laRegione
Estero
12.12.19 - 08:050

Pensavano fosse droga, era un museo privato clandestino

Sequestrati a Roma 160 reperti provenienti dal complesso monumentale di Sant'Ilario ad Bivium. Denunciato il 'proprietario'

Un vero e proprio museo clandestino costituito soprattutto da anfore, vasi romani, monete, monili e reperti ossei, in tutto 160 reperti archeologici risalenti al periodo ricompreso tra il II secolo a.C. ed il VI-VII secolo d.C. è stato scoperto a Roma dalla guardia di finanza in un appartamento nel quale stavano eseguendo una perquisizione sospettando che vi fossero nascosti stupefacenti. I reperti rinvenuti, di rilevante interesse storico e archeologico, proverrebbero dal complesso monumentale di Sant'Ilario ad Bivium, ubicato nel territorio di Valmontone, interessato tra la fine degli anni 80 e i primi anni 90 da una campagna di scavi che ha fatto emergere, tra l'altro, una catacomba, un cimitero esterno e una chiesa. I reperti sono stati affidati in giudiziale custodia al Museo archeologico comunale di Colleferro, in attesa delle operazioni
di classificazione e delle determinazioni inerenti al restauro e all'assegnazione definitiva.  Il destinatario della perquisizione, un uomo di nazionalità italiana, è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Velletri per i reati di detenzione abusiva di reperti archeologici e di traffico di sostanze stupefacenti.

TOP NEWS Estero
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile