laRegione
Benedetto Galli
Estero
30.10.17 - 16:420
Aggiornamento : 11.12.17 - 18:21

Mobilità sostenibile, Hong Kong batte Zurigo e Parigi

Hong Kong prima città al mondo nel trasporto sostenibile, seguita da Zurigo e Parigi. Ginevra si piazza al 31esimo posto. È quanto emerge dal Sustainable Cities Mobility Index 2017 di Arcadis, attiva nella progettazione e nella consulenza per le risorse ambientali e gli asset immobiliari, che stila una classifica di 100 città di tutto il mondo, 32 delle quali europee.

L’Index è stato compilato per Arcadis dal Centre for Economics and Business Research (Cebr) ed esplora la mobilità attraverso la valutazione di tre sotto-indici della sostenibilità, sociale (People), ambientale (Planet) ed economico (Profit), ciascuno dei quali costruito su diversi indicatori.

Spinta da una metropolitana innovativa e ben collegata e dalla elevata quota di viaggi effettuati con i mezzi pubblici, Hong Kong raggiunge molti degli obiettivi di un efficace sistema di trasporto urbano, consentendo una mobilità globale, creando opportunità economiche e arricchendo la vita di cittadini, imprese e turisti. Zurigo, Parigi e Praga sono le città europee con la miglior posizione nella classifica mondiale, rispettivamente seconda, terza e quinta, con punteggi elevati nei sotto-indici Planet e Profit, grazie a infrastrutture consolidate, metropolitane efficienti e impegno nella green technology.

Anche le città asiatiche si posizionano in alto, occupando tre dei primi dieci posti. Realtà sviluppate quali Seul e Singapore vengono premiate da moderni sistemi di metropolitana, grandi aeroporti e basso utilizzo di veicoli privati. Altre città asiatiche sono state penalizzate dai livelli di inquinamento urbano e di emissioni. Le città del Nord America sono distribuite nell’intera classifica: se alcune città americane godono di sistemi di trasporto ben finanziati e completi, molte altre realtà di Stati Uniti e Canada sono minate dalla dipendenza dai veicoli privati e da opzioni di trasporto pubblico sottosviluppate.

Le prime 10 posizioni: 1. Hong Kong – 2. Zurigo – 3. Parigi – 4. Seoul – 5. Praga – 6. Vienna – 7. Londra – 8. Singapore – 9. Stoccolma – 10. Francoforte.

Le ultime 10 posizioni: 91. Abu Dhabi – 92. Bangkok – 93. Doha – 94. Cairo – 95. Kuala Lumpur – 96. Hanoi – 97. Kuwait City – 98. Riyadh – 99. Amman – 100. Jeddah.

TOP NEWS Estero
Brasile
43 min
Il presidente brasiliano Bolsonaro ha il Covid-19
Il tampone ha dato esito positivo. Bolsonaro aveva accusato sintomi compatibili con l'infezione da coronavirus
Estero
4 ore
Più chilometri e auto più 'potenti', la CO2 non cala in Svizzera
Il contributo dei biocarburanti e dei veicoli elettrici e bilanciato da una maggiore mobilità con veicoli a maggiore emissione
Estero
9 ore
Alleggerivano i conti correnti di ignari cittadini
Vasta operazione volta a sgominare una delle più importanti organizzazioni criminali internazionali dedite agli attacchi informatici.
Estero
10 ore
Il presidente brasiliano Bolsonaro con sintomi "dell'influenzina"
Il capo di Stato brasiliano ha febbre e un'alta saturazione del sangue. Atteso in giornata l'esito del test.
Estero
20 ore
Usa, la polizia 'colpisce' ancora
Ucciso con almeno otto colpi a bruciapelo un uomo ispanico che si trovava nella sua auto, a Phoenix, Arizona. Nuove polemiche e proteste dopo il caso Floyd.
Confine
20 ore
'Ndrangheta, ergastolo per mandante e killer
Condannati la mente e l'esecutore dell'omicidio nel 2008 nel Comasco di un 35enne autotrasportatore, giustiziato mentre giocava a carte in un bar
Estero
20 ore
La Cina alla Gran Bretagna: su Hong Kong non interferite
Pechino lancia un avvertimento a Londra. Il ministro degli esteri inglese respinge le accuse.
Estero
21 ore
Niente bus senza mascherine, picchiano l'autista
Aggressione ieri sera a Bayonne (Francia). L’uomo è in stato di morte cerebrale. Fermata una persona.
Hong Kong
22 ore
Hong Kong, la censura cinese si abbatte sui libri scolastici
I volumi che non rispettano la nuova legge sulla sicurezza nazionale imposta da Pechiono dovranno essere ritirati
Stati Uniti
22 ore
Negli Usa i grandi elettori 'devono rispettare il popolo'
Nelle elezioni presidenziali, non tutti i delegati hanno rispettato le scelte della popolazione del proprio Stato. Per i giudici il rischio è il 'caos'
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile