laRegione
02.02.22 - 17:34
Aggiornamento: 04.02.22 - 18:57

A Como giù furti e rapine, in aumento le truffe online

Nel bilancio 2021 della Questura emerge che tutti i reati sono in calo rispetto all’epoca pre-Covid

di Marco Marelli
a-como-giu-furti-e-rapine-in-aumento-le-truffe-online
archivio Ti-Press
I numeri del 2021

A Como lo scorso anno i furti in casa denunciati sono stati uno ogni tre giorni. Nel 2018 la media era di un furto al giorno. Un calo quindi accentuato. Confermato anche da un altro dato: nessun colpo nel 2021 in 64 comuni della provincia di Como. I comuni lariani sono 148. I numeri, fin qui elencati, sono stati forniti dalla Questura del capoluogo lariano: un’istantanea sulla criminalità nel comasco. Ecco quindi che, lo scorso anno, rispetto all’epoca pre-Covid, tutti i delitti sono calati, con l’eccezione delle truffe online che sono cresciute, e in modo esponenziale.

Rispetto al 2018, lo scorso anno i furti in genere sono calati del 42 per cento. Più accentuato il calo dei furti in casa che è stato del 52 per cento. E il furto in casa è fra i più odiosi, quello che maggiormente incide sulla percezione di sicurezza della gente. “Se non siamo tranquilli neppure tra le mura di casa...”, commento più che giustificato. Poco meno di 8’400 i furti denunciati nel 2018, scesi a 4’875 lo scorso anno (4’191 nel 2020). Le rapine denunciate nel 2021 sono state 159 (193 nel 2018). Sono quindi calate del 41,9 per cento. In calo anche le violenze sessuali (meno 28,4 per cento) essendo passate dalle 67 del 2018 alle 48 dello scorso anno, una in più rispetto al 2021. Quasi tutte le violenze sessuali denunciate sono state consumate fra le mura della propria casa.

Le frodi informatiche sono aumentate del 30 per cento. Milleseicento lo scorso anno, quasi quattrocento in più rispetto al 2018. Come si spiega il calo dei delitti nel comasco? La lettura del questore Giuseppe De Angelis: “I numeri che confermano un tendenza iniziata cinque anni fa sono rassicuranti, ma non debbono farci abbassare la guardia. Il calo è dovuto al fatto che sia noi, che i Carabinieri e la Guardia di finanza, nel proprio ambito, siamo sempre più presenti sul territorio. Importante anche la collaborazione dei cittadini”. Significativo anche l’apporto dei sistemi di videosorveglianza. Un deterrente per i malviventi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Italia
1 ora
Chat neonazista con foto di abusi e piani di stragi: tre arresti
Nel canale Telegram gestito da due genovesi si programmava un attentato al parlamento italiano. Fra le accuse anche quella di istigazione al suicidio
Italia
3 ore
Maxisequestro di marijuana in provincia di Brescia
Nel mirino della Guardia di Finanza un’azienda che coltivava canapa legalizzata. Ma con Thc superiore al limite: confiscate due tonnellate
Città del Vaticano
4 ore
Congo e Sud Sudan nei piani di viaggio del Papa
Rinviata già a luglio a causa di problemi al ginocchio, la visita in Africa del Pontefice sarà recuperata tra fine gennaio e inizio febbraio
Italia
6 ore
Frana di Casamicciola, individuati altri due corpi
All’appello mancano ancora due persone. E nel pomeriggio è prevista una nuova riunione del Centro Coordinamento Soccorsi
Confine
6 ore
Falsi test positivi per il green pass, 11 indagati a Varese
I tamponi venivano effettuati da due infermieri conniventi all’esterno di una farmacia estranea alla vicenda. Costo totale: 500 euro
Italia
9 ore
Fuga di monossido di carbonio in chiesa, in due all’ospedale
Intervento dei pompieri durante un evento di catechismo in San Bartolomeo in Pergo (Arezzo). Ricoverati per accertamenti il sacerdote e una donna
Cina
9 ore
La lotta alla pandemia entra in una nuova fase
Dopo aver dettato per tre anni regole e strategie sanitarie, la Cina è pronta a voltare pagina
iran
19 ore
Festeggia la sconfitta con gli Usa, ucciso 27enne
Tanti manifestanti in strada a esultare come forma di protesta contro il regime, la polizia risponde col fuoco
siria
20 ore
Ucciso il capo dell’Isis, già annunciato un nuovo Califfo
Abu al-Hassan ‘morto in combattimento’, mistero sul quarto leader
Confine
23 ore
Benzina, lo sconto in Italia cala ma il prezzo resta migliore
In provincia di Como non sono preoccupati: ‘Rimaniamo molto più competitivi che in Ticino, per un pieno da noi si risparmieranno una decina di euro’
© Regiopress, All rights reserved