laRegione
15.11.18 - 18:36

La Corte di Strasburgo condanna la Russia per Navalny

Il 'nemico numero uno' di Putin esulta in aula per la decisione della Corte europea dei diritti dell'uomo

di Ats
la-corte-di-strasburgo-condanna-la-russia-per-navalny
L'oppositore di Putin (Keystone)

La Corte europea dei diritti dell'uomo ha dato ragione ad Aleksey Navalny: i ripetuti fermi e arresti del “nemico numero uno” di Putin sono illegittimi e frutto di persecuzione politica. L'oppositore russo non ha nascosto il suo entusiasmo in aula.

Questa sentenza, ha dichiarato, è "una grande vittoria" e ha "notevole importanza non solo per me, ma anche per le moltissime persone in tutta la Russia che vengono regolarmente acchiappate e messe dentro per palesi motivi politici".

Per il Cremlino, quello arrivato da Strasburgo è invece uno schiaffo. La Grande Camera della Corte ha emesso infatti una condanna più dura rispetto alla precedente. L'anno scorso il tribunale aveva ordinato alla Russia di pagare 63'000 euro a Navalny per sette fermi "illegittimi" subiti dal dissidente tra il 2012 e il 2014, ma non si era pronunciato sulla motivazione politica delle misure.

Oggi invece i giudici non solo hanno confermato il risarcimento, ma hanno anche riconosciuto che in almeno due casi l'arresto di Navalny aveva come obiettivo quello di "sopprimere il pluralismo politico". Strasburgo ha inoltre denunciato i tentativi delle autorità russe di "tenere l'opposizione sotto controllo" e ha chiesto al Cremlino di garantire il rispetto del diritto di assemblea.

Si tratta di un elemento fondamentale, perché Navalny è il principale avversario politico di Putin. È stato lui negli ultimi anni a trascinare in piazza migliaia e migliaia di persone in manifestazioni antigovernative regolarmente soppresse dalla polizia russa con ondate di fermi e arresti e spesso anche qualche manganellata.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
3 ore
Sempre più vittime del terremoto in Turchia e Siria: oltre 5’000
È stato intanto estratto vivo dalle macerie il calciatore ghanese Christian Atsu. Oltre 8’000 persone sono state salvate finora
Estero
7 ore
Sale a 4’890 il bilancio dei morti del sisma fra Turchia e Siria
Da parte di Ankara le vittime del terremoto di magnitudo 7,9 di ieri sono al momento 3’381, da parte siriana sono 1’509
la guerra in ucraina
17 ore
Zelensky: ‘Nuova offensiva russa entro 10 giorni’
Il leader atteso giovedì a Bruxelles al vertice e al Parlamento
italia
18 ore
Il tiramisù non è vegano, muore ragazza allergica al latte
Quattro indagati a Milano. Prodotto ritirato dal ministero della Salute
diplomazie
18 ore
La Cina insiste: ‘Palloni civili’. Un video la smaschera
Immagini del 2018 su un social network mostrano un test militare con un aerostato identico. Pechino se la prende con gli Usa
Estero
21 ore
‘Pray for Syria and Turkey’. L’inizio di un incubo
Il terremoto visto dal Ticino e con gli occhi della bellinzonese Sara Demir, con parenti sia in Turchia sia in Siria
Estero
21 ore
Turchia, del castello di Gaziantep non restano che macerie
Il terremoto miete vittime anche fra i monumenti storici: completamente distrutta la fortezza patrimonio dell’Unesco
Estero
1 gior
La visita dei parlamentari svizzeri a Taiwan preoccupa la Cina
Pechino critica i contatti ufficiali fra le autorità dell’isola che considera una provincia ribelle e i Paesi che hanno relazioni diplomatiche con la Cina
Confine
1 gior
Confine, arrestato un 21enne per spaccio di droga
Nell’abitazione del giovane militari e cane antidroga hanno rinvenuto 500 grammi di hashish, diversi contanti e una bici elettrica rubata in Ticino
Estero
1 gior
Sono oltre 3600 le vittime del sisma, ma si scava ancora
Superati i 2300 morti in Turchia e 1200 in Siria. Erdogan: ‘Il più grande disastro nel Paese dal 1939’
© Regiopress, All rights reserved