laRegione
©Keystone
Estero
17.11.19 - 22:100

Iraq, continuano le proteste di massa nelle città

Le manifestazioni sono iniziate lo scorso 1° ottobre e finora sono costate la vita di 330 persone, soprattutto fra i contestatori

Oggi, in diverse città irachene è stato ancora un giorno di proteste contro il governo. Migliaia le persone che hanno manifestato il proprio dissenso sia nella capitale Baghdad, sia anche a Kut, Najaf, Diwanija, Nassirija e Bassora.

L'attuale ondata di proteste, iniziata lo scorso 1° ottobre, ha fatto più di 330 vittime, soprattutto fra i manifestanti.

"Continuiamo il nostro movimento di sciopero generale finché non costringiamo il governo a dimettersi", ha detto il partecipante Hassan al-Tufan, a Bassora.

Dal canto loro, le forze di sicurezza hanno impedito l'accesso all'ambasciata iraniana a Baghdad.

Nonostante l'uso della forza da parte della sicurezza, i manifestanti continuano a scendere in piazza per ribadire il loro dissenso contro il governo: protestano contro le élite politiche, accusandole di corruzione e cattiva gestione.

Manfestanti che non chiedono solo le dimissioni del governo e del primo ministro Abdel Adel Mahdi, ma un cambiamento radicale che vede l'intera élite uscire di scena, giungendo quindi a una riforma del sistema politico.

Tags
proteste
città
iraq
scorso 1° ottobre
governo
ottobre
soprattutto fra
scorso 1°
1° ottobre
TOP NEWS Estero
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile