laRegione
16.11.22 - 15:54
Aggiornamento: 16:15

Sos infermieri in Lombardia: sempre di più varcano il confine

Ticino molto più allettante per via dei compensi. Identico discorso per i medici. In Italia cresce a vista d’occhio la carenza di personale sanitario

di Marco Marelli
sos-infermieri-in-lombardia-sempre-di-piu-varcano-il-confine
Ti-Press

Quaranta infermieri, nella quasi totalità ragazze, del corso di laurea della sede di Como dell’Università dell’Insubria, in questi giorni hanno terminato il tirocinio formativo. Una buona notizia per le strutture sanitarie comasche che necessitano di infermieri come l’aria che respirano, ma probabilmente anche per quelle del Canton Ticino, considerato che sempre più infermieri, con il "pezzo di carta" in tasca che sta a dimostrare una formazione utile per svolgere al meglio una delicata professione, varcano il confine, per via dei compensi più allettanti rispetto a quelli corrisposti in Italia. Basti dire che in un solo anno, tra il 2021 e il 2022, le stime fornite dall’Ordine delle professioni infermieristiche parlano di 500 infermieri che formatisi alle sedi di Como e di Varese dell’Università dell’Insubria, e dopo un periodo di formazione presso gli ospedali delle due province pedemontane lombarde, sono diventati frontalieri in Canton Ticino.

Chiesti interventi immediati: sgravi fiscali e bonus

Il dato è stato fornito in questi giorni nel corso dell’ultima assemblea che si è tenuta a Varese dell’Ordine delle professioni infermieristiche e dell’Uneba, l’organizzazione del settore sanitario, che sono tornati a chiedere interventi immediati: sgravi fiscali e bonus. Benefici che difficilmente potranno rimuovere il gap fra gli stipendi percepiti al di qua e al di là della frontiera. Identico discorso anche per i medici. Succede anche ai laureati in Farmacia. E ciò in Lombardia fa crescere a vista d’occhio la carenza di personale sanitario: mancano infermieri, medici sulle ambulanze, negli ospedali, nella rete delle case di riposo e nei centri di cura.

Il sindacato: ‘Cari italiani cercate di non ammalarvi’

Una situazione insostenibile. La conferma una lettera-denuncia del sindacato dei medici Federazione Cimo-Fesmed di Milano, al quale è iscritta la quasi totalità del medici lombardi: "Cari italiani cercate di non ammalarvi perché presto non ci saranno più medici per curarvi". Una provocazione che è anche un grido di dolore quella che arriva dal sindacato dei medici lombardi. Che fare, quale consiglio? "Se potete permettervi un’assicurazione sanitaria iniziate a informarvi su come acquistarla. E se non potete permettervela cercate di mettere comunque da parte dei risparmi per quando dovrete fare delle analisi, una visita specialistica o una lastra".

Mancano medici soprattutto nei Pronto soccorso

Una lettera che, scritta all’indomani dell’approvazione della nota di aggiornamento del Def, denuncia che la spesa sanitaria sarà ulteriormente ridimensionata, scendendo a una percentuale di Pil inferiore ai livelli pre-Covid. "Dove sono i medici per far funzionare le case di cura e gli ospedali di comunità previsti?", chiede il presidente lombardo della Federazione Cimo-Fesmed Giuseppe Ricciardi.

"La carenza di medici è evidente soprattutto nei Pronto soccorso e nei piccoli ospedali. In Lombardia ne mancano 4mila. Il Pnrr destina molti fondi alla sanità, ma sono per comprare strumentazioni, non per assumere medici che comunque, a causa di una cattiva programmazione delle specializzazioni, non ci sono. Vero che le borse sono state aumentate, ma ci vogliono 7-8 anni per la formazione". E spesso una volta terminata la formazione i camici bianchi, non solo quelli residenti nella fascia di confine, vanno a lavorare in Svizzera, soprattutto in Canton Ticino. Molti anche i medici che si dimettono dagli ospedali, per lavorare come gettonisti, pagati molto più dei colleghi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
9 ore
Kamikaze in moschea in Pakistan, almeno 63 morti
Centinaia i feriti a Peshawar, i talebani rivendicano la strage
la guerra in ucraina
9 ore
Boris Johnson: Putin minacciò di uccidermi con un missile
Il Cremlino nega, ma Londra ricorda le tante ingerenze di Mosca sul suolo britannico
Estero
10 ore
Bolsonaro chiede un visto di 6 mesi per restare negli Usa
L’ex presidente brasiliano, ora in Florida, ha domandato alle autorità statunitensi un permesso turistico per rimanere nel Paese per altri sei mesi.
Italia
10 ore
Alfredo Cospito trasferito al carcere di Opera (da Sassari)
L‘anarchico rischiava la vita dopo lo sciopero della fame e gli oltre 40 kg persi. Il ministro: ’La tutela della salute di ogni detenuto è una priorità’
Estero
14 ore
Sciopero in Francia, disagi sui binari in Svizzera
Le braccia incrociate contro la riforma delle pensioni nell’Esagono fanno saltare diversi collegamenti Tgv con Ginevra, Losanna e Zurigo
Estero
15 ore
Hitler nominato cancelliere: 90 anni fa i nazisti al potere
Il 30 gennaio del 1933 il Führer riceveva l’incarico di formare il governo dal presidente tedesco Paul von Hindenburg
Estero
18 ore
Euro, ogni milione di banconote 13 sono false
Lieve aumento nel 2022 per i casi di contraffazione: 376’000 quelle tolte dalla circolazione. I tagli da 20 e 50 restano i più gettonati
Italia
19 ore
Settantadue città fuorilegge per smog. Fra queste c’è anche Como
Lo indica il rapporto ‘Mal d’aria di città 2023’ di Legambiente, che ha analizzato l’inquinamento atmosferico in 95 centri della Penisola
Giappone
21 ore
Toyota si conferma prima casa automobilistica mondiale
Per il costruttore nipponico si tratta del terzo riconoscimento consecutivo. Nel 2022 venduti a livello globale circa 10,48 milioni di veicoli
Irlanda
22 ore
Ryanair riprende quota: passeggeri e bilancio in crescita
La compagnia aerea ritrova le cifre nere: nel terzo trimestre dell’esercizio 2022/23 l’utile è di 211 milioni di euro
© Regiopress, All rights reserved