laRegione
La tomba del fondatore Josemaria Escrivà de Balaguer
Stati Uniti
08.01.19 - 19:170
Aggiornamento : 20:53

Opus Dei: un milione di dollari per il silenzio delle donne molestate

L'azione legale contro il reverendo McCloskey, il 'confessore dei vip', chiusa con una transazione in denaro. Il vicario: 'Mi dispiace profondamente'

Lo scandalo delle molestie sessuali del clero investe l'Opus Dei. La prelatura fondata da Josemaria Escrivà de Balaguer ha pagato quasi un milione di dollari per chiudere un'azione legale contro il reverendo John McCloskey, celebre per aver convertito al cattolicesimo esponenti di primo piano del mondo conservatore Usa tra cui l'ex senatore Rick Santorum, il consigliere economico del presidente Trump, Larry Kudlow, e l'ex Speaker della Camera Newt Gingrich, marito dell'ambasciatrice Usa in Vaticano Calista Gingrich.

Il patteggiamento di 977 mila dollari è stato pagato nel 2005, dopo che una donna aveva accusato il "confessore dei vip" di comportamenti indecenti, ha annunciato l'Opus Dei nella prima ammissione di un caso di molestie che riguarda l'organizzazione. In realtà sulla vicenda non fu mai celebrato un processo, poiché la vittima non volle che si arrivasse in un'aula di Tribunale, ma per chiudere la vicenda chiese direttamente che si arrivasse a un accordo dietro risarcimento.

Ai tempi del 'Codice da Vinci'

Le accuse risalgono al 2003, anno in cui l'Opus Dei americana era impegnata a tutto campo a combattere l'uscita del "Codice da Vinci" di Dan Brown. La donna, rimasta anonima, ha detto al Washington Post che il prete "le mise le mani addosso" varie volte durante sedute di consulenza pastorale al Catholic Information Center, a pochi passi dalla Casa Bianca. McCloskey le intimò di non dire nulla sull'accaduto. "Amo l'Opus Dei ma sono stata messa in mezzo nella copertura. Sono andata in confessione pensando di aver fatto qualcosa per indurre questo sant'uomo in tentazione", ha detto al giornale della capitale. L'Opus Dei è uscita adesso allo scoperto su richiesta della accusatrice, che continua a far parte dell'organizzazione. In seguito alla denuncia, McCloskey fu rimosso dal Catholic Information Center, ha detto il vicario dell'Opus Dei, monsignor Thomas Bohlin, e successivamente sottoposto a restrizioni che avevano indotto molti cattolici della capitale a chiedersi cosa fosse successo al religioso, spesso in televisione e considerato una vera e propria celebrità per la Chiesa di Washington.

Ci sono altre donne

La donna risarcita non è la sola che negli anni avrebbe accusato McCloskey di molestie, ha indicato la prelatura: si starebbe indagando su altri due casi, uno dei quali potenzialmente "grave". "Tutte le molestie sono gravi e vergognose e mi dispiace profondamente che l'Opus Dei abbia contribuito a quello che sta soffrendo la Chiesa", ha detto Bohlin. Dopo aver lasciato Washington in seguito alle accuse, McCloskey fu inviato in Gran Bretagna, poi in California e a Chicago. Più di recente il prete è tornato nell'area di Washington, dove risiede la famiglia. Per le sue cattive condizioni di salute, ha bisogno di aiuto nelle attività quotidiane e non è più in grado di celebrare la messa, neanche in privato.

5 mesi fa A processo il cardinal Barbarin
5 mesi fa Quasi 700 i preti sospettati di pedofilia in Illinois
6 mesi fa Pedofilia, bufera sui gesuiti americani
Potrebbe interessarti anche
Tags
opus
mccloskey
molestie
washington
donna
TOP NEWS Estero
© Regiopress, All rights reserved