laRegione
(Keystone)
Estero
28.08.18 - 20:420

Salvini e Orban blindano l'asse nazionalista

Parole di amicizia fra il ministro italiano e il premier ungherese. Critiche a Macron: apra Ventimiglia

"Siamo vicini a una svolta storica per il futuro dell'Europa: io e Viktor, ognuno nel proprio campo, stiamo lavorando per un'alleanza che escluda i socialisti. Oggi comincia un percorso". Il ministro dell'Interno italiano Matteo Salvini, al termine dell'incontro a Milano con il premier ungherese Viktor Orban, rinsalda l'asse sovranista in vista delle prossime Europee di primavera e lancia una bordata contro il presidente francese Emmanuel Macron: "basta lezioni, apra Ventimiglia".

Ancora è presto per parlare della cosiddetta "Lega delle Leghe", di una lista unitaria. Lo stesso Salvini chiarisce che non sta chiedendo al premier magiaro di lasciare il Ppe, ma certamente tra i due qualcosa si sta muovendo.

Un appuntamento politicamente rilevante, questo in Prefettura a Milano, contro cui, per la prima volta, la sinistra unita è in piazza a manifestare a favore dell'accoglienza e l'integrazione. Contro di loro, la reazione infastidita del ministro dell'Interno: "La sinistra non può decidere chi devo incontrare o no. Sono sorpreso della loro sorpresa, poi - conclude - non possono sorprendersi se la gente non li vota più".

Un feeling forte quello tra il segretario leghista e Orban: "Se si presentasse da noi vincerebbe le elezioni, meno male che non lo fa...", ironizza il premier ungherese. E ancora, ricorda la simpatia nata nei banchi del Parlamento di Strasburgo: "quando tutti ci attaccavano, Matteo ci difese. Noi non dimentichiamo", prosegue. E Salvini replica con altrettanta gentilezza: "sono qui da segretario di partito e da milanista, visto che la prima visita in Italia di Viktor è stata a Milanello".

Tra i due, com'è noto, c'è piena identità di vedute sul tema dell'immigrazione: "Noi abbiamo dimostrato che i migranti si possono fermare via terra, fisicamente e giuridicamente. Matteo sta dimostrando che si può fare anche dal mare. Stiamo con lui, è il nostro eroe, lo invitiamo a non mollare", si scalda Orban. Uniti dalla blindatura dei confini europei, c'è totale sintonia anche nell'attaccare il principale nemico comune, Emmanuel Macron, identificato come il "capo del partito che vuole i migranti", sintetizza sempre Orban. E Salvini va oltre. Replicando alle critiche del presidente francese al governo turco, torna sulla polemica sulla frontiera ligure: "Invece di criticare Visegrad e dare lezioni a governi stranieri, Macron dia l'esempio e apra il confine di Ventimiglia".

Quindi ribadisce che non arretra di un millimetro dopo la vicenda Diciotti: "Nessuna indagine o processo mi farà cambiare idea. La Marina militare deve vigilare la sicurezza delle coste italiane. Conto che non si riproponga un problema simile. Ma se dovesse capitare - aggiunge - mi comporterò nella stessa maniera".

TOP NEWS Estero
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile