laRegione
salvini-la-maggioranza-non-c-e-piu-la-parola-agli-elettori
Epa
Estero
08.08.19 - 20:530
Aggiornamento : 22:09

Salvini: 'La maggioranza non c'è più, la parola agli elettori'

Crisi nel governo italiano. Il vicepremier Salvini sollecita le elezioni che potrebbero tenersi in ottobre. Di Maio: 'La Lega ha preso in giro il paese'

"Andiamo subito in Parlamento per prendere atto che non c'è più una maggioranza, come evidente dal voto sulla Tav, e restituiamo velocemente la parola agli elettori". Lo scrive in una nota il vicepremier italiano Matteo Salvini.

"Inutile andare avanti a colpi di NO e di litigi, come nelle ultime settimane, gli Italiani hanno bisogno di certezze e di un governo che faccia, non di Signor No. Non vogliamo poltrone o ministri in più, non vogliamo rimpasti o governi tecnici: dopo questo governo (che ha fatto tante cose buone) ci sono solo le elezioni", continua Salvini.

"Le vacanze non possono essere una scusa per perdere tempo e i parlamentari (a meno che non vogliano a tutti i costi salvare la poltrona) possono tornare a lavorare la settimana prossima, come fanno milioni di Italiani", ha affermato ancora. La mossa di Salvini porta alla parlamentarizzazione della crisi che, ora, vede avvicinarsi le elezioni anticipate. Tre le date possibili: il 13, il 20 o il 27 ottobre.

Se la crisi si consumasse infatti a metà agosto, le urne, considerando i tempi necessari per gli italiani all'estero, dovrebbero aprirsi a circa due mesi di distanza.

Anche Di Maio pronto al voto

Noi siamo pronti a voto, la Lega ha preso in giro Paese. Ad affermarlo è il vice premier italiano Luigi Di Maio (Movimento 5 Stelle). Della poltrona non ci interessa nulla e mai ci è interessato, ha aggiunto.

"C'è una riforma a settembre, fondamentale, che riguarda il taglio definitivo di 345 parlamentari. È una riforma epocale, tagliamo 345 poltrone e mandiamo a casa 345 vecchi politicanti. Se riapriamo le Camere per la parlamentarizzazione, a questo punto cogliamo l'opportunità di anticipare anche il voto di questa riforma, votiamola subito e poi ridiamo la parola agli italiani. Il mio è un appello a tutte le forze politiche in Parlamento: votiamo il taglio di 345 poltrone e poi voto", ha detto ancora Di Maio. "Una cosa è certa: quando prendi in giro il Paese e i cittadini prima o poi ti torna contro. Prima o poi ne paghi le conseguenze", ha sottolineato.

Parola a Conte

Ora la palla è nelle mani del premier Giuseppe Conte, che qualora proseguisse sulla strada indicata dal leader della Lega (e non scegliesse di dimettersi prima di passare per in Parlamento), si potrebbe presentare alla Camera già la prossima settimana per contare i numeri. Il primo segnale di questo percorso dovrebbe arrivare con la convocazione di una conferenza dei capigruppo, che non è escluso si tenga già domani ma che potrebbe anche essere rinviata di qualche giorno. E che avrà comunque il compito di convocare l'Assemblea.

Il dibattito e il voto sul governo Conte potrebbero dunque tenersi già prima di Ferragosto a Montecitorio: incassata a quel punto quella che appare come una certa sfiducia, il premier potrebbe salire al Quirinale e rimettere il mandato. Scatterebbero così le consultazioni da parte del presidente della Repubblica e c'è chi non esclude l'ipotesi che Sergio Mattarella affidi mandati esplorativi ai vertici del Parlamento per sondare gli umori delle forze politiche. Altra ipotesi è che il Capo dello Stato dia l'incarico a un tecnico, consapevole che non sarebbe in grado di coagulare una maggioranza attorno a sé, ma che guiderebbe un Esecutivo ponte. Resta in piedi anche lo scenario che vede proprio l'attuale premier traghettare la Legislatura.

Senza ulteriori elementi di novità, con questa accelerazione della crisi salterebbe la riforma del taglio dei parlamentari: la discussione attesa per il 9 settembre sempre a Montecitorio sarebbe cancellata. L'effetto domino del provvedimento è sempre stato particolarmente complesso: in quanto legge costituzionale può essere soggetta a un referendum confermativo.

Ora i 5 Stelle chiedono di portarla comunque in Aula approfittando della riapertura di Montecitorio. Strada che appare di difficile percorribilità. Altro nodo, ovviamente, quello della manovra e della messa in sicurezza dei conti pubblici.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
1 ora
Colombia, arresti domiciliari per l'ex presidente Alvaro Uribe
La Corte suprema di Bogotà ha ordinato il provvedimento. Il 68enne è accusato di subornazione di testimoni
Libano
3 ore
Beirut sotto choc chiede la verità
Nella capitale devastata si contano almeno 135 morti, cinquemila feriti e 300mila sfollati
Estero
5 ore
Nuovo balzo del numero di contagi in Italia
Auemtano anche i ricoveri. Soltanto la val d'Aosta non registra nuovi casi
Confine
6 ore
No alla tassazione italiana per i frontalieri in smart working
I lavoratori occupati in Svizzera continueranno a essere tassati qui, via libera all'accordo con l'Italia
Confine
6 ore
Ripescato nel lago di Como cadavere consulente finanziario
Si tratta di un milanese di 40 anni, scomparso due mesi fa. Il corpo è stato rinvenuto dalle acque del Lario a Varenna (Lecco)
Estero
7 ore
ll governo conferma, esplosivo sequestrato sei anni fa
Il nitrato d'ammonio era stato confiscato nel 2014 a una nave con bandiera moldava in rotta verso una destinazione sconosciuta
Estero
12 ore
Ferite lievi per l'ambasciatrice svizzera
Tornerà al lavoro oggi, dopo aver subito leggere ferite a causa delle esplosioni che hanno causato oltre 100 morti e più di 4'000 feriti nella capitale libanese
Estero
15 ore
In manette il figlio del boss Badalamenti
Su di lui pendeva un mandato di cattura internazionale per associazione criminale finalizzata al traffico di stupefacenti
Estero
16 ore
Coronavirus, nel mondo più di 700mila morti
I contagi totali sono quasi 18,5 milioni. In Brasile superata la soglia dei 2,8 milioni di contagi.
Estero
17 ore
Beirut, si aggrava il bilancio: almeno 100 morti e 4mila feriti
Il ministro della salute invita a lasciare la città a causa del materiale potenzialmente pericoloso liberatosi nell'aria
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile