laRegione
Estero
29.06.20 - 20:460

Due Polonie al ballottaggio

Il secondo turno delle presidenziali tra Andrzej Duda e Rafal Trzaskowski specchio di un paese diviso

È ancora Andrzej Duda il favorito al secondo turno delle presidenziali polacche, ma l'uomo della destra nazionalista e bigotta non ha la vittoria in tasca. Il presidente uscente ha infatti vinto domenica il primo turno, con il 43,6% dei voti, ma l'obiettivo era in realtà quello di chiudere subito la partita. Doverà dunque vedersela con Rafal Trzaskowski, beniamino degli ambienti liberali ed europeisti, o anche soltanto insofferenti della propaganda (e della legislazione) reazionaria imposta al paese dal Pis, il partito Diritto e giustizia di Jaroslaw Kaczynski. Il sindaco di Varsavia è giunto secondo con il 30,34% dei voti, e conta ora di portare dalla propria parte l'elettorato degli altri candidati, a parte quelli di Krzysztof Bosak, all'estrema destra e semmai orientati a dare il voto a Duda. Questi, ha infatti immediatamente dato il tono alla campagna per il ballottaggio riprendendo il repertorio caro a Radio Maria: fare diga a gay, lesbiche e peccatori assortiti, nemici della famiglia tradizionale e irresponsabilmente aperti all'immigrazione, e difensori della separazione dei poteri. Dudao ha ribadito che ci sono vari punti comuni fra il suo programma e quello di Bosak oltre a "una visione molto simile dell'avvenire di Polonia".

Trzaskowski, oltre a dover vincere l'ostilità di radio e tv pubbliche, di una parte importante della chiesa cattolica e di un sentimento ben coltivato nelle aree rurali contro il libertinaggio metropolitano, dovrà cercare di avere dalla propria parte anche una vasta area di delusi dalla politica. Vasta, ma non vastissima, se è vero che le elezioni di domenica sono state le presidenziali più partecipate in assoluto, con oltre il 60% degli aventi diritto alle urne. Trzaskowskisi era pronunciato fortemente a favore di un "forte presidente non sottomesso a nessun partito", il quale, stando sopra le parti, potrebbe meglio badare al rispetto dei diritti dei cittadini. "La maggior parte di noi all'opposizione vuole il cambiamento e se questo non avverrà c'è il rischio che il monopolio del potere continui per altri anni", ha detto il sindaco, che ieri ha incontrato Szymon Holownia, candidato indipendente arrivato terzo con il 13,3% dei voti, per discutere con lui i comuni punti dei programmi, nella speranza di ricevere l'appoggio da parte di suoi elettori. Ieri, il candidato della sinistra Robert Biedroń ha già annunciato che inviterà i propri elettori a votare per Trzaskowski. 

Un confronto non solo tra due politici, ma tra due indirizzi storici per la Polonia, anche secondo l'ex presidente del consiglio europeo Donald Tusk. La scelta da affrontare è "tra verità e menzogna, rispetto e disprezzo, orgoglio e vergogna. Nessuno può più fare finta di non capire che cosa c'è in ballo. Intanto, per il capo dello Stato uscente, l'esecutivo del Pis ha messo tutte le sue forze in campo: per far aumentare l'affluenza ai seggi dell'elettorato più tradizionalista, ad esempio, il governo ha promesso pochi giorni prima del voto nuovi camion dei pompieri per i comuni con meno di 20 mila abitanti: e questo proprio nelle regioni, in cui l'affluenza sarà più alta. In questi comuni abitano circa 20 milioni di polacchi. Nei comizi a favore di Duda hanno partecipato inoltre diversi membri del governo, mentre la radio e la televisione pubblica sostenevano esclusivamente lui. Un svolta in Polonia non è esclusa, ma la strada per Trzaskowski è in salita.
 

TOP NEWS Estero
Estero
5 min
Usa, oltre 50mila casi in 24 ore. Trump: "Abbiamo fatto bene"
Il presidente statunitense ribadisce: il coronavirus sparirà. In America Latina la pandemia corre in Brasile: colpite oltre 2,6 milioni di persone.
Estero
10 ore
Razzismo: sgomberata zona occupata a Seattle, 31 arresti
La zona vicino al Congresso era occupata da settimane da manifestanti che protestavano per l'uccisione di George Floyd
Italia
16 ore
Lugano, ditta implicata nello sbarco di 14 tonnellate di droga
Stando ai documenti doganali sequestrati a Salerno, in città ci sarebbe la sede della società coinvolta nel più vasto traffico internazionale di anfetamine
Foto e video
Estero
18 ore
Hong Kong: migliaia in piazza, almeno 80 arresti
Alta tensione al raduno a Causeway Bay per protestare contro la nuova legge sulla sicurezza nazionale imposta dalla Cina
Estero
23 ore
Il Mississippi ammaina la bandiera confederata
Quella del Mississippi era l'unica bandiera che ancora raffigurava nel suo disegno la bandiera degli Stati Confederati d'America
Estero
1 gior
L'Ue riapre le frontiere a 15 Stati ma non agli Usa
I confini esterni dell'Unione europea riaperti a 15 Paesi terzi, tra cui la Cina, ma a condizione di reciprocità. In Italia resta la quarantena.
Estero
1 gior
Hong Kong, la Cina vara la legge sulla sicurezza nazionale
La mossa, che ha causato la dura opposizione di Usa, Ue e Gran Bratagna, è vista come una stretta all'ampia autonomia della regione
Estero
1 gior
In America Latina i casi aumentano ma con meno forza
Osservata una diminuzione dei contagi rispetto alla media delle scorse settimane
Estero
2 gior
Il Boeing 737 Max torna a volare
Dopo uno stop di 15 mesi a causa di due incidenti, il velivolo è tornato nei cieli avviando il processo di certificazione con la Federal Aviation Administration.
Estero
2 gior
Messico, per i 43 studenti scomparsi forse una svolta
Uno dei principali sospettati del sequestro del 2014 è stato fermato dalla polizia settimana scorsa.
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile