laRegione
prima-preghiera-musulmana-a-santa-sofia-riconvertita-in-moschea
Keystone
24.07.20 - 21:51

Prima preghiera musulmana a Santa Sofia riconvertita in moschea

Dopo 86 anni il richiamo dai minareti, presenti migliaia di fedeli. Erdogan legge il Corano.

Istanbul - Diverse migliaia di musulmani hanno partecipato oggi a Istanbul alla presenza del presidente turco Recep Tayyip Erdogan alla prima preghiera all'interno e nei pressi dell'ex Basilica di Santa Sofia, dopo la sua controversa riconversione da museo in moschea il 10 luglio.

Prima della preghiera, Erdogan - che per l'occasione portava un berretto islamico e aveva bocca e naso coperti da mascherina, come il resto dei presenti - ha recitato alcuni versetti dalle prime sure del Corano, secondo le immagini trasmesse dal telegiornale di Stato TRT.

Il capo della Diyanet, la Direzione turca per gli affari religiosi, Ali Erbas, ha poi tenuto un sermone al termine del quale i quattro minareti di Santa Sofia hanno invitato alla preghiera che segna l'inizio del rito, hanno constatato i giornalisti dell'agenzia di stampa francese Afp.

Erbas ha definito "un momento storico" la prima preghiera islamica svoltasi dopo 86 anni a Santa Sofia riconvertita in moschea.

"Oggi Hagia Sophia riacquista la sua congregazione", ha aggiunto, affermando che "è guarita la ferita aperta" che si era creata e che si tratta di "un luogo in cui la vasta misericordia dell'Islam viene nuovamente mostrata al mondo". E questo perché Santa Sofia rappresenta "un simbolo di rispetto per la fede e la convivenza morale", un simbolo di "pace e tolleranza".

"Oggi è un giorno simile a quello di 70 anni fa, quando 16 muezzin dei 16 minareti della Moschea del Sultano Ahmet, situato proprio di fronte a Hagia Sophia, riempirono di gioia l'aria di Adhan, dopo una pausa di 18 anni - ha detto Erbas - Oggi è il giorno in cui i credenti si alzano in preghiera con lacrime di gioia, si inchinano con sottomissione e si prostrano per fortuna. Oggi è il giorno dell'onore e dell'umiltà".

"Come credenti, il nostro più grande dovere oggi è lavorare per la misericordia e la tolleranza, la pace, la tranquillità e la bontà. Il nostro dovere è quello di lavorare giorno e notte in modo che il bene e la giustizia prevalgano sempre sulla terra. Il nostro dovere è quello di essere garanti della giustizia nelle regioni assediate da crudeltà e ingiustizia, lacrime e impotenza", ha aggiunto Erbas. "Crediamo che la terra sia la nostra casa comune. Crediamo che tutti in questa casa, indipendentemente da convinzioni, razza o colore, abbiano il diritto di vivere in sicurezza, dignità, libertà e umanità", ha aggiunto.

Per questo, "sotto la cupola di Hagia Sophia invito tutta l'umanità ad abbracciare giustizia, pace, compassione ed equità. Vi esorto a promuovere valori universali e principi morali che proteggano l'onore di essere un essere umano. Rivolgendomi al mondo intero, vorrei dire che le porte della Moschea di Santa Sofia saranno aperte a tutti i servitori di Allah, proprio come le moschee di Suleymaniye, Selimiye, Sultan Ahmet (la Moschea Blu, ndr) e altre".

Importante opera architettonica costruita nel VI secolo dai bizantini che vi incoronarono i loro imperatori, Santa Sofia era stata trasformata in moschea dagli ottomani dopo la conquista di Costantinopoli nel 1453, fino alla sua trasformazione in museo nel 1934 dal fondatore della repubblica laica, Mustafa Kemal.

Il 10 luglio Erdogan ha deciso di restituire l'edificio al culto musulmano dopo una decisione del tribunale che ne ha revocato lo statuto di museo.

Gli analisti ritengono che la decisione di Erdogan di riconvertire Santa Sofia in moschea abbia lo scopo di galvanizzare la sua base elettorale conservatrice in un contesto di difficoltà economiche aggravate dalla pandemia di coronavirus.

La Grecia, la vicina Turchia, ha condannato con forza questa misura, definendola una "provocazione al mondo civilizzato".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
9 min
Marmolada, i cinque attualmente dispersi sono tutti italiani
Rintracciate altre otto persone. Prosegue intanto il riconoscimento delle sette vittime del crollo del seracco
Australia
37 min
Negano insulina, muore una bambina: dodici arresti in una setta
Fra gli arrestati anche i genitori della bimba. Tutti i membri del gruppo erano a conoscenza delle sue condizioni ma si limitavano a pregare
Estero
1 ora
Il killer del 4 luglio postava video e brani rap violenti
Robert Crimo aveva un modesto seguito sul web come rapper, e pubblicava video che evocavano stragi con armi da fuoco anche nelle scuole
Stati Uniti
2 ore
Akron, disordini per la morte del 25enne afroamericano
Una cinquantina di arresti a margine delle proteste per l’uccisione (con una sessantina di colpi) dell’uomo da parte delle forze dell’ordine
Estero
2 ore
Marmolada: identificato il sopravvissuto ‘senza nome’
Il giovane, un 30enne, originario del Trentino, era stato trovato in stato di incoscienza, e senza alcun documento
Norvegia
2 ore
L’ombra dello sciopero rischia di fermare il gas norvegese
Braccia incrociate nel settore petrolifero: c’è il rischio che le esportazioni calino del 60% e di oltre 340mila barili di petrolio grezzo
Estero
6 ore
Nato, via al processo di ratificazione di Svezia e Finlandia
Oggi la firma dei protocolli di accesso all’Alleanza atlantica. Stoltenberg: ‘Giornata storica per tutte le parti in causa’
Confine
8 ore
Tragedia in montagna: il Cervino si prende due vite
Un svizzero di 29 anni e un 45enne francese vittime di una caduta nella zona della Cresta del Leone, sul versante aostano
Estero
8 ore
Marmolada, è ancora corsa contro il tempo
Riprendono le ricerche dei dispersi dopo il crollo del seracco. Impiegati anche quattro droni
Stati Uniti
9 ore
Fermato il presunto killer della parata di Chicago
Individuato nella zona a nord della città dell’Illinois, l’uomo è stato arrestato dopo un breve inseguimento
© Regiopress, All rights reserved