laRegione
attacco-a-scuola-in-nigeria-rapite-oltre-300-ragazze
Keystone
42 persone erano state sequestrate la scorsa settimana in un collegio di Kagara
Estero
26.02.21 - 20:130
Aggiornamento : 20:37

Attacco a scuola in Nigeria, rapite oltre 300 ragazze

In corso un’operazione di salvataggio di polizia ed esercito. Una settimana fa erano stati sequestrati 42 persone (27 studenti).

Roma – Oltre 300 studentesse adolescenti sono state rapite in Nigeria da uomini armati durante la notte scorsa in un attacco avvenuto nello Stato di Zamfara, a nord-ovest del Paese. La denuncia è partita da un insegnante dell'istituto superiore, ubicato a Jangebe, ed è stata poi confermata dalla polizia, con un suo portavoce che ha annunciato un'operazione di salvataggio congiunta con l'esercito.

Secondo le autorità locali, i banditi sono arrivati all'una di notte in auto, facendo irruzione nei dormitori per poi portare via le ragazze, fatte spostare a piedi. Il portavoce della polizia ha specificato nel comunicato che una squadra di forze della sicurezza "pesantemente armata è stata inviata a Jangebe per appoggiare l'operazione di salvataggio in corso nei luoghi dove le 317 studentesse sarebbero state portate".

Secondo sequestro in sette giorni

La notizia arriva a solo una settimana dal sequestro di 42 persone - delle quali 27 studenti, tre insegnanti e 12 loro familiari - dopo un blitz di uomini armati contro un collegio di Kagara, città dello Stato del Niger, sempre a ovest della Nigeria. Anche la dinamica è analoga, perché a essere presi di mira sono stati, sempre nottetempo, i dormitori del collegio. "Siamo arrabbiati e rattristati per l'ennesimo attacco brutale contro studenti in Nigeria", ha detto Peter Hawkins, rappresentante del Fondo dell'Onu per l'infanzia in Nigeria.

Il Paese è ormai colpito da sequestri di massa sempre più frequenti, come prova anche il rapimento, lo scorso 11 dicembre, di 300 studenti nella città di Kankara, ubicata nello Stato di Katsina. In questo caso ad agire sono stati oltre 100 miliziani jihadisti di Boko Haram, che poi hanno rivendicato l'attacco e liberato gli ostaggi dopo negoziati con funzionari di governo.

Quando si parla di maxi-rapimenti in Nigeria, però, il pensiero corre sempre a quanto avvenuto il 14 aprile 2014, quando i miliziani islamisti sequestrarono 276 studentesse nella città di Chibok, situata nello Stato di Borno, a nord-est del Paese. Il leader di Boko Haram, Abubakar Shekau, disse che le ragazze sarebbero state vendute come spose schiave, scatenando una campagna internazionale per la loro liberazione che coinvolse anche figure di primo piano, come l'allora first lady degli Stati Uniti Michelle Obama. Da allora, un centinaio di ragazze sono fuggite o sono state liberate.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Confine
9 ore
Bullismo, processo per un minore comasco e sette ticinesi
Cinque mesi di bullismo ai danni di un coetaneo, all'epoca 15enne. Botte e persecuzioni riprese in video e condivise con i compagni di scuola
Estero
11 ore
GB, Carlo commosso: "Per mamma è stato una roccia"
I quattro figli del principe Filippo ricordano il padre: "Un pilastro sempre presente per la famiglia"
Estero
14 ore
Terremoto di magnitudo 6 al largo dell'Indonesia
Il sisma è stato registrato a una profondità di 82 km. Finora non si registrano vittime
Confine
15 ore
Festa di compleanno abusiva nei boschi di Gaggiolo
Sul posto sono intervenuti i militari della Guardia di Finanza. Dieci persone sono state sanzionate per violazione delle norme anti-covid
Estero
16 ore
Cina, maxi-multa da 2,6 miliardi di franchi ad Alibaba
Il gigante ha affermato di aver accettato la sanzione e si è impegnata a delineare già da lunedì dei piani per rendere le sue operazioni conformi
Estero
16 ore
Iran, USA avvertono. Non rimuoveremo tutte le sanzioni di Trump
Washington sarebbe disponibile a togliere però quelle che non sono in linea con l'intesa del 2015
Estero
1 gior
Coronavirus, Italia quasi tutta arancione da lunedì
Si comincia a ragionare su possibili aperture dal 20 aprile. La Sardegna torna rossa. In lockdown anche Campania, Puglia e Valle d’Aosta.
Estero
1 gior
Kim avverte il popolo, tempi duri per la Corea del Nord
Il leader nordcoreano evoca una nuova carestia e lancia l’appello a intraprendere un’‘Ardua marcia’
Estero
1 gior
Assassinato ad Atene un noto giornalista investigativo
Giorgos Karaivaz, volto della tv, è stato crivellato di colpi davanti casa. Gli investigatori ritengono che l’agguato sia stato preparato con cura.
Estero
1 gior
Lavoratori contro il sindacato, Amazon vince negli Usa
Nella votazione in Alabama prevale nettamente il ‘no’. La ‘Union’ punta il dito contro l’azienda, che respinge le accuse. Lunga battaglia legale in vista.
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile