laRegione
ministra-francese-attacca-l-islamo-gauchisme
(Keystone)
18.02.21 - 20:27

Ministra francese attacca l'islamo-gauchisme

Vidal scatena le polemiche sostenendo che la sinistra sarebbe compiacente nella diffusione di idee radicali legate all'Islam. Governo in imbarazzo.

"L'islamo-gauchisme è una cancrena della società nel suo insieme e l'università non ne è immune": con queste parole che annunciavano l'avvio di un'indagine per verificare che la produzione accademica sia imparziale rispetto al fenomeno islamista, la ministra dell'Insegnamento superiore, Frédérique Vidal, ha dato fuoco alle polveri. Su di lei piovono le critiche: dal governo che è apparso imbarazzato, a intellettuali come Thomas Piketty, che ne chiedono semplicemente "le dimissioni". La vicenda con al centro il cosiddetto islamo-gauchisme - termine con il quale si indica una benevolenza con la quale certa sinistra guarderebbe, spiegherebbe o tenterebbe di giustificare i fenomeni legati all'islam - non è nuova ed era stata sollevata, anche allora provocando polemiche, dal ministro dell'Educazione nazionale, Jean-Michel Blanquer. Ma Vidal è andata giù pesante: "Quello che osserviamo nelle università - ha dichiarato in un'intervista - è che c'è gente che può utilizzare i propri titoli e il proprio nome, ma sono una minoranza, per diffondere idee radicali o idee militanti". "Siamo scioccati da questa caccia alle streghe degna di un altro regime - ha protestato la deputata della sinistra radicale La France Insoumise, Bénédicte Taurine, presentando un'interrogazione al governo -. A cosa si fa riferimento? Lei non ha altro da fare che creare una polizia del pensiero?".

Reazioni a catena

Prima ancora delle prese di posizione del governo, preoccupato anch'esso di veder passare in secondo piano il tema dei problemi creati all'università dalla pandemia e dall'insegnamento a distanza, Vidal ha risposto: "Ci sono universitari che si lamentano perché viene loro impedito da altri di condurre le loro ricerche, i loro studi. L'università non funziona a compartimenti stagni, essa è attraversata da tutte le correnti della società, il ruolo dell'università è sempre di studiarle, comprenderle". Il giorno dopo è stato addirittura Emmanuel Macron a intervenire, difendendo in modo "assoluto - secondo le parole riferite dal portavoce Gabriel Attal - l'indipendenza degli insegnanti-ricercatori", "garanzia fondamentale della nostra Repubblica, una concezione condivisa da tutti i membri del governo". L'inchiesta voluta da Vidal per "distinguere quello che è ricerca accademica da quello che è il militantismo" continua però ad esacerbare gli animi. Nel governo, l'unico a difendere la ministra è stato il collega dell'Interno, Gérald Darmanin. La Conferenza dei presidenti delle facoltà universitarie ha denunciato "affermazioni caricaturali" da parte di Vidal e addirittura "battute da bar".

Il Cnrs, il Centro nazionale delle ricerche che dovrebbe condurre l'indagine, ha condannato "i tentativi di delegittimazione della ricerca". A tuonare è stato anche l'economista studioso delle "diseguaglianze", Thomas Piketty: per lui, la ministra "se ne deve andare". "L'orrore degli attentati del 2015-2016 - ha scritto su Liberation - e la decapitazione di Samuel Paty nel 2020 hanno spinto tutti a cercare delle spiegazioni e dei colpevoli. Fra i più disperati, ma anche fra i più cinici, alcuni hanno avuto l'idea geniale di sospettare di complicità jihadista qualsiasi ricercatore si interessi alle questioni della discriminazione".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
emmanuel macron francia frederique vidal islam sinistra
TOP NEWS Estero
Estero
37 min
‘Solo un sì è un sì’: violenze sessuali, la Spagna indica la via
Primo via libera del Parlamento alla legge che pone al centro il consenso esplicito. La ministra Irene Montero: frutto di 30 anni di lotta civica.
Stati Uniti
1 ora
‘Una decisione sbagliata’ non irrompere nella classe
Tre giorni dopo il massacro di Uvalde, il capo del Dipartimento di pubblica sicurezza prende la parola. Oltre cento i colpi sparati dal killer
Olanda
4 ore
Cadono due gondole nel parco a tema, quattro feriti
Una giostra perde pezzi: momenti di paura questo pomeriggio al Sprookjesbos di Valkenburg, nei Paesi Bassi
Estero
7 ore
Stavolta è un guasto informatico a tenere a terra easyJet
Dopo i voli cancellati causa Covid in aprile, la compagnia low-cost fermata da problemi con i computer. Duecento decolli annullati nel Regno Unito
Estero
12 ore
Canada, la polizia uccide un uomo armato vicino a una scuola
Un portavoce dell’Unità investigativa speciale della polizia di Toronto ha spiegato che due agenti di polizia hanno sparato all’uomo e lo hanno ucciso
Confine
1 gior
Disastro al Mottarone: ‘Fune vecchia ed errori umani’
Depositata la relazione intermedia della Commissione di indagine del Ministero dei trasporti. Poco spazio alla tesi della tragica fatalità
Estero
1 gior
Kiev: ‘Segnali di un’escalation a est’
Nel frattempo Mosca disposta a lasciar uscire dal porto di Mariupol le navi che portano grano solo se si eliminano le sanzioni. Segui il live de laRegione
Estero
1 gior
‘I poliziotti non hanno attuato protocollo post Columbine’
Dopo la strage avvenuta nel 1999 il protocollo prevede che gli agenti armati presenti sulla scena trovino l’aggressore e lo uccidano
Confine
1 gior
Milano-Zurigo in tre ore? ‘Il terzo binario va fatto’
In un’interrogazione la parlamentare comasca Chiara Braga sottolinea l’importanza di implementare la struttura ferroviaria tra Camnago e Cantù
Estero
1 gior
Il Wwf critica il ‘culto della bellezza’ per frutta e verdura
Il 40% degli alimenti prodotti globalmente non viene consumato. È come se tutto il cibo prodotto da gennaio a oggi fosse stato buttato
© Regiopress, All rights reserved