laRegione
beirut-incendio-in-zona-esplosione
(foto: Keystone)
Estero
07.08.20 - 14:340

Beirut, incendio in zona esplosione

Un incendio al momento di limitate dimensioni si è sviluppato vicino al luogo dell'esplosione. Arrestato il direttore del porto

Un incendio al momento di limitate dimensioni si è sviluppato al porto dei Beirut, vicino al luogo dell'esplosione che ha distrutto una vasta area della città.

Lo apprende il corrispondente dell'Ansa in Libano.

Arrestato il direttore del porto

C'è anche il direttore generale del porto di Beirut, Hassan Koraytem, tra le 16 persone arrestate ieri nell'inchiesta sulle esplosioni che hanno devastato la capitale libanese. Lo rende noto l'Abc citando fonti giudiziarie locali.

La magistratura, inoltre, ha disposto il congelamento dei conti di 7 persone, tra cui lo stesso direttore del porto e il capo della dogana libanese, Badri Daher.

Le autorità hanno interrogato più di 18 funzionari portuali e doganali e altri coinvolti nei lavori di manutenzione del magazzino esploso martedì e 16 sono state messe in custodia.

Il direttore generale del porto e il capo delle dogane, anch'essi agli arresti, mercoledì avevano detto alle emittenti libanesi che diverse lettere erano state inviate nel corso degli anni alla magistratura del paese chiedendo la rimozione di materiale altamente esplosivo immagazzinato nel porto.

Secondo le autorità, quasi 3.000 tonnellate di nitrato di ammonio, utilizzato per i fertilizzanti, ma anche per costruire bombe, erano state tenute per sei anni senza misure di sicurezza nel magazzino esploso.

Unicef, 80mila bambini sfollati

"Circa 80.000 bambini sono rimasti sfollati a causa delle esplosioni di Beirut, con famiglie colpite in disperato bisogno di aiuto". E' la stima dell'Unicef che sottolinea che "molti bambini hanno subito traumi e rimangono sotto shock".

"Nelle ultime 24 ore, l'Unicef ha continuato a coordinarsi strettamente con le autorità e i partner sul campo per rispondere ai bisogni immediati delle famiglie colpite, concentrandosi sulla salute, l'acqua e il benessere dei bambini", ha dichiarato Violet Speek-Warnery, vice rappresentante dell'Unicef in Libano.

"Sono numerose le segnalazioni di bambini che sono stati separati da membri della famiglia, alcuni dei quali risultano ancora dispersi", aggiunge l'organizzazione. "Almeno 12 strutture sanitarie primarie, centri di assistenza materna, neonatale e per le vaccinazioni a Beirut sono stati danneggiati, con un impatto sui servizi per quasi 120.000 persone; un ospedale pediatrico nella zona di Karantina, che aveva un'unità specializzata nel trattamento dei neonati critici, è stato distrutto. un neonato è morto", aggiunge l'organizzazione.

Cinque delle sette celle frigorifere per i vaccini supportate dall'Unicef sono state distrutte nell'esplosione, con conseguenze sui programmi fondamentali di vaccinazione. Molte scuole hanno riportato danni a Beirut e nell'area circostante, le valutazioni sul livello dei danni sono in corso.

"L'Unicef sta sostenendo le autorità locali e i partner. I nostri team stanno lavorando 24 ore su 24 per fornire alle persone colpite l'assistenza necessaria", ha dichiarato Speek-Warnery.

TOP NEWS Estero
Estero
18 ore
Ex modella, 'Trump mi molestò nel 1997', lui nega
Un incidente avvenuto nel 1997 durante gli Us Open quando, fuori dal bagno, la donna fu baciata e toccata dal tycoon contro la sua volontà
Gallery (7 foto)
Francia
22 ore
Notre-Dame riprende vita, poco a poco
Ricco programma di attività attorno alla cattedrale devastata dall'incendio del 15 aprile 2019. Riaperta la cripta
Confine
1 gior
Uccisione di don Roberto, il presunto autore ritratta
Il 53enne tunisino, sospettato d'aver accoltellato il prete, in un primo tempo si era costituito e aveva confessato il delitto. Ora si dice estraneo ai fatti
Estero
1 gior
Los blancos: maxioperazione internazionale dell'antidroga
Sgomitato cartello criminale considerato leader dei gruppi albanesi specializzati nel traffico di sostanze stupefacenti in ambito continentale.
Video
Estero
1 gior
Gavettone sul ministro Di Maio: un comizio... annacquato
Il titolare della Farnesina mentre si trovava nella città natale di Massimo Troisi viene raggiunto da un secchio d'acqua. E il video, naturalmente, fa il giro del web.
Estero
1 gior
Il premier libico si dimette: 'Non più tardi di ottobre'
Fayez Al Sarraj a augura che un nuovo esecutivo possa portare a termine la difficile transizione politica del Paese, martoriato da anni di guerra civile.
Confine
1 gior
‘A Campione scelte obbligate e amarezze’
Il Commissario straordinario Giorgio Zanzi sta per lasciare l'Enclave: il suo bilancio due anni dopo
Estero
1 gior
Trump per le elezioni punta sul vaccino
“Arriverà nel giro di tre-quattro settimane” ha dichiarato il presidente in un dibattito nel quale ha anche messo in dubbio l'efficacia delle mascherine
Confine
2 gior
In isolamento l'accoltellatore di don Roberto
Anche Papa Francesco ha voluto ricordare il sacerdote ucciso ieri a Como da un cittadino tunisino reo confesso
Estero
2 gior
Coronavirus, a Madrid lockdown mirati nelle aree con più casi
In Francia chiuse un'ottantina di scuole. Mentre in Brasile comincia a calare l'indice di contagiosità al livello più basso da aprile
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile