laRegione
11.04.21 - 10:36
Aggiornamento: 15:24

Como: crollano i reati, ma non i furti nei supermercati

Il questore illustra i dati del 2020, anno in cui sono aumentate le truffe informatiche e le estorsioni

di Marco Marelli
como-crollano-i-reati-ma-non-i-furti-nei-supermercati
Più che dimezzati i furti nelle abitazioni (archivio Ti-Press)

In provincia di Como sono crollati i reati. C'è tuttavia un fenomeno su cui soffermarsi: i furti negli esercizi commerciali, che a causa del Covid sono aumentati. Chi ha rubato lo ha fatto per fame. Sono stati denunciati solo il dieci per cento dei furti compiuti nei supermercati. Questo perché si è fatta strada la comprensione per chi ruba per fame. Il crollo dei reati nel comasco è solo in parte dovuto al coronavirus e alle misure di contenimento. Molto lo si deve al lavoro delle forze dell'ordine, come ha sottolineato il questore di Como Giuseppe De Angelis, nel commentare, in occasione del 169° anniversario di fondazione della Polizia di Stato, il bilancio dei reati registrati nell'ultimo anno.

I dati parlano di una diminuzione netta di 2'268 casi, che conferma il trend già avviato dal 2019. In due anni i reati sono passati dai 14'951 (aprile 2019–aprile 2020) ai 12'683 degli ultimi dodici mesi. Il dato che maggiormente colpisce, è il calo dei furti in abitazione, le cui denunce sono passate da 2003 a 871: un numero più che dimezzato, per uno dei reati che da sempre provoca maggiore allarme sociale. Complessivamente i furti sono scesi da 6'450 a 3'798.  Le rapine sono passate da 142 a 108, le ricettazioni da 73 a 56, i danneggiamenti da 2190 a 1922 e le violenze sessuali da 54 a 46. Un migliaio i furti in esercizi commerciali denunciati: numero raddoppiato rispetto quello precedente.

In crescita anche le truffe informatiche, specchio di una maggiore frequentazione di siti internet e social forum, ma anche dell’aumento degli acquisti online. Sono cresciute anche le estorsioni, passate da 46 a 54. Sono calati i reati, ma paradossalmente sono aumentati arrestati e denunciati, così come il sequestro di armi. Ciò è dovuto al fatto che nel periodo in esame è cresciuto il numero delle persone controllate: 72'505, con un incremento del 32 per cento.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Messico
6 ore
‘I morti continuano ad arrivare e le persone a scomparire’
In Messico traboccano gli obitori. È la conseguenza dell’ondata di violenza legata al traffico di droga. E dei tempi lunghi per l’identificazione
Italia
8 ore
Dopo caro-benzina e caro-elettricità, ecco il caro-panettone
Natale (e Capodanno) più caro per gli italiani (e non solo loro). Che complessivamente dovrebbero spendere 340 milioni di euro in più rispetto al 2021
India
8 ore
Coccodrilli con le valigie in mano pronti a traslocare
Complice la sovrappopolazione, che sta causando continui conflitti tra i rettili, migliaia di loro saranno trasferito da Chennai al Gujarat
Estero
10 ore
Schianto di primo mattino a Forcola. Muore un diciottenne
A bordo della vettura c’erano altri due giovani, entrambi rimasti gravemente feriti. I tre stavano andando a scuola a Sondrio.
Italia
10 ore
Rapina una farmacia. Ma dimentica la ricetta della moglie
Maldestro furto per un 57enne nel Milanese. Sul bancone ha infatti lasciato il foglietto con cui i carabinieri sono risaliti alla sua identità
Brasile
10 ore
Pelé non risponde alla chemio: trasferito in un altro reparto
Dopo il ricovero di martedì, ‘O Rei’ spostato nel reparto delle cure palliative dell’ospedale ‘Albert Einstein’ di San Paolo
Italia
10 ore
Eredità... stupefacente a Sesto Fiorentino
Nell’appartamento del fratello deceduto spuntano un laboratorio per la droga e 2,4 chili di marijuana
Russia
13 ore
Mosca se ne fa un baffo del ‘price cap’ sul petrolio
Per l’ambasciata russa negli Stati Uniti, malgrado il tetto al prezzo dell’oro nero russo, il greggio continuerà a essere richiesto
Indonesia
14 ore
La terra trema sull’Isola di Giava, in Indonesia
L’epicentro del terremoto, di magnitudo 5,7, è stato localizzato a 18 chilometri a sud-est della città di Banjar
Francia
15 ore
Sarkozy da lunedì nuovamente al banco degli imputati
È fissata per dopodomani a Parigi l’udienza in appello per l’ex presidente della Francia, accusato di corruzione
© Regiopress, All rights reserved