laRegione
26.11.20 - 19:55

Etiopia, ultimatum scaduto: pronto l’assalto finale al Tigrè

Il premier Abiy Ahmed annuncia l’attacco definitivo alla regione ribelle. Il Fronte di liberazione tigrino promette una difesa a oltranza.

etiopia-ultimatum-scaduto-pronto-l-assalto-finale-al-tigre
Keystone
Il campo profughi di Um Rakuba, nel Sudan orientale

Il Cairo – Scaduto l'ultimatum di 72 ore lanciato domenica, il premier etiope Abiy Ahmed ha annunciato la "fase finale" dell'attacco al capoluogo della regione ribelle dei Tigrè: un nuovo sviluppo del conflitto in corso dal 4 novembre e in cui istituzioni internazionali e ong temono un gran numero di altre vittime civili. C'è inoltre il rischio di una destabilizzazione dell'intero corno d'Africa, inclusa la stessa Etiopia, il secondo Stato più popoloso d'Africa dopo la Nigeria.

"L'ultima porta pacifica che era rimasta da attraversare al Tplf", il Fronte di liberazione del popolo dei Tigrè, "ora è stata fermamente chiusa", ha twittato il premier.

L’Onu teme una pulizia etnica, Abiy Ahmed rassicura

L'Onu ha messo in guardia da potenziali pulizie etniche ma Abiy - premiato col Nobel l'anno scorso per la storica pace con l'arcinemica confinante Eritrea - si è impegnato a proteggere i civili (Macallè ha circa 500 mila abitanti), aree residenziali, siti storici, luoghi di culto e strutture pubbliche. In serata ha anche annunciato l'intenzione di aprire un corridoio per l'assistenza umanitaria.

Di fronte a questi impegni, le uniche esternazioni fornite dal Tplf parlano però di difesa a oltranza e di arruolamento di massa anche di civili.

Nelle tre settimane di conflitto vi sarebbero stati già centinaia di morti e circa 40 mila sfollati sono fuggiti in Sudan, dove peraltro Khartum non ha risorse per gestirli. Il dato sui profughi è dell'Onu, ma con le telecomunicazioni tagliate e gli accessi alla regione settentrionale al confine con l'Eritrea bloccati si nota una disinformazione tracimata anche su media internazionali.

Due anni di tensioni

La situazione si è creata con l'avvento al potere del 44enne Abiy nel 2018: due anni in cui la Regione con capitale Macallè si è ribellata attraverso diverse provocazioni come elezioni tenute a settembre nonostante un rinvio imposto a livello centrale a causa del Covid.

I tigrini non accettano il ridimensionamento imposto dal premier considerando che costituiscono solo un 6% degli oltre 110 milioni di etiopi e sebbene siano sempre stati al centro del potere e dell'economia dopo la caduta del regime militare nel 1991.

È chiaro però che in Etiopia ci sono già faglie di conflitti etnici che vanno oltre la questione del Tigrè, in quanto il Paese dell'Africa orientale è frammentato in oltre 90 etnie (una decina le principali, tra cui Oromo, Amhara, Somali, appunto i Tigrini e gli Afar).

Nel tentativo di superare l'attuale federalismo etnico attraverso un discorso unitarista basato sul concetto di "medemer" (parola che vuol dire "sinergia"), il premier ha chiaramente bisogno di rinsaldare consenso con le componenti Amhara e Oromo, che l'hanno spesso accusato di essere troppo morbido con le altre etnie o 'traditore' della propria (Abiy è oromo per parte di padre).

Intanto ad Addis Abeba sono giunti gli inviati della missione voluta dall'Unione africana per provare a mediare tra il governo federale e lo Stato regionale del Tigrè.
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Italia
18 min
In auto a dormire o a far spesa dopo aver timbrato
Timbravano il badge di entrata e poi si assentavano. Nei guai sei dipendenti del Comune di Santa Domenica Vittoria, nel Messinese
Estero
1 ora
Luce verde al nuovo pacchetto di sanzioni contro la Russia
Trovato l’accordo: l’Unione europea prepara un altro giro di vite. Che contempla pure il tetto al prezzo del petrolio
India
3 ore
Valanga sull’Himalaya, almeno dieci le vittime
All’indomani della slavina che ha travolto un gruppo di scalatori, recuperati altri 6 corpi. Ancora 18 persone mancano all’appello
India
4 ore
India, al matrimonio in bus. Che però precipita: 25 morti
L’incidente si è verificato lungo una strada scoscesa di montagna, nello Stato dell’Uttarakhand. Altre venti persone sono state tratte in salvo
Italia
5 ore
La terra trema a Genova. Scossa avvertita in tutta la città
Il sisma, di magnitudo 3,5, è stato registrato ieri sera alle 23.41, con epicentro a due chilometri a ovest del Comune di Davagna
Italia
6 ore
Molesta un’allieva 11enne. Professore arrestato a Caltanisetta
In giugno la ragazzina aveva raccontato tutto a un’insegnate, che aveva informato il preside, senza però sortire effetti. Poi si sono mossi i genitori
Stati Uniti
6 ore
Da Corea del Sud e Usa 4 missili nel Mar del Giappone
All’indomani del test nordcoreano di Pyongyang s’alza la voce (e non solo quella) di Seul e Washingon
Estero
15 ore
La Germania rifiuta le riparazioni di guerra alla Polonia
La ministra degli Esteri tedesca Annalena Baerbock ha detto che si tratta di una questione chiusa, dopo le rinunce di Varsavia del 1953 e del 1990
Estero
16 ore
Angela Merkel riceverà il Premio Onu per i rifugiati
L’onorificenza verrà consegnata all’ex cancelliera in ricordo alla sua decisione di aprire le porte della Germania a oltre un milione di siriani nel 2015
la guerra
17 ore
‘Putin prepara un test nucleare al confine ucraino’
Il Times cita un’informativa della Nato. La Cia: ‘Spalle al muro, può essere pericoloso’. La Casa bianca minimizza
© Regiopress, All rights reserved