laRegione
depardieu-sotto-inchiesta-per-stupro
(Keystone)
23.02.21 - 21:06

Depardieu sotto inchiesta per stupro

L'attore francese accusato da una giovane collega. L'inchiesta era stata inizialmente archiviata

Guai seri per Gérard Depardieu. Il popolare attore francese è ufficialmente sotto inchiesta per stupro e violenze sessuali, reati che avrebbe commesso nell'estate 2018 ai danni di una giovane attrice e che lui ha sempre negato. La presunta vittima aveva denunciato alla gendarmeria a fine agosto 2018 di essere stata stuprata qualche giorno prima a due riprese nella casa parigina dell'attore. L'inchiesta era stata archiviata in un primo tempo dalla procura, poi nell'estate 2020 la donna ne aveva ottenuto la riapertura.

Contattato dalla France Presse, l'avvocato dell'attore, Hervé Témime, ha "deplorato che questa informazione sia stata resa pubblica". Depardieu, che è stato lasciato libero senza nessun tipo di controllo giudiziario, "contesta totalmente i fatti che gli vengono imputati", ha ribadito il legale. La ventenne attrice sporse denuncia una prima volta a fine agosto 2018, recandosi alla gendarmeria di Lambesc, nel dipartimento delle Bouches-du-Rhône, non lontano da Aix-en-Provence, nel sud della Francia. In quell'occasione accusò Depardieu di stupro e aggressioni sessuali che si sarebbero ripetuti due volte presso la residenza parigina della star, un'elegante palazzina del VI arrondissement di Parigi, il 7 e il 13 agosto 2018.

Amici di famiglia

Secondo fonti vicine all'inchiesta, l'attore sarebbe un amico di famiglia della vittima. "Non c'è assolutamente nulla di professionale in questa storia", ha affermato la fonte, smentendo indiscrezioni di stampa che parlavano di provini teatrali. Il procedimento giudiziario contro l'attore simbolo del cinema francese (che dal 2013 è anche cittadino russo) era inizialmente affidato al tribunale di Aix-en-Provence ma ora è stato trasferito ai giudici parigini. Il 4 giugno 2019, al termine di nove mesi di inchieste preliminari, il pubblico ministero aveva archiviato il caso spiegando che le "numerose inchieste realizzate" non hanno "consentito di caratterizzare le infrazioni denunciate in tutti i loro elementi costitutivi". Tra i due si svolse anche un confronto presso gli uffici della polizia giudiziaria parigina.

A metà agosto 2020 però l'attrice è riuscita ad ottenere la riapertura dell'inchiesta attraverso una nuova denuncia con parte civile. Un ricorso che permette la designazione quasi automatica di un giudice per rilanciare le indagini. Contattata dalla stampa transalpina, la legale dell'attrice, Elodie Tuaillon-Hibon, ha chiesto che "l'intimità e la vita privata della sua assistita vengano rispettate"

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
gérard depardieu inchiesta stupro violenza
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
13 ore
Houston abbiamo un problema. Con le tute spaziali
Niente più uscite extraveicolari con i modelli Emu, fino al termine dell’indagine sull’incidente capitato al tedesco Matthias Maurer
Estero
15 ore
La Russia potrebbe ‘chiudere il gas’ alla Finlandia entro sabato
La principale azienda finlandese del gas, Gasum, ha rifiutato di passare al pagamento del gas in rubli
Estero
15 ore
L’Azerbaigian si dichiara pronto a firmare la pace con l’Armenia
Lo ha dichiarato il presidente azero Ilham Aliyev nel corso di un incontro con il presidente lituano Gitanas Naueda a Baku
Estero
17 ore
Erdogan insiste sul ‘no’ a Svezia e Finlandia nella Nato
Il presidente turco persiste nelle accuse ai due Paesi scandinavi candidati di ospitare membri del Pkk considerati terroristi da Ankara
Speciale Ucraina
22 ore
Il soldato russo si dichiara colpevole di crimini di guerra
Il 21enne è accusato di omicidio premeditato di un 62enne avvenuto nel nord-est dell’Ucraina. Segui il live de laRegione
Estero
1 gior
In Spagna lo Stato pagherà i congedi mestruali
Primo Paese in Europa a fare una legge. Permessi speciali di durata variabile. ‘Basta andare al lavoro imbottite di pillole’
Confine
1 gior
‘Big’ della logistica, infiltrazioni di ’ndrangheta dal Comasco
Un affiliato ai clan residente nel Comasco si sarebbe infiltrato nei subappalti della filiale italiana della tedesca Schenker, ora commissariata
Estero
1 gior
Germania: chiesti 5 anni per una ex guardia SS di 101 anni
L’uomo è accusato di aver aiutato tra il 1942 e il 1945 a uccidere più di 3’500 prigionieri
Confine
1 gior
AlpTransit a sud di Lugano, dall’Italia passi avanti
Per potenziare il traffico merci le Ferrovie italiane stanziano 100 milioni per il centro intermodale di Milano-Segrate, 70 milioni li mette la Svizzera
Estero
1 gior
Finlandia nella Nato, arriva anche il sì finale del parlamento
Larghissima maggioranza a favore dell’adesione di Helsinki: 188 i favorevoli, 8 i contrari. La richiesta dovrà ora essere approvata da tutti i 30 membri
© Regiopress, All rights reserved