laRegione
24.02.21 - 21:37

Nessuna esecuzione, l'ambasciatore ucciso in una sparatoria

Il diplomatico italiano Luca Attanasio e il carabiniere che lo scortava in Congo hanno perso la vita nello scontro a fuoco

nessuna-esecuzione-l-ambasciatore-ucciso-in-una-sparatoria
(Keystone)

Non è stata un'esecuzione a sangue freddo, nessun colpo sparato a bruciapelo. Luca Attanasio e Vittorio Iacovacci sono stati colpiti a morte, da due proiettili ciascuno, nello scontro a fuoco tra i loro assalitori e i ranger congolesi, intervenuti in soccorso nella foresta di Virunga. Sono i primi risultati delle autopsie eseguite al Policlinico Gemelli di Roma sui corpi dell'ambasciatore e del carabiniere, uccisi lunedì in un'imboscata nella Repubblica democratica del Congo. Le loro salme sono rientrate martedì sera in Italia, accolte dai familiari, dal premier Mario Draghi e dai ministri Lorenzo Guerini e Luigi Di Maio, in una cerimonia che il capo della Farnesina, in Senato per un'informativa sull'accaduto, ha definito "straziante". Domani si svolgeranno i funerali di Stato nella basilica di Santa Maria degli Angeli, poi i feretri partiranno per i loro comuni di origine: Attanasio a Limbiate, Iacovacci a Sonnino.

I primi risultati autoptici avvalorano dunque l'ipotesi di un tentativo di sequestro finito male - e non di un attacco mirato ad uccidere - mandato all'aria dall'arrivo inatteso dei ranger. Ma non chiariscono ancora da quali armi siano partiti i colpi. In sostanza non è ancora chiaro se i due italiani siano rimasti o meno vittime del fuoco amico. Attanasio è stato ferito all'addome, i colpi hanno trapassato il corpo da sinistra a destra, senza tuttavia lasciare residui bellici: sono stati infatti individuati sia i fori di entrata che quelli di uscita. Il diplomatico, come è ormai noto, è morto un'ora dopo all'ospedale della missione Onu Monusco di Goma. Iacovacci, che invece è morto sul posto, è stato raggiunto prima da uno sparo nella zona del fianco, poi da un secondo colpo che ha toccato prima l'avambraccio, fratturandolo, per poi fermarsi alla base del collo. Ed è qui che è stato individuato un proiettile di AK-47, un Kalashnikov.

Accusati gli hutu del fronte di liberazione

Secondo il governo di Kinshasa - che accusa gli hutu delle Forze democratiche di liberazione del Ruanda (Fdlr) di tentato sequestro "a scopo di estorsione" - i sei assalitori erano armati di "cinque kalashnikov e di un machete". Ma gli stessi fucili automatici sarebbero in dotazione anche alle guardie del parco nazionale dove è avvenuto l'agguato. Per questo i carabinieri del Ros, a Goma da ieri, intendono controllare le armi dei ranger e compararle al proiettile trovato nel corpo di Iacovacci e a quelli rinvenuti sulle auto del convoglio del Programma alimentare mondiale, assaltato nella provincia del Nord Kivu infestata da milizie.

Nell'imboscata è rimasto ucciso anche l'autista congolese, Mustapha Milambo, mentre gli altri 4 membri del Pam, inizialmente portati nella foresta dai rapitori insieme ai due italiani, sono in salvo. Tra loro il vicedirettore Rocco Leone, rimasto al momento in Congo. Ed è proprio al Pam, all'Onu e al segretario generale Antonio Guterres che l'Italia chiede "risposte chiare ed esaustive" sull'accaduto, ha spiegato Di Maio in aula a Palazzo Madama. In particolare, Roma vuole un'inchiesta sul "dispositivo di sicurezza utilizzato" e che chiarisca "a chi fossero in capo le decisioni" in merito al viaggio da Goma e Rutshuru, in una missione cui l'ambasciatore partecipava su invito della stessa agenzia Onu che avrebbe dovuto quindi garantirne l'incolumità, in un Paese che la Farnesina considera "in terza fascia di rischio (su quattro)", e cioè di "livello di minaccia alto". Proprio dopo la tragedia di lunedì il governo di Kinshasa ha stabilito che tutti i diplomatici stranieri presenti sul territorio nazionale congolese siano obbligati d'ora in avanti a segnalare al governo qualsiasi spostamento all'interno del Paese. Le autorità locali, nelle ore seguenti l'attacco, avevano fatto sapere di essere all'oscuro del fatto che Attanasio fosse in quella zona, e quindi di non averlo potuto proteggere. Mentre in mattinata il consigliere diplomatico di Palazzo Chigi Luigi Mattiolo ha ricevuto dalle mani di un inviato congolese una lettera personale del capo di Stato Félix Antoine Tshisekedi indirizzata al premier Draghi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Canada
2 ore
L’uragano Fiona lascia 500mila case senza corrente
Lo riferisce l’azienda elettrica locale, Nova Scotia Power, secondo quanto riportato da Cbc
Stati Uniti
4 ore
Problemi ai finestrini: le auto di Tesla tornano in garage
Richiamate 1,1 milioni di vetture per un aggiornamento del software che permetterà di ovviare a un malfunzionamento
Turchia
8 ore
‘Il referendum russo? Non lo riconosciamo’
Lo ha affermato il portavoce della presidenza turca Ibrahim Kal. La stessa cosa accadde anche per il referendum in Crimea nel 2014
Estero
9 ore
L’ultimo addio ad Abe
I funerali dell’ex premier giapponese, ucciso in un attentato, si terranno il prossimo 27 settembre
Estero
13 ore
La politica è un Hobbit (o un pelaverdure)
Cronaca semiseria dei comizi che hanno chiuso la campagna elettorale italiana, nell’attesa che arrivi domenica.
Estero
22 ore
Guardie armate porta a porta, al via i referendum in Ucraina
Milioni chiamati alle ‘urne’. Intanto il patriarca Kirill invita a combattere. E decine di migliaia di russi scappano all’estero
Estero
22 ore
Per l’ambasciatore svizzero l’occupazione di Izyum è ‘barbaria’
Dura presa di posizione della sede diplomatica elvetica in Ucraina. Visitati da Claude Wild i centri distrutti dagli occupanti russi
Stati Uniti d’America
23 ore
Aborto: ‘Datemi due senatori e ne farò una legge’
Duro attacco del presidente Biden alla fronda repubblicana: ‘Non sanno assolutamente nulla delle donne americane’
Italia
23 ore
Il piccolo Mattia risucchiato dall’acqua e dal fango per 13 km
Ritrovato l’ultimo disperso dell’alluvione che si è scagliata sulle Marche lo scorso 15 settembre. Il grande dolore dei genitori
Italia
1 gior
‘Cosa nostra, c’è il rischio di un ritorno a un passato buio’
La sorella del giudice Giovanni Falcone, ucciso dalla mafia, sui recenti casi di politici arrestati per infiltrazioni mafiose
© Regiopress, All rights reserved