laRegione
gli-stati-uniti-ritirano-12mila-soldati-dalla-germania
Keystone
Estero
29.07.20 - 19:120

Gli Stati Uniti ritirano 12mila soldati dalla Germania

Verranno rimpatriati o riposizionati in Belgio e in Italia. Trump: Berlino non paga il giusto alla Nato. La decisione viene criticata da più parti.

Washington - Qualcuno lo definisce un sonoro schiaffo alla Nato, a Berlino e a tutta l'Europa. Altri un regalo alla Russia di Vladimir Putin. Altri ancora la volontà di Donald Trump di voler punire la cancelliera Angela Merkel con cui i rapporti sono deteriorati da tempo.

Il risultato è che 12 mila soldati americani saranno ritirati dalla Germania: una parte sarà riposizionata in Europa, anche in Italia, un'altra tornerà a casa. E così il tycoon, a meno di cento giorni dal voto, prova a mettere in cascina un'altra delle promesse fatte in nome della dottrina dell'America First, anche a costo di dare un nuovo scossone alle relazioni con gli alleati storici e un altro duro colpo all'ordine nato dopo la seconda guerra mondiale.

Rimpatriati o riposizionati

La mossa era stata annunciata già da tempo, ma ora è arrivata l'ufficializzazione da parte del capo del Pentagono Mark Esper: la presenza militare Usa in Germania sarà ridotta da 36.000 a 24.000 soldati, tra uomini dell'esercito e dell'Air Force. Circa 6.400 torneranno negli Stati Uniti con le loro famiglie, i restanti 5.400 saranno riposizionati nel Vecchio Continente, in gran parte in Italia e in Belgio. In futuro, ha quindi spiegato Esper, altre truppe potranno essere dispiegate in Polonia, nei Paesi Baltici e nella regione del Mar Morto, dipenderà dagli accordi con le autorità locali.

Nel dettaglio, come riporta il Wall Street Journal, in Italia dovrebbero essere dislocati due battaglioni dell'esercito e la squadriglia di caccia F-16, trasferiti probabilmente nella base aerea di Aviano, in provincia di Vicenza. Mentre il quartier generale dello Us Africa Command potrebbe essere spostato a Napoli dove si trova la base navale della Marina militare statunitense, oppure in Spagna. Mentre il quartier generale dello Us European Command, attualmente a Stoccarda, sarà trasferito a Mons, in Belgio.

Rappresaglia contro Berlino?

"La Germania non sta pagando la sua quota alla Nato, se ne sta approfittando mentre noi li proteggiamo, è uno dei pochi Paesi che non paga il giusto", ha tuonato ancora una volta Donald Trump. Avvalorando così l'ipotesi che la decisione, motivata da Esper con la necessità di un riposizionamento generale delle truppe Usa nel mondo, sia in realtà una rappresaglia contro Berlino. Tanto più - sottolineano diversi media americani - che anche Italia e Belgio dove sono destinate le truppe ritirate dalla Germania non spendono quel 2% del pil in difesa come chiesto incessantemente dal presidente americano.

Dalla sede dell'Allenza Atlantica a Bruxelles per il momento non si alimentano polemiche: "Pace e sicurezza in Europa sono importanti per la sicurezza e la prosperità dell'America. E siamo più forti e più sicuri solo quando siamo insieme", ha commentato il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, spiegando che gli Usa "si sono consultati con tutti gli alleati prima dell'annuncio di oggi".

'Così si indebolisce la Nato'

Dure le reazioni invece da Berlino: "Il ritiro delle truppe Usa invece di rafforzare la Nato porta ad un indebolimento dell'Alleanza nei confronti della Russia ma anche dei conflitti nel Vicino e Medio Oriente", ha stigmatizzato Norbert Roettgen, candidato Cdu alla presidenza del partito.

Washington intanto è in fibrillazione, con un'opposizione bipartisan, anche in Congresso, alla decisione di Trump di richiamare truppe dall'Europa. L'ennesima mossa del tycoon che alimenta i malumori nel partito repubblicano, con i nervi già a fior di pelle per la gestione della pandemia. "È un regalo alla Russia", denuncia senza mezzi termini il senatore Mitt Romney, ricordando l'annessione della Crimea, la crisi tra Mosca e l'Ucraina e come il Cremlino veda la presenza militare Usa in Europa come una minaccia per i suoi confini. Anche se i tempi della Guerra Fredda, quando i soldati americani nel Vecchio Continente erano oltre 300 mila, sono ormai lontanissimi.

TOP NEWS Estero
Stati Uniti
2 ore
Lo 'sciamano' Jake Angeli chiede la grazia a Trump
L'uomo sostiene che Trump lo abbia invitato a prendere d'assalto Capitol Hill mentre i parlamentari certificavano la vittoria di Biden
Estero
8 ore
Sisma in Indonesia, almeno 34 morti e centinaia di feriti
La scossa di magnitudo 6.3 si è verificata nella notte sull'isola indonesiana di Sulawesi. Crollato anche un ospedale.
Estero
17 ore
Coronavirus, la Francia anticipa il coprifuoco alle 18
La situazione non migliora. In Germania si potrebbe inasprire dal 20 gennaio il lockdown già in vigore
Stati Uniti
17 ore
Covid, piano Biden da 1900 miliardi per sanità ed economia
Lo anticipa il New York Times. Si tratterebbe di aiuti diretti ai cittadini americani e ai singoli Stati, oltre a risorse per test e vaccini
Germania
20 ore
Buchenwald, in slittino nelle fosse comuni del lager
Trovate tracce di slittino anche sulle tombe. Molta gente usa l'ex campo nazista per fare sport invernali
Estero
1 gior
Cina, primo morto per Covid dopo 8 mesi
Intanto arrivano a Wuhan i 10 esperti della task force dell’Oms che lavoreranno per ricostruire l’origine e la diffusione iniziale del virus
STATI UNITI
1 gior
Trump è nei guai, l’impeachment è ormai avviato
Restano da chiarire le tempistiche e se si troverà la maggioranza di due terzi che serve per ’condannare’ il presidente Donald Trump dopo l’assalto al Congresso
Portogallo
1 gior
Coronavirus, torna il lockdown in Portogallo
Il coprifuoco entrerà in vigore venerdì. Le scuole potranno comunque restare normalmente aperte
Estero
1 gior
Navalny: 'Il 17 gennaio torno in Russia, venite a salutarmi'
Il maggior oppositore di Vladimir Putin, dopo il rischio di morte per avvelenamento, annuncia il ritorno in patria nonostante le imputazioni a suo carico
Estero
1 gior
Cina, Human Rights Watch: repressione mai così dura da TienAnMen
Human Rights Watch presenta a Ginevra il rapporto annuale su abusi e violazioni dei diritti umani nel mondo e punta il dito contro Pechino
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile