laRegione
13.07.20 - 18:13
Aggiornamento: 20:27

Coronavirus: Oms, troppi paesi ora si scordano dell'emergenza

Per il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità il virus deve continuare ad essere trattato come il 'nemico pubblico numero uno'

Ats, a cura de laRegione
coronavirus-oms-troppi-paesi-ora-si-scordano-dell-emergenza
In India (Keystone)

"Voglio essere schietto, troppi paesi vanno verso la direzione sbagliata". Lo ha sottolineato il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità Tedros Adhanom Ghebreyesus durante il consueto briefing con la stampa. "Il virus rimane nemico pubblico numero uno ma l'azione di molti governi e persone non lo riflette", ha spiegato.

"L'unico obiettivo del virus è trovare persone da infettare. Messaggi ambigui dei leader stanno minando l'elemento cruciale di ogni azione: la fiducia", ha aggiunto. "Non ci sarà un ritorno alla normalità nell'immediato futuro. Ma c'è una roadmap che consente di controllare il virus e di andare avanti con le nostre vite", ha sottolineato il direttore generale dell'Oms.

"Si può fare e deve essere fatto. L'ho già detto in passato e continuerò a dirlo: non importa dove un Paese si trovi sulla curva epidemiologica, non è mai troppo tardi per agire".

Occhio ai luoghi affollati

"Se la gente continua a frequentare luoghi affollati senza prendere le precauzioni necessarie, la trasmissione della malattia continuerà", ha sottolineato il direttore esecutivo dell'Organizzazione mondiale della sanità Micheal Ryan, aggiungendo che i governi devono essere chiari e rendere più facile per i cittadini seguire le necessarie regole.

"Non posso che ribadirlo: i Paesi che hanno messo in campo un'architettura di vigilanza durante il lockdown stanno ottenendo un relativo successo nella soppressione del virus", ha rimarcato ancora, aggiungendo che "credere che magicamente avremo il vaccino perfetto cui tutti avranno accesso non è realistico".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
la guerra in ucraina
8 ore
Zelensky: ‘Nuova offensiva russa entro 10 giorni’
Il leader atteso giovedì a Bruxelles al vertice e al Parlamento
italia
9 ore
Il tiramisù non è vegano, muore ragazza allergica al latte
Quattro indagati a Milano. Prodotto ritirato dal ministero della Salute
diplomazie
10 ore
La Cina insiste: ‘Palloni civili’. Un video la smaschera
Immagini del 2018 su un social network mostrano un test militare con un aerostato identico. Pechino se la prende con gli Usa
Estero
12 ore
‘Pray for Syria and Turkey’. L’inizio di un incubo
Il terremoto visto dal Ticino e con gli occhi della bellinzonese Sara Demir, con parenti sia in Turchia sia in Siria
Estero
13 ore
Turchia, del castello di Gaziantep non restano che macerie
Il terremoto miete vittime anche fra i monumenti storici: completamente distrutta la fortezza patrimonio dell’Unesco
Estero
15 ore
La visita dei parlamentari svizzeri a Taiwan preoccupa la Cina
Pechino critica i contatti ufficiali fra le autorità dell’isola che considera una provincia ribelle e i Paesi che hanno relazioni diplomatiche con la Cina
Confine
16 ore
Confine, arrestato un 21enne per spaccio di droga
Nell’abitazione del giovane militari e cane antidroga hanno rinvenuto 500 grammi di hashish, diversi contanti e una bici elettrica rubata in Ticino
Estero
16 ore
Sono oltre 3600 le vittime del sisma, ma si scava ancora
Superati i 2300 morti in Turchia e 1200 in Siria. Erdogan: ‘Il più grande disastro nel Paese dal 1939’
Confine
16 ore
Violenta lite in famiglia a Verbania
L’alterco ha avuto per protagonisti un 32enne di origini albanesi e con cittadinanza italiana e suo padre, con quest’ultimo lievemente ferito
Estero
17 ore
Il terremoto più violento nella regione addirittura dal 1202
È quanto afferma il centro libanese di geofisica in merito al sisma che ha interessato Turchia e Siria
© Regiopress, All rights reserved