laRegione
inquinamento-in-nigeria-processi-nel-regno-unito
Keystone
Inquinamento da petrolio nel delta del Niger
12.02.21 - 18:52

Inquinamento in Nigeria, processi nel Regno Unito

Via libera della Corte Suprema di Londra alle azioni di risarcimento delle comunità locali nigeriane

Londra – La Shell potrebbe essere chiamata a indennizzare dinanzi alla giustizia del Regno Unito i danni provocati dall'inquinamento di vaste aree della Nigeria inondate in anni passati dalla fuoriuscita di petrolio da alcuni suoi impianti. Lo ha deciso la Corte Suprema di Londra, rovesciando due sentenze precedenti che avevano negato la ricevibilità di azioni legali intentate a nome di quasi 50'000 nigeriani delle comunità locali degli Ogale e dei Bille e la responsabilità del vertice centrale della compagnia anglo-olandese rispetto a conseguenze ambientali da prevedere in anticipo.

La Corte ha decretato che le motivazioni degli avvocati che rappresentano le due comunità - stando alle quali la casa madre del colosso petrolifero avrebbe dovuto conoscere i rischi ed esercitare una forma di controllo sulla sua sussidiaria nigeriana, la Spdc, accusata di negligenza per il massiccio sversamento di greggio avvenuto nella zona del delta del Niger nel 2015 con conseguente inquinamento di alcune falde acquifere - meritano di essere approfondite "in sede processuale". In precedenza sia l'Alta Corte di Londra, sia una Corte d'Appello avevano viceversa escluso qualunque ipotesi di ricorsi diretto contro la struttura centrale di Royal Dutch Shell.

Questa svolta "dà una speranza di giustizia alle popolazioni Ogale e Bille", ha commentato l'avvocato Daniel Leader, dello studio legale Leigh Day che assiste i ricorrenti. "È un verdetto che renderà più ardui i tentativi delle multinazionali di alzare barricate procedurali contro questo tipo di ricorsi", ha aggiunto. 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
inquinamento niger nigeria processi shell
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Spagna
7 min
Oltre 21mila ettari di bosco arsi dalle fiamme in Spagna
Due grossi incendi stanno devastando le località di Bejís e la Valle d’Ebo, nell’est della Spagna. Tremila le persone sfollate
Estero
1 ora
Covid, quindicimila decessi in una settimana
Per il direttore dell’Oms Tedros Ghebreyesus, una ‘situazione inaccettabile ora che abbiamo gli strumenti per prevenire le infezioni’
Italia
1 ora
Secca del Po, ‘il peggio è passato, ma ora si deve agire’
Lo afferma Alessandro Bratti, segretario generale dell’Autorità distrettuale del Fiume Po: ‘Interventi strutturali non più procrastinabili’
Germania
2 ore
Una chiatta in avaria blocca il Reno a Magonza
L’imbarcazione si è arenata non lontano dalla strettoia di Kaub, punto cruciale per la navigazione fluviale
Germania
4 ore
Saluto nazista agli atleti: arrestato un addetto sicurezza
Presa di mira la delegazione israeliana che si stava recando verso il monumento alla memoria dei compatrioti uccisi dai terroristi nel 1972
Estero
9 ore
La Corea del Nord ha lanciato due missili da crociera
Lo ha reso noto il ministero della Difesa di Seul. Si tratta del primo test missilistico da settimane
Estero
22 ore
Il Pd vara le liste tra le polemiche
Delusione degli ex renziani, epurati da Letta. Cirinnà dice no, poi ci ripensa. Il segretario parla di rinnovamento
taiwan
22 ore
Gli Usa testano missile nucleare a lungo raggio nel Pacifico
Il ministero della Difesa di Taipei ha rilevato 5 navi e 17 caccia cinesi intorno all’isola, con 10 jet che hanno volato attraverso la linea mediana
la guerra in ucraina
22 ore
Colpita un’altra base in Crimea. Putin contro gli Usa
Giovedì vertice tra Zelensky, Erdogan e Guterres a Leopoli. La rivendicazione però non arriva, se non da canali non ufficiali
Estero
1 gior
Una svizzera muore durante una festa techno illegale
Le cause della morte sono oggetto di un’inchiesta. All’evento, organizzato via Telegram, non ci sarebbero state né misure di sicurezza né sanitarie
© Regiopress, All rights reserved