laRegione
29.12.21 - 12:31
Aggiornamento: 15:22

Stop ai treni sulla Como-Lecco: protestano i pendolari

La decisione sembra gettare ombre anche sul progetto di elettrificare la linea fra i due capoluoghi

di Marco Marelli
stop-ai-treni-sulla-como-lecco-protestano-i-pendolari
Ti-Press

È una decisione, quella di sospendere in questa settimana il traffico ferroviario tra Como e Lecco, che, oltre a creare non pochi problemi a pendolari e viaggiatori, la cui unica alternativa è il mezzo privato, sembra nuocere anche al progetto di elettrificare la linea pedemontana che collega i due capoluoghi. Che necessità c’è di spendere una settantina di milioni di euro (la previsione di spesa contenuta in uno studio di Regione Lombardia) per una linea considerata superflua in alcuni periodi dell’anno, come l’ultima settimana di dicembre e il mese di agosto? La domanda sorge spontanea.

Proteste ovviamente da parte dei pendolari che non saranno tantissimi, ma che comunque meritano attenzione. Proteste rilanciate da Angelo Orsenigo, consigliere regionale democratico: “Che il servizio sulla linea ferroviaria Como-Lecco sino a domenica 2 gennaio subisca un ridimensionamento è inaccettabile. Magari i vertici di Trenord saranno anche in vacanza, ma i pendolari devono poter andare al lavoro. E chi ci pensa allora? Nessuno evidentemente: si lascia la gente per strada”. Dopo aver ricordato l’impegno del Pd, sia a livello regionale che nazionale per assicurare nell’ambito dei fondi del Pnrr necessari all’elettrificazione della Como-Lecco, alla quale con interesse guardano anche associazioni del Canton Ticino, Orsenigo afferma: “Regione Lombardia poteva investire nella linea, mettendo a disposizione più corse e più carrozze, come da tempo chiedono i pendolari. Ricordo alla Regione che lo sviluppo infrastrutturale del territorio che verrà con i fondi del Pnrr e in connessione con le Olimpiadi del 2026 rischia di essere vano se Palazzo Lombardia non fa la propria parte investendo sull’operatività e l’efficacia delle linee come la Como-Lecco che va valorizzata, non fatta funzionare a singhiozzo”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
il terremoto
6 ore
In Siria e Turchia oltre 7mila morti, si cerca sotto le macerie
A caccia di sopravvissuti, mentre montano le prime polemiche sui ritardi nei soccorsi
la guerra in ucraina
6 ore
Mosca ammassa nuove truppe. Berlino: ‘100 Leopard a Kiev’
Altre decine di migliaia di soldati russi inviati nel Donbass. Zelensky alle prese con il rebus nomine
stati uniti
8 ore
Biden bocciato dal 62% degli americani
Brutte notizie nei sondaggi a poche ore dal discorso sullo stato dell’Unione
Estero
17 ore
Sempre più vittime del terremoto in Turchia e Siria: oltre 5’000
È stato intanto estratto vivo dalle macerie il calciatore ghanese Christian Atsu. Oltre 8’000 persone sono state salvate finora
Estero
21 ore
Sale a 4’890 il bilancio dei morti del sisma fra Turchia e Siria
Da parte di Ankara le vittime del terremoto di magnitudo 7,9 di ieri sono al momento 3’381, da parte siriana sono 1’509
la guerra in ucraina
1 gior
Zelensky: ‘Nuova offensiva russa entro 10 giorni’
Il leader atteso giovedì a Bruxelles al vertice e al Parlamento
italia
1 gior
Il tiramisù non è vegano, muore ragazza allergica al latte
Quattro indagati a Milano. Prodotto ritirato dal ministero della Salute
diplomazie
1 gior
La Cina insiste: ‘Palloni civili’. Un video la smaschera
Immagini del 2018 su un social network mostrano un test militare con un aerostato identico. Pechino se la prende con gli Usa
Estero
1 gior
‘Pray for Syria and Turkey’. L’inizio di un incubo
Il terremoto visto dal Ticino e con gli occhi della bellinzonese Sara Demir, con parenti sia in Turchia sia in Siria
Estero
1 gior
Turchia, del castello di Gaziantep non restano che macerie
Il terremoto miete vittime anche fra i monumenti storici: completamente distrutta la fortezza patrimonio dell’Unesco
© Regiopress, All rights reserved