laRegione
MINELLA M. (LUX)
0
BENCIC B. (SUI)
2
fine
(2-6 : 4-6)
MINELLA M. (LUX)
0 - 2
fine
2-6
4-6
BENCIC B. (SUI)
2-6
4-6
WTA-S
STUTTGART GERMANY
Ultimo aggiornamento: 24.04.2019 13:46
Estero
21.03.19 - 09:270

Ponte Morandi, controlli prima del crollo truccati

La Procura indaga sulle falsificazioni delle verifiche eseguite nei mesi precedenti il cedimento da alcuni tecnici della Spea (autostrade)

I controlli sul viadotto ligure prima del disastro furono truccati? È l’accusa più grave mossa dal 14 agosto scorso, quando il crollo del Ponte Morandi a Genova provocò 43 vittime: aver falsificato le verifiche sul viponte, facendo dolosamente risultare un quadro più rassicurante della realtà e depistando chi avrebbe potuto evitare il massacro in extremis, magari stoppando il traffico. La Procura – riporta La Stampa –contesta quest’addebito a 5 ingegneri legati a Spea Engineering, società controllata in toto da Autostrade per l’Italia e delegata a monitoraggi e manutenzioni.Per il disastro sono stati finora iscritti sul registro degli indagati i nomi di 74 persone, appartenenti ad Autostrade/Spea o al ministero delle Infrastrutture, e settantuno rispondono di omicidio colposo plurimo e stradale e attentato alla sicurezza dei trasporti. Tutti reati colposi che certificano, agli occhi di chi indaga, una «sottovalutazione» del rischio per «negligenza». Altri tre sono nel mirino solo per favoreggiamento: secondo i magistrati hanno quindi sviato i rilievi «dopo» il crollo, ma non sono stati protagonisti di comportamenti che in qualche modo lo hanno cagionato. A cinque dei 71 inquisiti per lo scempio vero e proprio, tuttavia, i pm hanno attribuito negli ultimi giorni pure il «falso commesso da pubblico ufficiale». A parere degli investigatori i presunti responsabili hanno cioè alterato l’esito delle ispezioni sul Morandi, o fatto risultare come avvenuti test in realtà mai condotti, e a distanza di qualche mese il ponte si è sbriciolato mentre lo stavano attraversando decine di mezzi. È un’ipotesi gravissima e sulla carta potrebbe profilare la contestazione di «dolo eventuale», una sorta di omicidio volontario, laddove fosse chiaro che il pool dei controllori modificava i dossier pur sapendo che il ponte poteva collassare. Altro nodo cruciale da sciogliere – sempre secondo il quotidiano torinese – è quello sui possibili input superiori. È ipotizzabile che tecnici di medio livello abbiano deciso autonomamente di trasformare le check-list sul Morandi in una prassi da evadere solo a tavolino? Alcune intercettazioni lascerebbero intendere il contrario, così come una serie d’interrogatori condotti nei mesi scorsi dalle Fiamme Gialle. Ieri, sempre nell’ambito degli approfondimenti sulle presunte falsificazioni, i finanzieri del Primo gruppo (coordinati dai colonnelli Ivan Bixio e Giampaolo Lo Turco) hanno compiuto perquisizioni a Milano, a Bologna e a Firenze, in sedi sia di Spea sia di Autostrade, per acquisire documentazione.

Potrebbe interessarti anche
Tags
morandi
ponte
spea
autostrade
crollo
controlli
ponte morandi
TOP NEWS Estero
© Regiopress, All rights reserved