laRegione
10.02.21 - 20:47

Liberata l'attivista per i diritti delle donne saudite

Lojuain al-Hathloul è tornata a casa. Con le sue battaglie per poter guidare l'automobile aveva messo in difficoltà il regime

liberata-l-attivista-per-i-diritti-delle-donne-saudite
(Amnesty International)

Dopo mille giorni in prigione, Loujain al-Hathloul è libera. Attivista per i diritti umani, 31 anni, Loujain è divenuta nota in tutto il mondo per aver fatto campagna a favore del diritto delle donne del suo Paese, l'Arabia Saudita, a guidare l'automobile.

Arrestata nel maggio del 2018, pochi mesi prima di vedere quel diritto finalmente riconosciuto, da oggi "Loujain è a casa!", ha annunciato su Twitter con gioia sua sorella Lina, precisando che dietro le sbarre Loujain ha trascorso ben 1.001 giorni e pubblicando anche una sua foto.
Loujain al-Hathloul era stata condannata lo scorso dicembre da un Tribunale penale istituito per processare casi di terrorismo a cinque anni e otto mesi di prigione, dopo essere stata accusata, secondo quanto riferirono allora fonti saudite, di "incitamento a cambiare il regime di governo del Regno e aveva  cooperato con individui ed entità per portare avanti un'agenda  straniera".

La sentenza sollevò un'ondata di indignazione e critiche in tutto il mondo, mitigata poi dalla notizia che parte della condanna - due anni e dieci mesi - era stata sospesa. Una concessione però legata a un impegno di al-Hathloul a "non commettere altri crimini per altri tre anni", come riferì ancora sua sorella Lina. Questa riduzione, unita al tempo già trascorso in carcere, ha portato oggi alla sua liberazione, anche se con l'obbligo di rimanere in Arabia Saudita per i prossimi cinque anni, secondo quanto ha fatto sapere la sua famiglia.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Portogallo
1 ora
Pedofilia: il vescovo di Fatima indagato per copertura abusi
Il religioso è rimasto sorpreso dall’informazione, fornitagli da una persona legata ai media: “Collaborerò per chiarire queste situazioni drammatiche”
Africa
3 ore
Burkina Faso, secondo colpo di stato in otto mesi
Il nuovo uomo forte del Paese, nominato presidente dell’Mprs, è ora il capitano Ibrahim Traoré. Frontiere terrestri e aeree chiuse.
Europa
6 ore
Crisi energetica: con gasdotto Grecia-Bulgaria nuova era Ue
L’Ue, ha sottolineato la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, ha sostenuto il progetto “sia finanziariamente che politicamente”
Estero
6 ore
Falle Nord Stream in zona discarica armi chimiche
Ma è probabile che l’effetto delle perdite di gas sulle armi chimiche sia minimo, poiché sono sepolte a diversi chilometri
Italia
9 ore
Prega sulla tomba del padre per 33 anni, ma non è lui
Al cimitero in Abruzzo. La scoperta da parte di una donna di 61 anni nel momento della traslazione della salma nell’ossario.
Estero
13 ore
‘Rascismo’: il fascismo russo che piace a Putin
L’ideologia del Cremlino ha una robusta matrice intellettuale nella storia del Paese e condensa alcune caratteristiche classiche dell’estrema destra
Estero
1 gior
Il proclama di Putin: ‘Le regioni annesse nostre per sempre’
Al Cremlino in corso la cerimonia di firma dei trattati di annessione alla Russia delle regioni ucraine in cui si son tenuti i referendum-farsa pro Mosca
la guerra in ucraina
1 gior
Quarta falla nel Nord Stream, la Nato in allerta
‘Risponderemo ad attacchi’. Mosca: ‘Non si sa se sarà riavviato’
Estero
1 gior
Putin sfida il mondo e annette i territori ucraini
La firma al Cremlino. Dopo Polonia e Paesi baltici, anche la Finlandia chiude i confini ai russi. L’esodo di chi non vuole andare in guerra prosegue a est
Confine
2 gior
Sacerdote ciadiano trovato morto a Bresso. Era giunto da Locarno
Del religioso si erano perse le tracce da diversi giorni. Il suo corpo senza vita era appeso a una recinzione nei pressi del camposanto
© Regiopress, All rights reserved