laRegione
I sopravvissuti si sono rifugiati sui tetti (Keystone)
Estero
24.07.18 - 19:260
Aggiornamento : 20:19

Cede una diga in Laos: si temono centinaia di morti

La sbarramento, in costruzione, distrutto dopo forti piogge. Almeno sei villaggi travolti da un'ondata da cinque miliardi di metri cubi d'acqua e fango.

"Numerosi morti", centinaia di dispersi e almeno 6'600 persone rimaste senza casa: il cedimento di una diga in costruzione nel sud del Laos ha rilasciato ieri sera una valanga d'acqua che ha inondato almeno sei villaggi. In un'arretrata area rurale, e considerato lo stato delle infrastrutture e delle risorse per i soccorritori nel paese, c'è il forte rischio che il bilancio della strage diventi drammatico.

La diga crollata è la Xe Pian Xe Namnoy nel distretto di San Sai, nella provincia di Attapeu, vicino al confine con la Cambogia: si tratta di uno sbarramento ausiliare lungo 770 metri e alto 16, utilizzata come sostegno alla diversione delle acque che alimentano il bacino principale. Sarebbe dovuta diventare operativa a inizio 2019 dopo lavori costati 1,2 miliardi di dollari.

Secondo la Ratchaburi Electricity Generating Holding, la società thailandese parte della joint venture con due società sudcoreane e un ente statale laotiano, la pressione frutto delle pesanti piogge degli ultimi giorni ha causato una frattura nella barriera di 8 metri di spessore. Il cedimento ha causato il rilascio a valle di cinque miliardi di metri cubi d'acqua, una quantità pari a quella di due milioni di piscine olimpiche.

I pochi video diffusi online da soccorritori mostrano un'enorme distesa di acqua fangosa ricoprire villaggi e campi coltivati, mentre i superstiti vengono portati in salvo a bordo di imbarcazioni che scorrono lente tra case sommerse fino al tetto.

In un video pubblicato su Youtube si mostra pure quel che rimande della diga.

Dal governo informazioni stringate

Dal governo a partito unico di Vientiane, notoriamente reticente nel rilasciare informazioni, sono arrivati aggiornamenti stringati. Si sa che il primo ministro Thongloun Sisoulith ha sospeso i prossimi impegni governativi per monitorare i soccorsi, e le autorità locali hanno fatto appello a tutte le agenzie statali affinché forniscono tutto quello di cui c'è bisogno: cibo, acqua, vestiti, medicine. C'è il rischio che le vere dimensioni della tragedia vengano sottaciute, perché metterebbero in cattiva luce il governo comunista.

Per il Laos, uno dei paesi più arretrati della regione, il disastro rappresenta l'incidente più grave nel suo progetto di diventare "la batteria del Sud-est asiatico" grazie allo sfruttamento del potenziale idroelettrico del Mekong e dei suoi affluenti. Una quarantina di dighe sono già operative, ma 53 sono in fase di costruzione o progettazione. I committenti sono spesso thailandesi, dato che l'85% dell'elettricità esportata finisce in Thailandia, mentre ampie regioni del Laos rurale sono ancora senza fornitura di corrente.

Dubbi sulla qualità della costruzione

Finora le preoccupazioni relative a tali progetti riguardavano perlopiù l'impatto ambientale. Segnalazioni di un calo del livello delle acque nel Mekong, complici anche altre dighe a monte in Cina, hanno alimentato le paure per la fauna fluviale, sia dal punto di vista del rischio di estinzione di alcune specie, sia da quello dell'impatto sul sostentamento di milioni di persone nelle aree rurali lungo il bacino del Mekong tra Laos e Cambogia.

Ma il disastro della Xe Pian Xe Namnoy dimostra che la qualità dei lavori di costruzione è tutta da verificare. Il fatto che i committenti thailandesi operino in sostanza in regime di monopolio, dettando le condizioni, porta spesso i costruttori ad affidarsi a sub-appaltatori locali che risparmiano sui costi. E se non è ancora chiaro cosa ci sia dietro questo cedimento, i timori per la sicurezza degli altri impianti in costruzione non potranno che aumentare.

Guarda le 3 immagini
TOP NEWS Estero
Estero
8 min
Boeing ucraino abbattuto per un radar non calibrato
L'Iran ammette l'errore umano, morirono tutti i 176 passeggeri a bordo
Estero
3 ore
Bloccata da 4 mesi a Capo Verde, turista svizzera in difficoltà
Era arrivata lo scorso 13 marzo per una vacanza ed è rimasta sull'isola, che ha chiuso le frontiere per evitare la diffusione della pandemia
Estero
9 ore
Polonia, seggi aperti per il ballottaggio delle presidenziali
La contesa oppone il presidente uscente Andrzej Duda e il sindaco di Varsavia Rafal Trzaskowski
Confine
10 ore
Don Giusto nel mirino dei bulli di Rebbio: esposto alla Procura
La situazione all'oratorio della parrocchia di San Martino, centro di accoglienza per migranti minorenni e famiglie, è peggiorata durante il lockdown
Estero
10 ore
Coronavirus, registrati oltre 220mila contagi in un giorno
Il dato reso pubblico dall'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) è stato registrato venerdì scorso. Stati Uniti il Paese più colpito
Estero
1 gior
Colombia, 90 arresti per abusi sessuali su minori
Tra le persone arrestate ci sono membri della forza pubblica, genitori, guide spirituali e religiose, persone vicine alle vittime
Estero
1 gior
In Italia, stato di emergenza fino al 31 dicembre
Con i contagi ancora in salita e focolai in diverse zone del Paese, il premier italiano Conte ha confermato oggi che si andrà in questa direzione
Estero
2 gior
Amazzonia, deforestazione aumentata 25% nel primo semestre
L'Amazzonia brasiliana ha registrato 1.034,4 km quadrati di superficie in allerta di deforestazione a giugno, un record dal 2015
Estero
2 gior
Turchia, Santa Sofia potrà tornare moschea
La storica decisione apre ora la strada alla riconversione in moschea del monumento simbolo di Istanbul
Italia
2 gior
Italia, il Mose di Venezia si è chiuso
Esito positivo per il primo test delle paratoie che dovrebbero difendere la laguna dall'acqua alta: tutte 78 si sono alzate
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile