laRegione
12.01.21 - 21:40
Aggiornamento: 22:34

Aleksey Navalny: ‘In Russia chiesta la mia carcerazione’

Secondo l'oppositore di Vladimir Putin, a Mosca lo accuserebbero di violazione dei termini della sospensione condizionale di una vecchia pena

Ats, a cura de laRegione
aleksey-navalny-in-russia-chiesta-la-mia-carcerazione
Aleksey Navalny, oppositore del presidente russo Vladimir Putin (Foto Keystone)

Una nuova spada di Damocle pende sulla testa di Aleksey Navalny. L'oppositore russo e rivale numero uno del presidente russo Vladimir Putin ha annunciato che le autorità penitenziarie di Mosca chiedono la sua carcerazione accusandolo di aver violato i termini della sospensione condizionale della pena concessagli per una controversa condanna di più di sei anni fa.

Obiettivo: ostacolarne il rientro in Russia

La sentenza è vecchia ma la grana giudiziaria è del tutto nuova e secondo gli alleati di Navalny il suo vero obiettivo sarebbe quello di ostacolare il ritorno in Russia del trascinatore delle proteste anti-Putin. La tempesta era nell'aria. Navalny è ancora in Germania, in convalescenza dopo il presunto avvelenamento che ha fatto a lungo temere per la sua vita e per il quale il Cremlino resta il principale indiziato. Eppure questo non ha impedito al servizio penitenziario di lanciargli un grottesco ultimatum che si potrebbe più o meno sintetizzare così: "O torni a Mosca entro domattina o rischi di finire dietro le sbarre".

Era il 28 dicembre quando le autorità hanno inviato questo avvertimento al dissidente chiedendogli di presentarsi davanti al giudice di sorveglianza in tempi record sulla base di una sentenza del 2014 da molti ritenuta di matrice politica. Il periodo di prova sarebbe scaduto appena due giorni dopo, il 30 dicembre. Quel vecchio processo - bocciato dalla Corte Europea dei diritti dell'Uomo - riguardava una presunta truffa alla società francese di cosmetici Yves Rocher e si concluse con la condanna di Aleksey Navalny e di suo fratello Oleg a tre anni e mezzo di reclusione. Allora all'oppositore fu concessa la sospensione condizionale della pena, ma suo fratello Oleg finì davvero in carcere.

Putin sarebbe infuriato

"Putin è così infuriato per il fatto che sono sopravvissuto all'avvelenamento che ha ordinato al servizio penitenziario federale di andare in tribunale e chiedere di trasformare la mia condanna con la condizionale in una condanna reale", ha commentato Navalny su Twitter pubblicando uno screenshot del database del tribunale di Mosca che riguarda il suo caso. "Cos'altro inventarsi per far in modo che Navalny non torni in Russia?" ha twittato a sua volta la portavoce del dissidente, Kira Yarmish.

Navalny adesso rischia in effetti di finire in carcere tornando in patria. I suoi guai con la giustizia non si limitano infatti al caso Yves-Rocher. Appena un paio di settimane fa l'oppositore è stato accusato dagli investigatori russi di aver speso per fini personali circa 3,9 milioni di euro raccolti dalle sue organizzazioni non-profit, compresa la Fondazione Anticorruzione che tante volte ha messo in imbarazzo Putin e i suoi più stretti alleati. Si tratta dell'ennesima tegola giudiziaria per Navalny, che entra ed esce dal carcere per le sue proteste antigovernative. Ma stavolta il rischio è elevato: una condanna potrebbe costringere il dissidente a trascorrere fino a dieci anni dietro le sbarre.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
gerusalemme
12 ore
La risposta palestinese è un attacco alla sinagoga
Uomo apre il fuoco in un rione ortodosso di Gerusalemme: uccise 7 persone. L’attentatore è stato colpito a morte dagli agenti. Hamas esulta.
Estero
12 ore
Afroamericano ucciso da agenti, video shock del pestaggio
Il capo della polizia di Memphis: ‘Disprezzo per la vita umana’. Attese proteste, appello alla calma da parte della mamma della vittima.
Estero
12 ore
Tensione dopo scontri a Jenin: razzi da Gaza, raid di Israele
Dopo l’‘operazione antiterrorismo’ israeliana con 9 vittime palestinesi, nella notte la Jihad islamica attacca, Tel Aviv risponde con l’aviazione
Estero
14 ore
Benedetto XVI: ‘L’insonnia il motivo centrale delle dimissioni’
Il defunto papa, in una lettera di ottobre al suo biografo resa nota oggi, narrava i problemi causati dalla mancanza di sonno e dai sonniferi prescritti
Oceania
22 ore
Un navigatore svizzero disperso nel mare al largo dell’Australia
Stando alla polizia australiana l’80enne è partito in direzione della Nuova Zelanda a bordo del suo yacht. Non si hanno sue notizie dal 5 dicembre.
Stati Uniti
23 ore
A Capitol Hill, a sorpresa, c’è anche Elon Musk
Il miliardario ha discusso con i leader di repubblicani e democratici il modo per assicurare ‘che Twitter sia equa nei confronti dei due partiti’
l’invasione russa
1 gior
Mosca risponde ai tank, missili ipersonici sull’Ucraina
Almeno 11 morti nei raid. Putin e Zelensky chiudono la porta ai colloqui
cisgiordania
1 gior
Esercito israeliano irrompe a Jenin: 10 morti
Scontri durante un’operazione definita di ‘antiterrorismo’ in un campo profughi. Dura presa di posizione di Abu Mazen. Hamas: ‘Tel Aviv la pagherà’
balcani
1 gior
Solo il 43% dei serbi vuole entrare nell’Ue
Nel sondaggio non si dicono convinti di voler abbracciare l’Unione europea. Il sistema sociale più ambito? Quello svizzero
russia
1 gior
Putin mette al bando Meduza ‘Testata indesiderata’
Il media indipendente nel mirino della censura del Cremlino: ‘Non molliamo’
© Regiopress, All rights reserved