laRegione
30.11.20 - 08:26
Aggiornamento: 14:29

Una tecnologia batte legionella e (forse) Covid-19

L'ha messa a punto una compagnia australiana. Il principio? Micro-riscaldare l'acqua per distruggere i batteri

di Ats - Ansa
una-tecnologia-batte-legionella-e-forse-covid-19
Risolverebbe i problemi anche dei Paesi in via di sviluppo (Ti-Press)

Una compagnia australiana ha sviluppato una tecnologia capace di uccidere i batteri della legionella nei sistemi di raffreddamento di ospedali e centri commerciali, e potenzialmente anche di combattere i virus, compreso il Covid-19. La tecnologia della MicroHeat di Melbourne può anche consentire di erogare acqua potabile dal rubinetto nei Paesi del terzo mondo.

La National Association of Testing Authorities ha certificato che il sistema distrugge i principali batteri presenti nell'acqua, inclusi E-coli, salmonella e legionella. Il sistema di micro-riscaldamento dell'acqua è differente dai metodi convenzionali, perché genera radicali idrossili che hanno forte efficacia disinfettante. Funziona elettrificando l'acqua, che passa attraverso il sistema, disinfettando da batteri e altri contaminanti. La compagnia sta ora sperimentando il potenziale della tecnologia per disinfettare anche dai virus, incluso il Covid-19, ha detto il Ceo di MicroHeat, Brett Hernadi, al quotidiano 'The Australian'.

La sperimentazione fa seguito alle ricerche del colosso giapponese dell'elettronica Panasonic, che lo scorso luglio ha verificato l'effetto inibitorio che i radicali idrossili contenuti nell'acqua hanno sul coronavirus, in uno studio condotto presso la Osaka Prefecture University. "I radicali idrossili si sono dimostrati efficaci anche per inattivare specie di virus, fra cui potenzialmente anche il Covid-19. Intanto, è altamente probabile che la tecnologia di MicroHeat, nella fase attuale, possa eliminare i virus dell'influenza aviaria e dell'ebola", ha osservato Hernadi.

Il manager ha aggiunto che un'altra differenza rispetto ai metodi esistenti è che le piccole unità di disinfezione possono essere montate all'uscita dell'acqua, come sotto un lavandino, piuttosto che come parte di un sistema centralizzato che può diffondere batteri, come la legionella, se l'acqua non è stata disinfettata efficacemente.
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
italia
10 ore
Quando il parchimetro... porta fortuna
È successo nel Cuneese dove una signora ha acquistato un Gratta e vinci per cambiare i soldi per il parcheggio e vince 500mila euro
Canada
13 ore
L’uragano Fiona lascia 500mila case senza corrente
Lo riferisce l’azienda elettrica locale, Nova Scotia Power, secondo quanto riportato da Cbc
Stati Uniti
15 ore
Problemi ai finestrini: le auto di Tesla tornano in garage
Richiamate 1,1 milioni di vetture per un aggiornamento del software che permetterà di ovviare a un malfunzionamento
Turchia
19 ore
‘Il referendum russo? Non lo riconosciamo’
Lo ha affermato il portavoce della presidenza turca Ibrahim Kal. La stessa cosa accadde anche per il referendum in Crimea nel 2014
Estero
20 ore
L’ultimo addio ad Abe
I funerali dell’ex premier giapponese, ucciso in un attentato, si terranno il prossimo 27 settembre
Estero
1 gior
La politica è un Hobbit (o un pelaverdure)
Cronaca semiseria dei comizi che hanno chiuso la campagna elettorale italiana, nell’attesa che arrivi domenica.
Estero
1 gior
Guardie armate porta a porta, al via i referendum in Ucraina
Milioni chiamati alle ‘urne’. Intanto il patriarca Kirill invita a combattere. E decine di migliaia di russi scappano all’estero
Estero
1 gior
Per l’ambasciatore svizzero l’occupazione di Izyum è ‘barbaria’
Dura presa di posizione della sede diplomatica elvetica in Ucraina. Visitati da Claude Wild i centri distrutti dagli occupanti russi
Stati Uniti d’America
1 gior
Aborto: ‘Datemi due senatori e ne farò una legge’
Duro attacco del presidente Biden alla fronda repubblicana: ‘Non sanno assolutamente nulla delle donne americane’
Italia
1 gior
Il piccolo Mattia risucchiato dall’acqua e dal fango per 13 km
Ritrovato l’ultimo disperso dell’alluvione che si è scagliata sulle Marche lo scorso 15 settembre. Il grande dolore dei genitori
© Regiopress, All rights reserved