laRegione
28.02.21 - 16:37

La Valle Vigezzo tutta in zona rossa

Raddoppiati gli indici di contagio Covid. In lockdown anche i comuni appena oltre il confine svizzero

di Marco Marelli
la-valle-vigezzo-tutta-in-zona-rossa
Il santuario di Re

Gli indici di contagio nei sette comuni della Valle Vigezzo, che dalle 18 di sabato sono in zona rossa, rapportati agli abitanti (complessivamente sono poco più di seimila), in una settimana sono raddoppiati. Complessivamente i contagiati sono un centinaio. I comuni in lockdown sono Craveggia, Druogno, Malesco, Santa Maria Maggiore, Toceno e Villette, che si sono aggiunti a Re, paese vigezzino più vicino al confine con il Canton Ticino, in cui il provvedimento è stato applicato una settimana fa. E Re è anche il comune in cui è più alto il numero dei contagiati che continuano a essere 45, mentre a Malesco sono 19, Santa Maria Maggiore 9, Craveggia 7, Druogno 4, Toceno 2 e Villette uno. Una mezza dozzina i ricoverati. L'ordinanza firmata dal presidente di Regione Piemonte Alberto Cirio conferma che nei sette comuni dell'Unione Montana Valle Vigezzo ci si può allontanare dalla propria abitazione solo per motivi di salute, lavoro e reale necessità. Occorre essere in possesso di autocertificazione. Nessun problema per i frontalieri che comunque debbono avere con se il permesso di lavoro. Sono chiuse le scuole di ogni ordine e grado. Chiusi anche negozi, bar e ristoranti. Aperti solo gli alimentari. Sono previsti i controlli, ma in modo molto discreto come è accaduto nei giorni scorsi a Re, dove tutti hanno rispettato le prescrizioni previste. I sindaci dei comuni vigezzini hanno chiesto a Regione Piemonte che alla valle venga garantita priorità nella somministrazione dei vaccini e si facciano tamponi a tappeto. La zona rossa dei comuni della Valle Vigezzo non ha colto di sorpreso i sindaci. ”Ce l'aspettavamo: era nell'aria. Credo sia l'unica soluzione per metterci in sicurezza e uscire al più presto da questa situazione” commenta Paolo Giovanola, sindaco di Craveggia. Gli fa eco Enrico Barbazza, primo cittadino di Malesco: ”Già una settimana fa ero dell'avviso che in zona rossa dovesse rientrare tutta la valle. Siamo una zona omogenea, con paesi vicino l'uno all'altro, con continui scambi, e poi tanti di noi vanno in Ticino a lavorare e la variante più contagiosa dicono che venga da lì”.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
italia
1 ora
I politici italiani? ‘Non hanno un amico’
Il comico Luca Bizzarri stila un breve bilancio sulle bizzarrie comunicative della campagna elettorale appena conclusa
Estero
4 ore
Spari in una scuola in Russia: 11 bimbi morti, suicida il killer
Uccisi anche due insegnanti e due guardie di sicurezza. La sparatoria a Izhevskn nella Russia centrale
Estero
6 ore
Per i media stranieri in Italia ‘al governo l’estrema destra’
Ampio spazio per le elezioni italiane e per Giorgia Meloni, di cui più di una testata sottolinea il ruolo di erede della tradizione politica neofascista
Estero
8 ore
Giorgia Meloni si prende l’Italia con numeri saldi per governare
Ampia maggioranza alle due Camere per la coalizione di centrodestra a guida Fratelli d’Italia, primo partito in tutto il Paese ad eccezione del Sud
Estero
12 ore
In Italia vince nettamente la destra
Elezioni politiche: 40% alla coalizione di Meloni secondo le proiezioni, centrosinistra fermo al 25%. Malissimo la Lega
Estero
17 ore
Meno italiani alle urne, più astensionismo al Sud
Chiusi i seggi alle 23. Inizia lo spoglio del Senato, toccherà poi alla Camera. Per i sondaggi il centrodestra è nettamente in testa.
Stati Uniti
22 ore
‘Se Mosca userà l’atomica risponderemo in modo deciso’
A dirlo oggi il consigliere del presidente americano
Serbia
23 ore
‘Non accetteremo l’esito dei referendum in Donbass’
Dopo la Turchia, anche il Paese balcanico prende le distanze dalle strategie di Mosca
Confine
1 gior
Como, la vista del lago scompare da piazza Cavour
Continuano i lavori per le paratie anti-esondazione. Le baracche da cantiere resteranno a ridosso della biglietteria fino alla prossima primavera.
Conflitto Russia/Ucraina
1 gior
Chiamati alla leva quasi tutti i tartari di Crimea
In soli tre giorni sono state 1’500 le convocazioni alla mobilitazione distribuite alla comunità tartara
© Regiopress, All rights reserved