laRegione
14.05.20 - 21:43

Trump minaccia di rompere i rapporti con la Cina

Il presidente Usa cavalca un tema forte della campagna elettorale: dare la colpa di tutto a Pechino

Ats, a cura de laRegione
trump-minaccia-di-rompere-i-rapporti-con-la-cina

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha ulteriormente inasprito i toni oggi nei confronti della Cina, minacciando di rompere tutti i rapporti con il gigante asiatico per la sua gestione del coronavirus e assicurando di non voler più parlare con il suo presidente Xi Jinping.

Trump ripete da diverse settimane che il pesante bilancio di Covid-19 - quasi 300'000 morti in tutto il mondo - avrebbe potuto essere evitato se la Cina avesse agito in modo responsabile quando il virus è comparso nella città di Wuhan.

In un'intervista a Fox Business, oggi, il presidente degli Stati Uniti ha detto di essere "molto deluso" dall'atteggiamento di Pechino e ha respinto l'idea di parlare direttamente con il suo omologo Xi Jinping per allentare le tensioni.

"Ho un ottimo rapporto (con lui) ma al momento non ho voglia di parlargli", ha dichiarato Trump. Interrogato sulle diverse misure di ritorsione che stava considerando, il presidente degli Stati Uniti, che nei giorni scorsi ha parlato della possibile introduzione di dazi doganali punitivi, è stato allo stesso tempo evasivo e minaccioso.

"Ci sono molte cose che potremmo fare. Potremmo rompere tutti i rapporti", ha detto.

"Se lo facessimo, cosa succederebbe? Risparmieremmo 500 miliardi di dollari (circa 484 miliardi di franchi al cambio attuale) se rompessimo tutti i rapporti", ha detto.

"Quello che è successo al mondo e al nostro Paese è molto triste, tutte queste morti", ha continuato Trump, criticato negli Stati Uniti per la sua mancanza di empatia nei confronti delle vittime. "È molto triste per molte famiglie che sono state colpite duramente", ha sottolineato.

"Avrebbero potuto fermarlo (il virus) in Cina, da dove è venuto. Ma non è andata così", ha detto il presidente degli Stati Uniti, che si candiderà per un secondo mandato il 3 novembre e che ha fatto della buona salute dell'economia uno dei suoi argomenti principali della campagna.

Le principali potenze economiche mondiali sono impegnate in un'escalation verbale dall'esito incerto.

I senatori del suo campo repubblicano, molto arrabbiati con Pechino, hanno presentato martedì un disegno di legge che darebbe al presidente il potere di imporre sanzioni alla Cina se non aiuta a far luce sull'origine della malattia in modo trasparente.

Washington ha accusato Pechino di aver cercato di hackerare la ricerca americana su un vaccino contro il nuovo coronavirus. "I tentativi della Cina di prendere di mira i settori (salute e ricerca) rappresentano una seria minaccia per la risposta del nostro Paese al Covid-19", ha avvertito la polizia federale (FBI) all'inizio della settimana.

La Cina ha denunciato con forza questa "diffamazione americana".

"La Cina è all'avanguardia nella ricerca in materia di vaccini e trattamenti contro il Covid-19. Di conseguenza, ha più motivi di chiunque altro per diffidare del furto di informazioni su Internet", ha detto Zhao Lijian, portavoce del Ministero degli affari esteri.

Pechino sostiene di aver trasmesso tutte le informazioni all'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e ad altri Paesi, tra cui gli Stati Uniti, il più presto possibile.

Interrogato sulle eventuali prove di cui disponeva che permettessero di dimostrare che il virus proveniva da un laboratorio di Wuhan, Trump è stato molto meno categorico che in passato ed è sembrato addirittura quasi fare marcia indietro.

"Abbiamo molte informazioni... ma la cosa peggiore di tutte, che il virus provenisse dal laboratorio o dai pipistrelli, è che è arrivato dalla Cina e avrebbero dovuto fermarlo".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
iran
16 ore
Teheran rilascia il regista Panahi dopo 7 mesi di carcere
Libero il vincitore del Leone d’Oro 2000. Foto scioccanti di un altro attivista durante lo sciopero della fame
la guerra in ucraina
16 ore
Kiev denuncia il capo del gruppo Wagner per crimini di guerra
Prigozhin nel mirino: ‘Non sfuggirà alle sue responsabilità’
la guerra in ucraina
16 ore
Zelensky all’Ue: ‘Negoziati nel 2023’. Dubbi tra i 27
Michel insiste, indispettendo i russi: ‘Il vostro destino è con noi’
stati uniti
17 ore
Pallone-spia cinese sugli Usa, Blinken non va a Pechino
L’ira di Washington. La Cina si scusa: ‘Faceva solo rilievi meteo’
medio oriente
17 ore
La Siria restaura il museo di Palmira distrutto dall’Isis
Ma l’area è oggi una piazzaforte di milizie jihadiste filo-Iran
Cina
21 ore
‘Macché pallone spia: è una sonda per misurazioni meteo’
Pechino si rammarica per l’incidente: ‘Pronti a collaborare per un’adeguata gestione di questa situazione imprevista causata da forza maggiore’
Estero
1 gior
Il pallone aerostatico sorvola una base con missili nucleari
Gli Stati Uniti si dicono ‘molto sicuri’: ‘Si tratta di una spia cinese’. Ma per questioni di sicurezza non sarà abbattuto
oceania
1 gior
L’Australia non vuole Re Carlo sulle sue banconote
L’erede di Elisabetta non apparirà sui nuovi 5 dollari. Al suo posto una figura per onorare la cultura aborigena
asia
1 gior
Gli Usa sbarcano nelle Filippine, accordo anti-Cina
Altre 4 basi per la difesa a Taiwan, la vigilia dell’incontro Blinken-Xi si fa tesa
economia
1 gior
La Bce alza i tassi di mezzo punto
La mossa della Banca centrale europea fa seguito a quella della Fed, che aveva appena fissato un rialzo dello 0,25%
© Regiopress, All rights reserved