laRegione
ue-e-cina-firmano-lo-storico-accordo-sugli-investimenti
Keystone
Intesa in videoconferenza
30.12.20 - 20:29

Ue e Cina firmano lo storico accordo sugli investimenti

Intesa politica dopo sette anni di negoziati. Critiche all’Unione per non aver ottenuto di più sugli standard lavorativi e i diritti umani.

Bruxelles – Dopo sette anni di negoziati tormentati, più volte arenati su questioni delicate come i diritti umani, l'Unione europea e la Cina decidono di accelerare il confronto e chiudere lo storico accordo sugli investimenti per dare un segnale all'economia proprio alla fine dell'anno orribile della crisi pandemica. Ue e Cina "si uniranno per dare il via a un nuovo inizio nel 2021", ha detto il presidente cinese Xi Jinping, soddisfatto di aver sfilato agli Usa il partner transatlantico nella partita contro Pechino.

È "un passo fondamentale, una pietra miliare" la definisce il responsabile Ue del commercio, Valdis Dombrovskis, che invita a guardare ai benefici per le imprese europee che avranno un accesso molto più ampio e facilitato ad un mercato da 1,4 miliardi di persone, in continua e rapida crescita. Con nessun altro Paese al mondo, spiega Dombrovskis, la Cina si è impegnata ad aprire il suo mercato in modo così ampio. Tra le due parti, "la Ue è certamente quella che ha ottenuto di più, perché finora c'era uno squilibrio nei rapporti, con il mercato europeo di default più aperto di quello cinese, che l'accordo aggiusterà", ha aggiunto il vicepresidente.

Accesso ‘senza precedenti’ al mercato cinese

È storicamente difficile per le aziende europee mettere in piedi un business in Cina, spiega la Commissione. L'accordo Cai (Comprehensive Agreement on Investment) assicurerà l'accesso agli investitori europei al mercato cinese in settori chiave come i nuovi veicoli elettrici e a idrogeno, manifattura, servizi finanziari e sanitari, cloud computing. Un "accesso senza precedenti, che dà certezza alle imprese".

Con il Cai, spiega la Ue "la Cina si impegna a trattare le nostre aziende in modo equo, in modo tale che potranno approfittare maggiormente del suo vasto mercato in crescita". Pechino assicurerà "parità di condizioni" chiarendo gli obblighi per le imprese di Stato cinesi, proibendo i trasferimenti forzati di tecnologia e altre pratiche distorsive, e aumentando la trasparenza sui sussidi". Le imprese europee, quindi, "beneficeranno di un trattamento più equo quando competeranno nel mercato cinese".

Anche clima, ambiente e norme sul lavoro

L'accordo prevede anche impegni "importanti" sul clima e l'ambiente, inclusa l'attuazione dell'accordo di Parigi, e sugli standard lavorativi. La Cina si è infatti impegnata ad attuare le convenzioni dell'organizzazione mondiale per il lavoro (Ilo) già firmate, e a lavorare per la ratifica delle altre, anche quelle sul lavoro forzato.

Su questo punto, come su quello dei diritti umani, si concentrano le critiche alla Ue che si sarebbe accontentata di poco pur di chiudere l'intesa. Critiche estese anche alla Merkel, che ha spinto perché il dossier si chiudesse sotto la sua presidenza della Ue. In realtà c'è ancora tempo, almeno un anno, per assicurarsi che Pechino rispetti i patti: l'accordo politico concluso oggi è solo l'inizio di un processo che si chiuderà con la firma del documento finale sotto presidenza francese della Ue, nel 2022. Nel frattempo molto può ancora succedere: ad esempio, il Parlamento Ue, che deve valutare l'accordo e aveva chiesto che il Cai contenesse garanzie contro lo sfruttamento della minoranza musulmana degli uiguri, potrebbe non ritenere sufficiente l'assicurazione cinese sugli standard lavorativi, facendo slittare la ratifica.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
accordo cina diritti umani investimenti ue
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
1 ora
Gli italiani troppo esigenti: Domino’s Pizza lascia il Belpaese
La catena americana chiude i negozi in Italia ufficialmente per le conseguenze della pandemia. Secondo il Ft non è riuscita a far breccia nella clientela
Estero
1 ora
Morto il beluga che si era smarrito nella Senna
Il cetaceo è stato sottoposto a eutanasia durante il trasferimento. L’esemplare era malato e non riusciva a nutrirsi.
Estero
2 ore
Berlusconi si candida al ritorno in Parlamento dopo la decadenza
Il leader di Forza Italia ha annunciato di volersi candidare al Senato, da cui era stato dichiarato decaduto nel 2013 dopo la condanna per frode fiscale
Estero
2 ore
Naufragio in Grecia, decine di migranti dispersi
Finora sono state trattate in salvo 29 persone. Continuano le ricerche. L’imbarcazione è affondata al largo dell’isola di Karpathos.
Estero
3 ore
Parigi, armato di coltello all’aeroporto: ucciso dalla polizia
È successo questa mattina allo scalo di Charles de Gaulle.
L’approfondimento
3 ore
‘Non si è Stati sovrani con due o tre riconoscimenti’
Solo tre Stati riconoscono a oggi le repubbliche separatiste ucraine. Cosa vuol dire? Ne parliamo con l’esperto di diritto internazionale
Estero
4 ore
Beluga nella Senna: riuscita la prima parte della liberazione
L’obiettivo è quello di riportarlo in mare. L’esemplare è stato sollevato e messo su una chiatta, dove è stato curato da una dozzina di veterinari.
il reportage
8 ore
Viaggio in Abkhazia, lo Stato separatista che non esiste
Vodka, pistole, autisti sbadati, ambasciatori ufficiosi, ministri con giacche troppo larghe, il fantasma di Stalin, frontiere immaginarie e dogane reali
Estero
16 ore
Esplosioni in Crimea. Kiev rivendica l’attacco
Mosca parla di incidente in un deposito di munizioni, ma fonti militari ucraine confermano che c’è la loro mano: ‘È solo l’inizio’
Estero
16 ore
Stop ai visti turistici ai russi nei Paesi Baltici
Kiev chiede lo stesso agli altri Paesi occidentali. Mosca taglia anche il petrolio
© Regiopress, All rights reserved