laRegione
gli-stati-uniti-ritirano-12mila-soldati-dalla-germania
Keystone
Estero
29.07.20 - 19:120

Gli Stati Uniti ritirano 12mila soldati dalla Germania

Verranno rimpatriati o riposizionati in Belgio e in Italia. Trump: Berlino non paga il giusto alla Nato. La decisione viene criticata da più parti.

Washington - Qualcuno lo definisce un sonoro schiaffo alla Nato, a Berlino e a tutta l'Europa. Altri un regalo alla Russia di Vladimir Putin. Altri ancora la volontà di Donald Trump di voler punire la cancelliera Angela Merkel con cui i rapporti sono deteriorati da tempo.

Il risultato è che 12 mila soldati americani saranno ritirati dalla Germania: una parte sarà riposizionata in Europa, anche in Italia, un'altra tornerà a casa. E così il tycoon, a meno di cento giorni dal voto, prova a mettere in cascina un'altra delle promesse fatte in nome della dottrina dell'America First, anche a costo di dare un nuovo scossone alle relazioni con gli alleati storici e un altro duro colpo all'ordine nato dopo la seconda guerra mondiale.

Rimpatriati o riposizionati

La mossa era stata annunciata già da tempo, ma ora è arrivata l'ufficializzazione da parte del capo del Pentagono Mark Esper: la presenza militare Usa in Germania sarà ridotta da 36.000 a 24.000 soldati, tra uomini dell'esercito e dell'Air Force. Circa 6.400 torneranno negli Stati Uniti con le loro famiglie, i restanti 5.400 saranno riposizionati nel Vecchio Continente, in gran parte in Italia e in Belgio. In futuro, ha quindi spiegato Esper, altre truppe potranno essere dispiegate in Polonia, nei Paesi Baltici e nella regione del Mar Morto, dipenderà dagli accordi con le autorità locali.

Nel dettaglio, come riporta il Wall Street Journal, in Italia dovrebbero essere dislocati due battaglioni dell'esercito e la squadriglia di caccia F-16, trasferiti probabilmente nella base aerea di Aviano, in provincia di Vicenza. Mentre il quartier generale dello Us Africa Command potrebbe essere spostato a Napoli dove si trova la base navale della Marina militare statunitense, oppure in Spagna. Mentre il quartier generale dello Us European Command, attualmente a Stoccarda, sarà trasferito a Mons, in Belgio.

Rappresaglia contro Berlino?

"La Germania non sta pagando la sua quota alla Nato, se ne sta approfittando mentre noi li proteggiamo, è uno dei pochi Paesi che non paga il giusto", ha tuonato ancora una volta Donald Trump. Avvalorando così l'ipotesi che la decisione, motivata da Esper con la necessità di un riposizionamento generale delle truppe Usa nel mondo, sia in realtà una rappresaglia contro Berlino. Tanto più - sottolineano diversi media americani - che anche Italia e Belgio dove sono destinate le truppe ritirate dalla Germania non spendono quel 2% del pil in difesa come chiesto incessantemente dal presidente americano.

Dalla sede dell'Allenza Atlantica a Bruxelles per il momento non si alimentano polemiche: "Pace e sicurezza in Europa sono importanti per la sicurezza e la prosperità dell'America. E siamo più forti e più sicuri solo quando siamo insieme", ha commentato il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, spiegando che gli Usa "si sono consultati con tutti gli alleati prima dell'annuncio di oggi".

'Così si indebolisce la Nato'

Dure le reazioni invece da Berlino: "Il ritiro delle truppe Usa invece di rafforzare la Nato porta ad un indebolimento dell'Alleanza nei confronti della Russia ma anche dei conflitti nel Vicino e Medio Oriente", ha stigmatizzato Norbert Roettgen, candidato Cdu alla presidenza del partito.

Washington intanto è in fibrillazione, con un'opposizione bipartisan, anche in Congresso, alla decisione di Trump di richiamare truppe dall'Europa. L'ennesima mossa del tycoon che alimenta i malumori nel partito repubblicano, con i nervi già a fior di pelle per la gestione della pandemia. "È un regalo alla Russia", denuncia senza mezzi termini il senatore Mitt Romney, ricordando l'annessione della Crimea, la crisi tra Mosca e l'Ucraina e come il Cremlino veda la presenza militare Usa in Europa come una minaccia per i suoi confini. Anche se i tempi della Guerra Fredda, quando i soldati americani nel Vecchio Continente erano oltre 300 mila, sono ormai lontanissimi.

TOP NEWS Estero
Estero
8 ore
Beirut: ambasciatrice svizzera leggermente ferita
L'onda d'urto dell'esplosione che ha causato decine di morti ha raggiunto anche l'ambasciata svizzera nella capitale libanese
Confine
12 ore
Sequestrate nel Comasco 363 cartelle cliniche
Si tratta di documenti medici che riguardano pazienti deceduti nei mesi più critici della pandemia nelle residenze sanitarie assistenziali
Estero
12 ore
Inferno a Beirut, decine di morti e migliaia feriti
La violenta esplosione potrebbe essere dovuta all'incendio di un deposito usato per custodire materiali altamente infiammabili
Video
Estero
22 ore
Le immagini in esclusiva della morte di George Floyd
Il tabloid britannico Daily Mail pubblica per la prima volta il drammatico video dell'arresto dell'afroamericano soffocato da un agente della Polizia americana.
Confine
1 gior
Valsolda, sequestrati Kruggerand d'oro e monete d'argento
Fermato un cittadino polacco proveniente da Lugano. Attorno ai 40mila euro il valore complessivo della merce
italia
1 gior
Il nuovo Ponte 'di ferro e di vento'
Inaugurata a Genova l'opera che sostituisce il Morandi. Mattarella onora i 43 morti
Estero
1 gior
Trump indagato per frode bancaria
Il presidente degli Stati Uniti sotto inchiesta della procura di Manhattan
Confine
1 gior
Arresto per spaccio nei 'boschi della droga'
Un 24enne magrebino, residente nel comasco, è stato arrestato dai carabinieri a ridosso del Mendrisiotto mentre stava confezionando dosi di cocaina
Video
Estero
1 gior
Fra poche ore Genova riavrà il suo Ponte
Stasera il presidente della Repubblica Sergio Mattarella taglierà il nastro tricolore che sigilla il nuovo ponte 'Genova-San Giorgio'
Estero
1 gior
Uno svizzero a Torino minaccia passanti con due coltelli
Il protagonista è un cittadino elvetico 37enne, senza fissa dimora, bloccato in piazza Solferino dai carabinieri
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile