laRegione
le-dimissioni-di-diab-non-fermano-la-protesta
Libano
10.08.20 - 19:120
Aggiornamento : 20:30

Le dimissioni di Diab non fermano la protesta

L'esecutivo travolto dopo il disastro del 4 agosto

Beirut - Il governo libanese di Hasan Diab si è dimesso. La protesta seguita alle esplosioni che una settimana fa hanno devastato il cuore di Beirut ha per ora visto soddisfatta una delle sue rivendicazioni. Ma tutto resta da fare per il prossimo esecutivo, ammesso che si arrivi a formarne uno in tempi ragionevoli. 

Dopo una giornata cominciata con le dimissioni a catena di altri ministri del governo, Diab è apparso in diretta tv per annunciare le dimissioni dell'esecutivo. Un discorso breve nel quale non ha risparmiato accuse a non meglio precisate parti politiche, corresponsabili, di una "corruzione cronica" e di una "rete della corruttela più grande di quella dello Stato".

Parole pronunciate mentre per la terza serata consecutiva le manifestazioni irrompevano nell'area di Piazza dei Martiri e delle vie super-protette del Parlamento. La polizia in tenuta antisommossa ha sparato gas lacrimogeni e pallottole di gomma disperdendo centinaia di giovani.

Il governo Diab - il quarto in quattro anni - è stato sempre sotto assedio, fisico, da una piazza in rivolta dall'ottobre scorso. E questo nel contesto di una crisi socio-economica senza precedenti, aggravata dalla pandemia del Covid, e segnata dal collasso finanziario. Proprio Diab aveva dovuto annunciare, a marzo scorso, il default del sistema libanese.

Stretto tra le pressioni della potente Associazione delle Banche, della Banca Centrale e dei diversi partiti politico-confessionali, Hezbollah inclusi, Diab non ha portato a termine nessuno dei punti promessi nel programma, tanto meno è riuscito ad avviare negoziati seri col Fondo monetario internazionale.

TOP NEWS Estero
Estero
19 ore
Ex modella, 'Trump mi molestò nel 1997', lui nega
Un incidente avvenuto nel 1997 durante gli Us Open quando, fuori dal bagno, la donna fu baciata e toccata dal tycoon contro la sua volontà
Gallery (7 foto)
Francia
22 ore
Notre-Dame riprende vita, poco a poco
Ricco programma di attività attorno alla cattedrale devastata dall'incendio del 15 aprile 2019. Riaperta la cripta
Confine
1 gior
Uccisione di don Roberto, il presunto autore ritratta
Il 53enne tunisino, sospettato d'aver accoltellato il prete, in un primo tempo si era costituito e aveva confessato il delitto. Ora si dice estraneo ai fatti
Estero
1 gior
Los blancos: maxioperazione internazionale dell'antidroga
Sgomitato cartello criminale considerato leader dei gruppi albanesi specializzati nel traffico di sostanze stupefacenti in ambito continentale.
Video
Estero
1 gior
Gavettone sul ministro Di Maio: un comizio... annacquato
Il titolare della Farnesina mentre si trovava nella città natale di Massimo Troisi viene raggiunto da un secchio d'acqua. E il video, naturalmente, fa il giro del web.
Estero
1 gior
Il premier libico si dimette: 'Non più tardi di ottobre'
Fayez Al Sarraj a augura che un nuovo esecutivo possa portare a termine la difficile transizione politica del Paese, martoriato da anni di guerra civile.
Confine
1 gior
‘A Campione scelte obbligate e amarezze’
Il Commissario straordinario Giorgio Zanzi sta per lasciare l'Enclave: il suo bilancio due anni dopo
Estero
1 gior
Trump per le elezioni punta sul vaccino
“Arriverà nel giro di tre-quattro settimane” ha dichiarato il presidente in un dibattito nel quale ha anche messo in dubbio l'efficacia delle mascherine
Confine
2 gior
In isolamento l'accoltellatore di don Roberto
Anche Papa Francesco ha voluto ricordare il sacerdote ucciso ieri a Como da un cittadino tunisino reo confesso
Estero
2 gior
Coronavirus, a Madrid lockdown mirati nelle aree con più casi
In Francia chiuse un'ottantina di scuole. Mentre in Brasile comincia a calare l'indice di contagiosità al livello più basso da aprile
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile