laRegione
21.08.22 - 16:00
Aggiornamento: 17:46

A Como il sindaco dichiara guerra all’alcol per le strade

A settembre nel regolamento di Polizia urbana sarà inserito il divieto di consumare alcolici al di fuori dei bar o se non acquistati presso di questi

a-como-il-sindaco-dichiara-guerra-all-alcol-per-le-strade
Depositphotos

A Como consumare bevande alcoliche sul suolo pubblico in tutta la città potrebbe essere presto vietato. È l’ipotesi avanzata dal sindaco Alessandro Rapinese, come riporta La Provincia di Como, dopo aver raccolto i pareri dei gestori e dei clienti dei locali. A settembre la norma dovrebbe essere inserita nel nuovo regolamento di Polizia urbana dopo un passaggio prima in Giunta e poi in Consiglio comunale.

Al centro delle attenzioni di Rapinese è, soprattutto, il consumo nelle vie del centro di alcolici comprati nei supermercati o portati da casa. Nelle intenzioni del sindaco, la norma non riguarderà il consumo di alcol nei locali pubblici che già somministrano bevande alcoliche né nelle loro vicinanze, a condizione che chi venga trovato con il bicchiere in mano sia in possesso dello scontrino che dimostri di averlo acquistato in un bar. Stop, dunque, a bottiglie e lattine. L’intenzione del sindaco Rapinese è dunque quella di risolvere il problema dei rifiuti e, soprattutto, della sicurezza in città, "che, in molti casi, è strettamente connesso al consumo di alcolici, molto spesso da parte di soggetti che non hanno alcun rispetto per la città e l’hanno scambiata per il luogo dove liberare i loro più bassi istinti", come dichiarato dallo stesso sindaco a La Provincia di Como. E nel caso ciò non bastasse, Rapinese dichiara di essere pronto a porre in essere "altre iniziative nei confronti di chi continuasse a somministrare alcol a chi è già alterato".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
IRAN
1 ora
Teheran manda al patibolo e spara ai genitali
Un ragazzo che ha partecipato alle proteste antigovernative è stato mandato al patibolo. Intanto gli agenti colpiscono le donne mirando alle parti intime
Italia
1 gior
Evade dai domiciliari per ‘badare alle galline’, assolto
Vista la tenuità del fatto, il giudice ha chiuso un occhio, non senza ammonire l’83enne: ‘Mi raccomando, non esca più’
Perù
1 gior
Castillo scioglie il Parlamento, ‘è in atto un golpe’
L’annuncio è stato formulato alcune ore prima dell’inizio di una seduta del Parlamento in cui si sarebbe discussa la destituzione del presidente
Germania
1 gior
Volevano colpire il Bundestag, arrestati 25 terroristi
Tra gli attentatori, appartenenti tutti a un gruppo di estrema destra, anche un principe e un’ex deputata di AfD. Arresti anche in Italia e Austria
italia
1 gior
Giorgia Meloni è la settima donna più potente al mondo
Questo secondo la classifica di ‘Forbes’. Accanto a lei anche Ursula von der Leyen, Christine Lagarde, Kamala Harris e - simbolicamente - Mahsa Amini
Francia
1 gior
Obsolescenza programmata, dalla Francia una denuncia per Apple
Il colosso americano degli smartphone accusato di limitare le possibilità di riparazione delle sue apparecchiature
Francia
1 gior
La Francia risparmia Co2 e chiude tre tratte a corto raggio
Via libera da Bruxelle per la soppressione di collegamenti aerei Orly-Bordeaux, Orly-Nantes e Orly-Lione
Spagna
1 gior
Scontro tra due treni in Catalogna, 155 feriti
L’incidente è avvenuto presso la stazione di Montcada i Reixac-Manresa. Dove uno dei due convogli era fermo
Iran
1 gior
Ucciso mentre festeggia la sconfitta, arrestato capo polizia
Il 27enne, per strada ad acclamare il kappaò contro gli Stati Uniti, era stato freddato con un colpo alla testa
Argentina
1 gior
‘Meglio andare in prigione che essere una marionetta’
‘Non mi ricandiderò’. Così l’ex presidente argentina Cristina Fernandez de Kirchner dopo la lettura della sentenza di condanna a sei anni di prigione
© Regiopress, All rights reserved