ai valori del 2010.

Secondo il centro studi dell'Onu sul clima, l'Ipcc, per raggiungere l'obiettivo ottimale dell'Accordo di Parigi (mantenere il riscaldamento globale entro 1,5 gradi dai livelli pre-industriali), al 2030 bisognerebbe tagliare le emissioni globali del 45% (rispetto al 2010).

Un quadro sconfortante

Il rapporto dell'Unfccc è ancora parziale: riguarda solo 75 dei 196 paesi che hanno firmato l'Accordo di Parigi. Mancano i due più grandi produttori, Stati Uniti e Cina, che non hanno ancora comunicato all'agenzia i loro impegni, aggiornati rispetto a quelli presi a Parigi nel 2015.

Ma anche se lo studio riguarda solo il 30% delle emissioni globali, il quadro è sconfortante. Se quasi un terzo dei produttori mondiali di gas serra ha in programma di tagliare le emissioni di appena l'1% in dieci anni (quando bisognerebbe dimezzarle), ecco che i target dell'Accordo di Parigi diventano una chimera. Fra i 75 Paesi presi in considerazione nella ricerca preliminare ci sono Giappone, Brasile e Australia: grandi produttori di gas serra, con programmi di riduzione decisamente modesti.

Pioggia di critiche

"Questo rapporto mostra che i livelli attuali di ambizione climatica sono ben lontani dal metterci sulla strada per arrivare agli obiettivi dell'Accordo di Parigi - ha detto Patricia Espinosa, segretario esecutivo dell'Unfccc -. Mentre riconosciamo la svolta recente verso una più forte azione climatica nel mondo, le decisioni per accelerare ed ampliare ovunque l'azione devono essere prese ora". Espinosa ha chiarito che il rapporto è "uno scatto, non un panorama completo" sugli Ndc (Nationally Determined Contributions), mentre il Covid-19 pone sfide impegnative per molte nazioni nel completamento dei loro impegni per il 2020.

Per Tasneem Essop, direttore esecutivo del Climate Action Network, "il rapporto mostra con i freddi numeri come i Governi stiano fallendo nel fermare la crisi climatica". Jenninfer Morgan di Greenpeace International commenta che "i Paesi devono lavorare insieme per anteporre la tutela di persone e Pianeta agli interessi dell'industria fossile". Per Manuel Pulgar-Vidal del Wwf Internazionale "è ingiustificabile che i Paesi più ricchi al mondo, i quali rappresentano il 75% delle emissioni globali, non abbiano fatto la loro parte".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Confine
10 ore
Bullismo, processo per un minore comasco e sette ticinesi
Cinque mesi di bullismo ai danni di un coetaneo, all'epoca 15enne. Botte e persecuzioni riprese in video e condivise con i compagni di scuola
Estero
12 ore
GB, Carlo commosso: "Per mamma è stato una roccia"
I quattro figli del principe Filippo ricordano il padre: "Un pilastro sempre presente per la famiglia"
Estero
15 ore
Terremoto di magnitudo 6 al largo dell'Indonesia
Il sisma è stato registrato a una profondità di 82 km. Finora non si registrano vittime
Confine
16 ore
Festa di compleanno abusiva nei boschi di Gaggiolo
Sul posto sono intervenuti i militari della Guardia di Finanza. Dieci persone sono state sanzionate per violazione delle norme anti-covid
Estero
17 ore
Cina, maxi-multa da 2,6 miliardi di franchi ad Alibaba
Il gigante ha affermato di aver accettato la sanzione e si è impegnata a delineare già da lunedì dei piani per rendere le sue operazioni conformi
Estero
17 ore
Iran, USA avvertono. Non rimuoveremo tutte le sanzioni di Trump
Washington sarebbe disponibile a togliere però quelle che non sono in linea con l'intesa del 2015
Estero
1 gior
Coronavirus, Italia quasi tutta arancione da lunedì
Si comincia a ragionare su possibili aperture dal 20 aprile. La Sardegna torna rossa. In lockdown anche Campania, Puglia e Valle d’Aosta.
Estero
1 gior
Kim avverte il popolo, tempi duri per la Corea del Nord
Il leader nordcoreano evoca una nuova carestia e lancia l’appello a intraprendere un’‘Ardua marcia’
Estero
1 gior
Assassinato ad Atene un noto giornalista investigativo
Giorgos Karaivaz, volto della tv, è stato crivellato di colpi davanti casa. Gli investigatori ritengono che l’agguato sia stato preparato con cura.
Estero
1 gior
Lavoratori contro il sindacato, Amazon vince negli Usa
Nella votazione in Alabama prevale nettamente il ‘no’. La ‘Union’ punta il dito contro l’azienda, che respinge le accuse. Lunga battaglia legale in vista.
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile