laRegione
La causa: il riscaldamento del clima terrestre
Estero
07.03.18 - 13:490

Nell'Artico è stato l'inverno più caldo mai registrato

Temperature sopra la media e ghiaccio marino ai minimi storici; dati diffusi da Russia e Usa

Questo inverno è stato, per l’Artico, il più caldo mai registrato. Lo evidenziano i dati diffusi separatamente da ricercatori americani e russi, che segnalano anche un record negativo per l’estensione del ghiaccio marino, mai così bassa. Stando alle misurazioni dello Snow and Ice Data Center statunitense (Nsidc), riferite dall’agenzia di stampa AP, a dicembre, gennaio e febbraio la temperatura nell’Artico si è attestata in media a 4,9 gradi in più del normale. Nel mese di febbraio il ghiaccio marino ha ricoperto una superficie di 13,9 milioni di chilometri quadrati, 160’000 in meno rispetto all’anno precedente. I dati sono in linea con quelli del Servizio federale russo dell’idrometeorologia (Rosgidromet), riportati in settimana dall’agenzia di stampa Tass, secondo cui l’inverno artico ha fatto registrare temperature tra i 4 e gli 8 gradi più elevate della norma. Per gli scienziati statunitensi, ciò che sta accadendo è senza precedenti e rientra nel circolo vizioso, causato dal cambiamento climatico, che ha avuto un ruolo nelle recenti tempeste in Europa e nel Nordest degli Usa. "È una cosa folle. Queste ondate di calore, non ho mai visto nulla di simile", ha detto il direttore del Nsidc, Mark Serreze. Sempre in base ai dati, a febbraio l’aria sopra i mari di Bering e dei Chukchi è stata in media di 11 gradi più calda del normale. A Barrow, in Alaska, il mese scorso il termometro ha riportato 10 gradi oltre la norma, e 7,8 gradi in più, in media, nei tre mesi invernali. Su una trentina di stazioni meteo artiche, 15 hanno segnato 5,6 gradi e oltre più del normale.

Tags
gradi
artico
dati
inverno
media
ghiaccio
ghiaccio marino
caldo mai registrato
caldo mai
febbraio
TOP NEWS Estero
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile