laRegione
Estero
16.09.19 - 21:450

Il greggio rincara, ma la paura non dilaga

Il prezzo del greggio ha compiuto un balzo del 20% come non accadeva da quasi trent’anni. Ma non è il momento di scenari catastrofici secondo Carlo Righetti, presidente di Swiss Oil Ticino

Ribolle il corso del petrolio. Il prezzo del greggio ha compiuto un balzo del 20% come non accadeva da quasi trent’anni. Tantissimo in termini percentuali, non così in valore assoluto, se si tiene conto che i quasi 72 dollari al barile toccati a Londra erano poco superiori ai valori della primavera scorsa. E che sono comunque ridiscesi a 66 a fine giornata. Non che ci sia da stare allegri o che non vi siano motivi per temere effetti disastrosi dagli sviluppi della situazione in Arabia Saudita e nel Golfo, dopo gli attacchi di sabato alle più importanti raffinerie del regno. Se non è ancora certa la mano che ha guidato i droni verso la raffineria saudita di Abqaiq, dove si prepara per l’export quasi il 70% del greggio saudita, di sicuro chi ha pensato l’attacco ha centrato un bersaglio fondamentale: mettere paura ai mercati internazionali, colpendo un centro nevralgico non solo del principale produttore mondiale, ma del Paese più in grado di stabilizzare i mercati con le sue enormi riserve di greggio. Sono bastati pochi droni lanciati sulle coste saudite del Golfo Persico per fermare qualcosa come il 5% della produzione globale di greggio.

“È chiaro che una destabilizzazione a questi livelli può provocare danni seri – osserva Carlo Righetti, presidente di Swiss Oil Ticino – . Ma non abbiamo informazioni sulla reale entità dei danni prodotti dall’attacco. Dunque sarei molto prudente nel tratteggiare scenari catastrofici”. Quelli a cui sembrano inclini parte degli analisti, secondo i quali uno scenario prebellico non potrà che riprodursi sui mercati in forma di una corsa al rialzo. Ieri, il Brent scambiato a Londra si è in effetti apprezzato del 20%, come non avveniva dai tempi della Guerra del Golfo (1991), ma la successiva discesa è stata interpretata come un segnale positivo. Anche Edoardo Campanella, economista di Unicredit, citato dall’Ansa, ha dunque invitato a “non perdere di vista i fondamentali del mercato, che fronteggiano un problema di eccesso d’offerta” di greggio.

TOP NEWS Estero
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile