laRegione
jihadista-vodese-condannato-a-15-anni-di-carcere-a-parigi
Keystone
Preparava partenze per la Siria
15.01.21 - 19:22

Jihadista vodese condannato a 15 anni di carcere a Parigi

Il 31enne riconosciuto colpevole di aver reclutato uomini intenzionati a commettere attentati in Francia e in Svizzera

Parigi – La Corte d'assise speciale di Parigi ha condannato oggi un vodese accusato di terrorismo a 15 anni di carcere. Il 31enne è stato riconosciuto colpevole in particolare di aver reclutato, tramite un sistema di messaggistica criptata, un gruppo di uomini che intendevano prepararsi a commettere attacchi in Francia e in Svizzera.

Il tribunale ha inoltre imposto al cittadino svizzero d'origine bosniaca, domiciliato a Yverdon-les-Bains (Vd), un divieto a vita di entrata in territorio francese. La sentenza è in linea con le richieste dell'accusa. Altri sei imputati sono stati condannati a pene comprese tra i tre anni e mezzo e i dodici anni di reclusione.

Associazione criminale ‘incubatore’ di progetti terroristici

Per il tribunale il 31enne ha creato un'associazione criminale con l'obiettivo di attuare attentati, di preparare partenze per la Siria e di diffondere propaganda jihadista. Per la corte, l'associazione era un "incubatore" di progetti terroristici e non solo un luogo di discussione, come ha invano sostenuto la difesa.

Quest'ultima ha indicato che le dichiarazioni dell'imputato erano senz'altro molto violente, ma che egli non aveva mai avuto l'intenzione di passare dalle parole ai fatti.

L'uomo era stato arrestato tre anni fa mentre si recava in Francia. Durante questa operazione antiterrorismo franco-svizzera, resa nota dalla radiotelevisione romanda Rts, altre persone erano state fermate nella regione parigina e nel Dipartimento delle Alpi marittime.

Con un sistema di messaggeria criptata

Per mesi i sette radicalizzati hanno discusso di attacchi terroristici e di come realizzare tali progetti servendosi di un sistema di messaggistica criptata. Il vodese vi ha espresso le sue riflessioni su modalità e obiettivi di attentati, vi ha selezionato le persone più determinate a portare a termine gli attacchi, ha assegnato i ruoli e si è offerto di fornire armi.

Allo stesso tempo, sempre secondo l'accusa, è stato violento con la moglie e i vicini, ha imparato a sparare e a testare esplosivi. Martedì davanti al tribunale, lo svizzero ha espresso il suo rammarico e chiesto ai giudici di "dargli una possibilità".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
attentati francia jihadista terrorismo vodese
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
30 min
Gli italiani troppo esigenti: Domino’s Pizza lascia il Belpaese
La catena americana chiude i negozi in Italia ufficialmente per le conseguenze della pandemia. Secondo il Ft non è riuscita a far breccia nella clientela
Estero
35 min
Morto il beluga che si era smarrito nella Senna
Il cetaceo è stato sottoposto a eutanasia durante il trasferimento. L’esemplare era malato e non riusciva a nutrirsi.
Estero
58 min
Berlusconi si candida al ritorno in Parlamento dopo la decadenza
Il leader di Forza Italia ha annunciato di volersi candidare al Senato, da cui era stato dichiarato decaduto nel 2013 dopo la condanna per frode fiscale
Estero
1 ora
Naufragio in Grecia, decine di migranti dispersi
Finora sono state trattate in salvo 29 persone. Continuano le ricerche. L’imbarcazione è affondata al largo dell’isola di Karpathos.
Estero
2 ore
Parigi, armato di coltello all’aeroporto: ucciso dalla polizia
È successo questa mattina allo scalo di Charles de Gaulle.
L’approfondimento
2 ore
‘Non si è Stati sovrani con due o tre riconoscimenti’
Solo tre Stati riconoscono a oggi le repubbliche separatiste ucraine. Cosa vuol dire? Ne parliamo con l’esperto di diritto internazionale
Estero
3 ore
Beluga nella Senna: riuscita la prima parte della liberazione
L’obiettivo è quello di riportarlo in mare. L’esemplare è stato sollevato e messo su una chiatta, dove è stato curato da una dozzina di veterinari.
il reportage
7 ore
Viaggio in Abkhazia, lo Stato separatista che non esiste
Vodka, pistole, autisti sbadati, ambasciatori ufficiosi, ministri con giacche troppo larghe, il fantasma di Stalin, frontiere immaginarie e dogane reali
Estero
15 ore
Esplosioni in Crimea. Kiev rivendica l’attacco
Mosca parla di incidente in un deposito di munizioni, ma fonti militari ucraine confermano che c’è la loro mano: ‘È solo l’inizio’
Estero
15 ore
Stop ai visti turistici ai russi nei Paesi Baltici
Kiev chiede lo stesso agli altri Paesi occidentali. Mosca taglia anche il petrolio
© Regiopress, All rights reserved