laRegione
27.07.21 - 09:17
Aggiornamento: 17:45

Lago Verbano, tornano a ‘sparire’ i motori delle imbarcazioni

A essere prese di mira soprattutto quelle dei turisti. I furti avvengono nottetempo, fra cui uno a Brissago lo scorso fine settimana

di Marco Marelli
lago-verbano-tornano-a-sparire-i-motori-delle-imbarcazioni
Fanno gola i motori delle imbarcazioni (foto archivio Ti-Press)

Puntuale come un orologio svizzero ecco riproporsi anche quest'anno la piaga dei furti di motori dalle imbarcazioni dei turisti, spesso stranieri, fatti sparire nottetempo. Un fenomeno che sul lago Maggiore non conosce confine, come è accaduto nella notte tra sabato e domenica scorsi a Brissago, in Canton Ticino, dove è stato rubato un gommone lungo nove metri, dotato di due motori Mercury Verado 300 Hpl, del valore di 35mila euro l'uno. I razziatori di motori hanno portato l'imbarcazione in Italia, per poi abbandonarla alla deriva (senza i due motori) a Caldè, nel comune rivierasco di Castelveccana.

Un episodio analogo si era verificato qualche notte prima a Cannobio, sulla sponda piemontese del Verbano. Qui i ladri hanno preso di mira una imbarcazione, lunga quasi sei metri, per impossessarsi di un motore fuoribordo di 40 cavalli del valore di seimila euro. L'imbarcazione alla deriva, e ovviamente senza motore, è stata trovata non lontano del lungolago di Maccagno con Pino e Veddasca. Il proprietario dell'imbarcazione, un turista svizzero residente a Zurigo in vacanza a Cannobio, non si era ancora accorto del furto.

Il fatto che anche questa imbarcazione spogliata del motore sia stata trovata a Maccagno, poco distante da Castelveccana, induce i carabinieri di Luino a ipotizzare che sulla sponda lombarda del Verbano possa esserci la base operativa dei razziatori della notte.

Per prevenire la razzia di motori, i titolari dei cantieri nautici del Verbano stanno studiano azioni condivise nella speranza di limitari i danni causati dai continui furti che prendono di mira soprattutto le imbarcazione ormeggiate al largo, alle boe galleggianti. Un tipo di attracco preferito dai ladri in quanto possono operare lontano dagli occhi delle eventuali videocamere posizionate nelle aree portuali. A loro volta i carabinieri di Luino hanno da tempo attivato dei controlli con motovedetta ma anche nella fascia litoranea. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Giappone
2 ore
Toyota si conferma prima casa automobilistica mondiale
Per il costruttore nipponico si tratta del terzo riconoscimento consecutivo. Nel 2022 venduti a livello globale circa 10,48 milioni di veicoli
Irlanda
3 ore
Ryanair riprende quota: passeggeri e bilancio in crescita
La compagnia aerea ritrova le cifre nere: nel terzo trimestre dell’esercizio 2022/23 l’utile è di 211 milioni di euro
Corea del Nord
5 ore
Revocato il lockdown nell’area di Pyongyang
Coronavirus, dopo la stretta di cinque giorni decisa una settimana prima, la Corea del Nord fa retromarcia
medio oriente
15 ore
Droni colpiscono sito militare in Iran
Lì si producono armi che vanno in Russia. Secondo il Wall Street Journal sono stati gli israeliani con il benestare degli Usa
la guerra in ucraina
17 ore
Putin ha deciso: addestramento militare nelle scuole russe
Come accadeva in Unione Sovietica si insegnerà l’uso di mitragliatrici e bombe a mano
Liechtenstein
19 ore
‘Faites vos jeux’... Anche nel Principato
Respinto in votazione popolare il divieto di casinò. Quasi tre cittadini su quattro (e tutti gli undici Comuni) si sono espressi negativamente
Italia
22 ore
Psicofarmaci per sballo, è boom in Italia
Gli psichiatri suonano il campanello d’allarme: ‘Dipendenza in crescita, necessario contrastarne l’abuso’
Regno Unito
1 gior
Grave violazione del codice ministeriale: Zahawi licenziato
Via lettera, il primo ministro britannico Rishi Sunak silura il ministro senza portafoglio
Estero
1 gior
Forte scossa di terremoto nella notte in Iran
Il sisma di magnitudo 5,7 è stato localizzato nel Nord del Paese. Il bilancio parziale è di tre vittime e diverse centinaia di feriti
Stati Uniti
1 gior
Incidente di caccia in Kansas, ma a sparare... è il cane
Calpesta l’arma nel retro del pick-up: parte un colpo che colpisce il cacciatore seduto davanti, uccidendolo
© Regiopress, All rights reserved