laRegione
scontri-per-le-strade-di-beirut-preludio-al-raduno-di-protesta
Keystone
Estero
07.08.20 - 20:240

Scontri per le strade di Beirut, preludio al raduno di protesta

Grande manifestazione domani nella capitale libanese ancora sotto shock. Nasrallah, capo di Hezbollah: non avevamo un deposito di armi nel porto.

Beirut – Spunta anche l'ipotesi di "un missile o una bomba", accanto a quella della "negligenza", tra le possibili cause del disastro di Beirut. Ad affermarlo, mentre continua a montare la rabbia popolare contro le autorità, è il presidente libanese Michel Aoun, che aggiunge di avere chiesto al suo omologo francese Emmanuel Macron le immagini satellitari necessarie a fare chiarezza sulla dinamica dei tragici eventi.

Ma ciò, avverte Aoun, dovrà avvenire attraverso un'inchiesta tutta libanese e non internazionale, che invece era stata chiesta giovedì dallo stesso Macron durante una visita in Libano, oltre che da diversi politici locali.

Hezbollah: nessun deposito di armi nel porto

Dopo tre giorni dalla gigantesca esplosione, che ha provocato almeno 157 morti e 5000 feriti, si fa sentire anche Hezbollah per escludere ogni sua responsabilità anche indiretta. In un atteso discorso televisivo, Hasan Nasrallah, il capo del Partito di Dio filo-iraniano che dispone di una forza militare superiore a quella dell'esercito regolare, ha negato che le sue milizie avessero un deposito di armi nel porto.

Un'eventualità sollevata da più parti negli ultimi giorni, specie da chi, dicendo di avere sentito rumore di aerei prima dell'esplosione, aveva ipotizzato un raid israeliano finito male. Anche Israele aveva subito negato ogni responsabilità, sebbene il primo ministro Benyamin Netanyahu due anni fa avesse denunciato all'Onu la presenza di un deposito di missili appartenente a Hezbollah proprio nel porto.

Un discorso dai toni molto prudenti quello di Nasrallah, consapevole della necessità di salvaguardare la pace anche con le fazioni rivali - tra l'altro alleate nel governo - di fronte alla reazione inferocita della popolazione, stanca di un sistema politico giudicato corrotto e clientelare. "Non è accettabile sfruttare a scopi politici o settari questo incidente, che ha colpito tutti", ha detto il capo di Hezbollah. "Tutte le parti politiche dicono che l'esercito libanese è l'unica istituzione del paese su cui c'è piena fiducia... bene, che sia allora l'esercito a condurre l'inchiesta", ha proposto.

Difficilmente ciò basterà a calmare la piazza, dopo scontri tra manifestanti e polizia avvenuti durante la notte in un'area tra le più presidiate dalle forze dell'ordine, davanti al Parlamento. Venti feriti è il bilancio degli incidenti, che hanno visto gli agenti sparare candelotti lacrimogeni contro manifestanti che lanciavano pietre e altri oggetti, tra cui i detriti della distruzione causata dalla deflagrazione. Ma il giorno più difficile per le autorità sarà sabato, quando è atteso un grande raduno di protesta sulla Piazza dei Martiri promosso da diversi gruppi anti-governativi. Molti attivisti, muniti di megafoni e distribuendo volantini, hanno percorso le strade dei quartieri devastati per fare appello ad una mobilitazione di massa.

Arrestato anche il direttore del porto

A placare la rivolta non sono bastati finora i 16 arresti di cui si è avuta notizia finora, fra cui quello di Hasan Koraytem, direttore generale del porto, dove sono saltate in aria le 2750 tonnellate di nitrato di ammonio che vi giacevano da anni. La magistratura, inoltre, ha disposto il congelamento dei conti bancari di 7 persone, fra le quali il capo delle dogane, Badri Daher. Quest'ultimo, tuttavia, aveva detto nei giorni scorsi che ben sei lettere erano state inviate - l'ultima nel 2017 - allo stesso apparato giudiziario per chiedere di fare rimuovere la pericolosa sostanza, ma che nessuna risposta è mai arrivata. Una ricostruzione che sembra avvalorata da un'inchiesta della Cnn, secondo la quale le autorità della dogana avvertirono appunto tra il 2016 e il 2017 un giudice. Quest'ultimo e i suoi successori, secondo i documenti visionati dall'emittente, avrebbero risposto a più riprese che dovevano appurare se la questione "ricadesse sotto la loro giurisdizione".

L'Interpol, intanto, ha annunciato che su richiesta delle autorità libanesi invierà a Beirut una squadra specializzata nell'identificazione dei cadaveri, per cercare di dare un nome ai resti non ancora riconosciuti.

TOP NEWS Estero
Estero
19 ore
Ex modella, 'Trump mi molestò nel 1997', lui nega
Un incidente avvenuto nel 1997 durante gli Us Open quando, fuori dal bagno, la donna fu baciata e toccata dal tycoon contro la sua volontà
Gallery (7 foto)
Francia
23 ore
Notre-Dame riprende vita, poco a poco
Ricco programma di attività attorno alla cattedrale devastata dall'incendio del 15 aprile 2019. Riaperta la cripta
Confine
1 gior
Uccisione di don Roberto, il presunto autore ritratta
Il 53enne tunisino, sospettato d'aver accoltellato il prete, in un primo tempo si era costituito e aveva confessato il delitto. Ora si dice estraneo ai fatti
Estero
1 gior
Los blancos: maxioperazione internazionale dell'antidroga
Sgomitato cartello criminale considerato leader dei gruppi albanesi specializzati nel traffico di sostanze stupefacenti in ambito continentale.
Video
Estero
1 gior
Gavettone sul ministro Di Maio: un comizio... annacquato
Il titolare della Farnesina mentre si trovava nella città natale di Massimo Troisi viene raggiunto da un secchio d'acqua. E il video, naturalmente, fa il giro del web.
Estero
1 gior
Il premier libico si dimette: 'Non più tardi di ottobre'
Fayez Al Sarraj a augura che un nuovo esecutivo possa portare a termine la difficile transizione politica del Paese, martoriato da anni di guerra civile.
Confine
1 gior
‘A Campione scelte obbligate e amarezze’
Il Commissario straordinario Giorgio Zanzi sta per lasciare l'Enclave: il suo bilancio due anni dopo
Estero
1 gior
Trump per le elezioni punta sul vaccino
“Arriverà nel giro di tre-quattro settimane” ha dichiarato il presidente in un dibattito nel quale ha anche messo in dubbio l'efficacia delle mascherine
Confine
2 gior
In isolamento l'accoltellatore di don Roberto
Anche Papa Francesco ha voluto ricordare il sacerdote ucciso ieri a Como da un cittadino tunisino reo confesso
Estero
2 gior
Coronavirus, a Madrid lockdown mirati nelle aree con più casi
In Francia chiuse un'ottantina di scuole. Mentre in Brasile comincia a calare l'indice di contagiosità al livello più basso da aprile
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile