laRegione
sorelline-siamesi-separate-con-successo
Ervina e Prefina con la mamma prima dell'intervento (foto ospedale Bambin Gesù)
+1
Italia
07.07.20 - 20:290

Sorelline siamesi separate con successo

Erano unite alla testa dalla nascita avvenuta due anni fa. L'intervento chirurgico all'ospedale pediatrico Bambin Gesù di Roma

Roma - Oltre un anno di preparazione, un gruppo di specialisti di più aree, l'uso delle tecnologie più avanzate disponibili per non lasciare nulla al caso, tre interventi di cui l'ultimo durato 18 ore, con il coinvolgimento di oltre 30 tra medici e infermieri: sono questi i numeri che raccontano l'intervento da record eseguito all'ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma per separare con successo due gemelline siamesi, nate unite alla nuca, con il cranio e gran parte del sistema venoso in comune. È il primo caso in Italia, e l'unico al mondo di questo tipo eseguito con successo.

Le due piccole, Ervina e Prefina, a poco più di un mese dall'intervento di separazione (avvenuto il 5 giugno), stanno bene e hanno potuto festeggiare il loro secondo compleanno il 29 giugno guardandosi per la prima volta negli occhi, insieme alla loro mamma Ermine. Attualmente sono ancora ricoverate nel reparto di Neurochirurgia dell'ospedale: le ferite infatti impiegheranno del tempo a rimarginarsi e il rischio di infezione è ancora presente.

Come è stato spiegato in una conferenza stampa presso l'Ospedale, tutto è partito nel luglio del 2018 quando la presidente del Bambino Gesù, Mariella Enoc, in missione in Centrafrica a Bangui, ha incontrato le due gemelline appena nate, decidendo di portale a Roma nel settembre 2018, per dargli maggiori possibilità di sopravvivenza. Ervina e Prefina avevano una conformazione rarissima tra i gemelli siamesi: craniopagi totali, cioè unite a livello cranico e cerebrale. Pur avendo tante cose in comune, hanno però sempre mostrato personalità diverse e per farle conoscere e riconoscere già prima dell'intervento è stato usato un sistema di specchi.

Per separarle è stato costituito un apposito gruppo multidisciplinare, che ha studiato e pianificato ogni dettaglio con gli strumenti più avanzati nella diagnostica per immagini, ricostruendo in 3D la scatola cranica delle bambine. La parte più difficile era la rete di vasi sanguigni cerebrali condivisa in più punti, perchè intervenire chirurgicamente lì presenta un alto rischio di emorragie e di ischemie. Per questo motivo i medici hanno deciso di procedere per 3 fasi, per ricostruire due sistemi venosi indipendenti, in grado di contenere il carico di sangue che va dal cervello al cuore. Il primo intervento è stato così eseguito a maggio 2019, il secondo a giugno 2019 e il terzo a giugno 2020 con la separazione definitiva, avvenuta con successo.

In sala operatoria ha lavorato un'equipe di oltre 30 persone tra medici, chirurghi e infermieri. "Abbiamo gestito una situazione rara nel contesto di una malformazione di per sè molto rara - ha spiegato Carlo Marras, responsabile dell'unità di Neurochirurgia - La peculiarietà qui era data dal punto di contatto nel cranio, che coinvolgeva importanti strutture venose. Ma nel nostro ospedale c'è una scuola di chirurgia sui gemelli siamesi e questo intervento è l'evoluzione di altri casi trattati".

Oggi i controlli post-operatori indicano che il cervello delle gemelle è integro e il sistema ricreato funziona. Dopo il percorso di neuroriabilitazione fatto prima degli interventi, Ervina e Prefina per alcuni mesi dovranno indossare un casco protettivo e continuare la riabilitazione prima di poter iniziare la loro nuova vita, che potranno vivere normalmente.
 
 

Guarda le 4 immagini
TOP NEWS Estero
Estero
6 ore
Beirut: ambasciatrice svizzera leggermente ferita
L'onda d'urto dell'esplosione che ha causato decine di morti ha raggiunto anche l'ambasciata svizzera nella capitale libanese
Confine
9 ore
Sequestrate nel Comasco 363 cartelle cliniche
Si tratta di documenti medici che riguardano pazienti deceduti nei mesi più critici della pandemia nelle residenze sanitarie assistenziali
Estero
10 ore
Inferno a Beirut, decine di morti e migliaia feriti
La violenta esplosione potrebbe essere dovuta all'incendio di un deposito usato per custodire materiali altamente infiammabili
Video
Estero
20 ore
Le immagini in esclusiva della morte di George Floyd
Il tabloid britannico Daily Mail pubblica per la prima volta il drammatico video dell'arresto dell'afroamericano soffocato da un agente della Polizia americana.
Confine
1 gior
Valsolda, sequestrati Kruggerand d'oro e monete d'argento
Fermato un cittadino polacco proveniente da Lugano. Attorno ai 40mila euro il valore complessivo della merce
italia
1 gior
Il nuovo Ponte 'di ferro e di vento'
Inaugurata a Genova l'opera che sostituisce il Morandi. Mattarella onora i 43 morti
Estero
1 gior
Trump indagato per frode bancaria
Il presidente degli Stati Uniti sotto inchiesta della procura di Manhattan
Confine
1 gior
Arresto per spaccio nei 'boschi della droga'
Un 24enne magrebino, residente nel comasco, è stato arrestato dai carabinieri a ridosso del Mendrisiotto mentre stava confezionando dosi di cocaina
Video
Estero
1 gior
Fra poche ore Genova riavrà il suo Ponte
Stasera il presidente della Repubblica Sergio Mattarella taglierà il nastro tricolore che sigilla il nuovo ponte 'Genova-San Giorgio'
Estero
1 gior
Uno svizzero a Torino minaccia passanti con due coltelli
Il protagonista è un cittadino elvetico 37enne, senza fissa dimora, bloccato in piazza Solferino dai carabinieri
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile