laRegione
allarme-ebola-la-guinea-dichiara-una-nuova-epidemia
Keystone
14.02.21 - 17:46

Allarme Ebola, la Guinea dichiara una nuova epidemia

Almeno sette persone già infettate in pochi giorni nel Paese africano. Dall’Oms vaccini e attrezzature.

Conakry – In piena pandemia di Covid-19, riappare lo spettro dell'Ebola. Il virus che provoca la micidiale febbre emorragica che in media uccide una volta su due e che riaffiora di periodicamente nelle parti più disastrate del continente africano in pochi giorni ha già infettato almeno sette persone e ne ha uccise almeno tre in Guinea.

Numeri che sono bastati al governo di Conakry per dichiarare prontamente lo stato di epidemia, ottenendo la pronta reazione dell'Organizzazione mondiale della sanità, che si è subito mobilitata per inviare sul posto vaccini e attrezzature. "Mobiliteremo rapidamente gli strumenti necessari - ha assicurato Alfred George Ki-Zerbo dell'Oms dopo una riunione con le autorità sanitarie di Conakry - per assistere la Guinea, che ha già una grande esperienza".

La Guinea, un’altra volta

Proprio dalla Guinea, infatti, iniziò a propagarsi la terribile epidemia di Ebola del 2013-2016, che fece un'ecatombe, uccidendo oltre 11'300 persone su 28'000 casi - molti però ritengono queste cifre largamente sottostimate - diffondendosi nelle vicine Liberia e Sierra Leone e facendo vittime nei cinque continenti, inclusi gli Stati Uniti, il Regno Unito, la Spagna e anche l'Italia, dove ci fu un morto.

Ma l'offensiva del temibile virus africano creò anche la sinergia mondiale che diede vita al vaccino. Oggi l'alleanza vaccinale internazionale Gavi Covex ha uno stock di mezzo milione di dosi pronte per fronteggiare le emergenze. "L'arsenale oggi è più esteso di un tempo e dobbiamo trarre subito profitto da questa situazione per circoscrivere la situazione il più rapidamente possibile. L'Oms è mobilitato a tutti i livelli e in collegamento con i produttori (di vaccini) perché le dosi necessarie siano a disposizione quanto prima", ha aggiunto il professor Ki-Zerbo.

Allerta sanitaria nei Paesi vicini

Una delle tre vittime denunciate dalla Guinea è un infermiere che ha sviluppato i sintomi della febbre emorragica alla fine di gennaio ed è stato sepolto il primo di febbraio, prima che la diagnosi fosse dichiarata. E così alcune persone che parteciparono al funerale hanno sviluppato a loro volta diarrea, vomito, emorragie, febbre alta, tutte nella regione sud-orientale di Nzérékoré. Da oggi gli Stati vicini, a cominciare dalla Liberia, sono in allerta sanitaria.

Dal 1976 - quando il virus è stato classificato per la prima volta durante un focolaio in prossimità del fiume Ebola, in Congo, da cui prese il nome - fino al 2012 l'Oms aveva tracciato 24 focolai con quasi 1'600 morti. Poi ci furono gli 11'300 morti della grande epidemia del 2013 durata oltre tre anni.

Da allora ci sono stati diversi focolai in Africa centrale, i più consistenti dei quali tutti in Congo. L'ultimo, l'undicesimo, dichiarato dall'Oms un'emergenza mondiale, è stato ufficialmente domato lo scorso novembre dopo 55 morti.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ebola epidemia guinea oms
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
14 ore
Salman Rushdie è sulla via della guarigione
Lo ha detto il suo agente, Andrew Wylie, in un comunicato al Washington Post
Estero
16 ore
Si schianta in auto contro Capitol Hill, spara e si suicida
Un uomo si è schiantato contro la Cancellata del Congresso, ha poi esploso alcuni colpi in aria e si è tolto la vita. Nessun altro è rimasto ferito
Estero
16 ore
Spopolamento a Venezia, abitanti sotto la soglia dei 50mila
Il processo sembra inarrestabile. Nel 2002 il capoluogo aveva 64mila residenti.
Estero
16 ore
Dopo Rushdie, minacce su Twitter a Rowling: ‘Tu la prossima’
Il messaggio minaccioso è stato inviato all’autrice della saga di Harry Potter come replica a un tweet. Il profilo dell’autore è poi sparito
Estero
17 ore
In 10mila a ballare contro la mafia a ‘casa’ del boss
Migliaia di giovani hanno partecipato all’evento ‘Musica&Legalità’ a Castelvetrano, paese del boss di Cosa Nostra latitante Matteo Messina Denaro
Estero
18 ore
Troppo pericoloso per il pubblico: abbattuto il tricheco Freya
Il mammifero marino era diventato abitudinario nel fiordo di Oslo e le autorità, dopo una valutazione completa, hanno deciso per l’eutanasia
Estero
20 ore
Costa Concordia, la Cedu conferma la condanna a Schettino
La Corte europea dei diritti umani ha rigettato il ricorso del capitano della nave naufragata contro la condanna a 16 anni di reclusione
Confine
21 ore
Sulla strada per la Valtellina vigilia di Ferragosto di caos
Una frana nella notte ha causato la chiusura della corsia nord della Milano-Lecco-Valtellina, provocando incolonnamenti in direzione di Sondrio
Estero
23 ore
Salman Rushdie staccato dal respiratore e riesce a parlare
Lo scrittore era stato colpito venerdi a New York con dieci coltellate ed era in condizioni gravi
Italia
1 gior
Milano capitale d’Italla delle multe: 102 milioni di incassi
A Napoli soli 27mila euro dagli autovelox. Il record a Melpignano: 5 milioni di incassi (2’300 a cittadino, se rapportato al numero di abitanti)
© Regiopress, All rights reserved