laRegione
17.02.21 - 22:01

Strasburgo a Mosca:‘Liberate Navalny, rischia la vita’

Continua il braccio di ferro tra Europa e Russia. Il Cremlino non cede: ‘Stop alle interferenze’

strasburgo-a-mosca-liberate-navalny-rischia-la-vita
(Keystone)

Nuovo scambio a palle incatenate tra Europa e Russia. Sempre sul caso Navalny. La Corte europea dei diritti umani (Cedu) ha infatti stabilito che l'oppositore russo va "scarcerato immediatamente", dato che in prigione "rischia la vita". A darne notizia, in Russia, è stata la legale di Navalny, sottolineando come la decisione della Cedu sia "senza precedenti". Giudizio condiviso da Mosca, ma per le ragioni opposte. "La sentenza - ha tuonato il ministro della Giustizia Konstantin Chuychenko - è una chiara e palese interferenza nel potere giudiziario di uno stato sovrano. In secondo luogo, questa richiesta è infondata e illegale, perché non contiene un solo fatto, una sola norma giuridica che permetta alla corte di emettere tale sentenza", ha detto il ministro. "In terzo luogo, questa richiesta è intrinsecamente impraticabile perché, secondo la legge russa, non ci sono motivi legali per il rilascio di questa persona dalla detenzione".

Il rebus sanzioni

Ora, come ha sottolineato la legale di Navalny, Olga Mikhailova, la Russia dovrebbe ottemperare alla sentenza della Cedu - che ha invocato l'articolo 39 del suo statuto - dato che Mosca fa parte del Consiglio d'Europa. Ma è anche vero che la recente riforma della Costituzione russa prevede che la Corte Suprema abbia il potere di respingere le disposizioni del diritto internazionale se giudicate incompatibili con la legislazione russa. Il caso Navalny potrebbe diventare la prima applicazione pratica del 'firewall' giudiziario voluto da Putin? "La richiesta della Cedu poggia i piedi nella sfera politica, non in quella legale", ha commentato il capo della commissione Esteri della Duma Leonid Slutsky. "Gli oppositori della Russia stanno usando sempre più la Corte di Strasburgo come strumento di pressione e di politicizzazione", ha aggiunto.

Ora tutti gli occhi sono puntati verso la ministeriale Esteri Ue e poi, a marzo, il vertice dei capi di governo. È qui che si deciderà davvero se varare nuove sanzioni contro Mosca, questa volta coi denti. Il Cremlino, per l'ennesima volta, ha ribadito di sperare che la volontà di perseguire il dialogo prevalga in Europa ma si è detto pronto a "qualsiasi" scenario. Intano in Russia l'attenzione è già rivolta alle elezioni politiche di settembre. "La scelta del popolo deve essere protetta da qualsiasi tentativo d'interferenza dall'estero: non possiamo permetterci e non permetteremo alcun colpo alla sovranità della Russia o al diritto del popolo di essere padrone della propria terra", ha detto oggi Vladimir Putin incontrando i capi dei gruppi politici alla Duma. Perché tutto si tiene.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
iran
5 ore
Festeggia la sconfitta con gli Usa, ucciso 27enne
Tanti manifestanti in strada a esultare come forma di protesta contro il regime, la polizia risponde col fuoco
siria
5 ore
Ucciso il capo dell’Isis, già annunciato un nuovo Califfo
Abu al-Hassan ‘morto in combattimento’, mistero sul quarto leader
Confine
9 ore
Benzina, lo sconto in Italia cala ma il prezzo resta migliore
In provincia di Como non sono preoccupati: ‘Rimaniamo molto più competitivi che in Ticino, per un pieno da noi si risparmieranno una decina di euro’
Spagna
10 ore
Bomba-carta all’ambasciata ucraina a Madrid, un ferito
La persona coinvolta nell’episodio ha ricevuto assistenza sanitaria, ma le sue condizioni non sarebbero gravi. Aperta un’indagine sull’accaduto
Estero
18 ore
È morto l’ex presidente cinese Jiang Zemin
Aveva 96 anni ed era malato di leucemia. Guidò la Cina dalla fine degli anni Ottanta verso il nuovo millennio
Video
Italia
19 ore
Frana a Ischia: la vignetta dello scandalo
Intanto è spuntato nelle ultime ore un video che riprende il momento esatto del tragico scoscendimento
Tunisia
19 ore
Scoop terroristico senza rivelare fonti: giornalista condannato
All’agente delle forze dell’ordine, che è stato la ‘talpa’ del servizio mandato in onda su una radio, tre anni di reclusione
Confine
20 ore
Sequestrati a Ronago otto orologi per un valore di 350mila euro
I sette Rolex e un Patek Philippe erano a bordo di un’auto in entrata in Italia dalla Svizzera. Denunciate due persone.
Estero
1 gior
Kiev e la diplomazia ripiombano nel buio
Un’altra giornata di guerra, un’altra giornata di speranze deluse e provocazioni. Intanto l’Alleanza atlantica rilancia il suo impegno
Estero
1 gior
La Cina sceglie la repressione, ma non solo
Pechino incolpa le ‘forze ostili’ ed è pronta a prevenire e sedare ulteriori proteste contro le misure anti-Covid, ma non esclude qualche allentamento
© Regiopress, All rights reserved