laRegione
Estero
07.01.18 - 21:150
Aggiornamento : 22:17

Il dialetto piace anche al Papa

Il Papa 'sdogana' il dialetto, lingua-madre che in tanti ancora apprendono in famiglia. Lo definisce "la lingua dell’amore", oltre che il solo strumento con cui i genitori possono "trasmettere la fede" ai figli. E un altro "linguaggio d’amore", per papa Francesco, è quello delle mamme che allattano, tanto che – contro ogni 'pruderie' perbenista – le ha invitate a farlo "senza paura" nella messa che stamane, nella festa del Battesimo di Gesù, ha celebrato in Sistina e in cui ha battezzato 34 neonati, 16 bimbi e 18 bimbe.

"Vorrei dirvi una cosa soltanto, che riguarda voi – ha detto ai genitori -: la trasmissione della fede si può fare soltanto in dialetto, nel dialetto della famiglia, nel dialetto di papà e mamma, di nonno e nonna". "Poi verranno i catechisti a sviluppare questa prima trasmissione, con idee, con spiegazioni. Ma non dimenticatevi questo – ha insistito nella sua omelia a braccio -: si fa in dialetto, e se manca il dialetto, se a casa non si parla fra i genitori quella lingua dell’amore, la trasmissione non è tanto facile, non si potrà fare. Non dimenticatevi. Il vostro compito è trasmettere la fede ma farlo col dialetto dell’amore della vostra casa, della famiglia".

A proposito dei bambini, papa Francesco ha osservato che "anche loro hanno il proprio dialetto, che ci fa bene sentire! Adesso tutti stanno zitti, ma è sufficiente che uno dia il tono e poi l’orchestra segue! Il dialetto dei bambini!". "E Gesù – ha detto – ci consiglia di essere come loro, di parlare come loro. Noi non dobbiamo dimenticare questa lingua dei bambini, che parlano come possono, ma è la lingua che piace tanto a Gesù. E nelle vostre preghiere siate semplici come loro, dite a Gesù quello che viene nel vostro cuore come lo dicono loro. Oggi lo diranno col pianto, sì, come fanno i bambini. Il dialetto dei genitori che è l’amore per trasmettere la fede, e il dialetto dei bambini che va accolto dai genitori per crescere nella fede".

Subito dopo, mentre sotto le volte michelangiolesche della Sistina si levavano i vagiti dei piccoli battezzandi, tra cui due coppie di gemelline, il suo benevolo via libera alle mamme per le opportune ’poppate’: "Continueremo adesso la cerimonia; e se loro incominciano a fare il concerto è perché non sono comodi, o hanno troppo caldo, o non si sentono a loro agio, o hanno fame... Se hanno fame, allattateli, senza paura, date loro da mangiare, perché anche questo è un linguaggio di amore".

All’Angelus in Piazza San Pietro, invece, Bergoglio ha affidato ai fedeli un "compito a casa", poiché "la festa del battesimo di Gesù invita ogni cristiano a fare memoria del proprio battesimo". "Voi sapete la data del vostro battesimo? Conoscete in quale giorno siete stati battezzati? – ha domandato – Ognuno ci pensi". E se "non conoscete la data o l’avete dimenticata, tornando a casa, chiedete alla mamma, alla nonna, allo zio, alla zia, al nonno, al padrino, alla madrina: quale data? E quella data dobbiamo sempre averla nella memoria, perché è una data di festa, è la data della nostra santificazione iniziale, è la data nel quale il Padre ci ha dato lo Spirito Santo che ci spinge a camminare, è la data del grande perdono. Non dimenticatevi: quale è la mia data di battesimo?".

Potrebbe interessarti anche
Tags
data
dialetto
papa
battesimo
gesù
amore
bambini
genitori
fede
casa
TOP NEWS Estero
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile