laRegione
25.02.21 - 16:31
Aggiornamento: 18:44

L'attività è a Lainate, la sede fiscale a Mendrisio

Scoperta una società esterovestita nel settore dell'abbigliamento che non ha dichiarato ricavi per 12 milioni di euro

di Marco Marelli
l-attivita-e-a-lainate-la-sede-fiscale-a-mendrisio
Le indagini sono state effettuate dalla Guardia di finanza di Gaggiolo e dal Nucleo di polizia giudiziaria (Finanza Varese)

Una residenza fiscale a Mendrisio per pagare meno tasse. È l'accusa che la Procura di Milano muove a due uomini, uno residente a Viggiù, con precedenti per contrabbando e altri reati fiscali, l'altro a Mendrisio, rispettivamente amministratore delegato e rappresentante legale di una società per il commercio all'ingrosso di abbigliamento sportivo prodotto da una azienda cinese di Lainate (Milano).

Le indagini della Guardia di finanza di Gaggiolo e del Nucleo di polizia giudiziaria hanno consentito di accertare che la residenza fiscale della società di abbigliamento era stata formalmente localizzata a Mendrisio al fine di beneficiare di indebiti vantaggi discendenti da regimi di tassazione più vantaggiosi rispetto a quelli nazionali, sebbene di fatto fosse amministrata a Lainate. L'accusa si basa sul fatto che i finanziari di Gaggiolo, anche a seguito di controlli nei locali aziendali di un’altra società riconducibile all'uomo di Viggiù, hanno accertato che la commercializzazione era a Lainate e non a Mendrisio; infatti sia i recapiti telefonici che il sito internet rimandavano i clienti in Italia, a dimostrazione dell’inesistenza in Ticino degli uffici e stabilimenti. È stato inoltre accertato che la merce, consegnata ai clienti italiani, partiva dai magazzini di Lainate e non dalla Svizzera, come falsamente riportato sulle fatture emesse, tra l’altro, in esenzione di Iva.

Le Fiamme Gialle hanno così rilevato che la società esterovestita aveva omesso di dichiarare ricavi per oltre 11,7 milioni di euro, sottraendo a tassazione Ires una base imponibile di 3 milioni di euro, evadendo altresì Iva per 1,8 milioni di euro. Il viggiutese e il rappresentante legale della società esterovestita (un ‘fiduciario’ di origini italiane, residente a Mendrisio, legale rappresentante di altre 60 società) sono stati denunciati per il reato di omessa dichiarazione fiscale. Il tribunale di Milano ha disposto il sequestro di beni riconducibili alla stessa e ai due indagati per 2,5 milioni di euro.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
5 ore
La protesta cinese è un foglio bianco
Migliaia di persone in piazza in diverse città per protestare contro le misure anti-Covid, tra esasperazione e censura. Resta da capire se c’è dell’altro
Estero
5 ore
Guerra: il Papa rilancia il negoziato, ma condanna la Russia
Critiche da Mosca: ‘Questa non è più russofobia, ma una perversione della verità’
ITALIA
6 ore
A Ischia si scava nel fango, ora è allarme maltempo
I soccorritori sono alla ricerca di quattro persone, disperse dopo la frana di sabato
Estero
12 ore
Riesumato il corpo di Saman, integro e con gli stessi abiti
Esame autoptico della 18enne pachistana che si ritiene sia stata uccisa a Novellara dai familiari per contrastare una relazione amorosa
Cina
14 ore
In Cina la polizia picchia e arresta un reporter della Bbc
Ed Lawrence è stato preso a calci e trattenuto per diverse ore per poi essere rilasciato. Il portavoce di Pechino: ‘Non si è qualificato come giornalista’
Estero
16 ore
C’è un’ottava vittima nella frana ad Ischia
Individuato il corpo di un uomo nella zona di Casamicciola Terme devastata dall’alluvione di sabato mattina
italia
1 gior
Sette morti a Ischia, tra loro un bimbo di 22 giorni
Ancora cinque dispersi dopo la colata di fango che ha travolto Casamicciola. Tra le vittime anche due bambini di 6 e 11 anni
Estero
1 gior
Proteste anti-Covid in Cina: ‘Via Xi e il Pcc’
Rabbia e cortei in diverse città contro la politica della ‘tolleranza zero’, il potere trema. Intanto la tv di Stato filtra i Mondiali di calcio
la guerra in ucraina
1 gior
‘I russi stanno per lasciare la centrale di Zaporizhzhia’
Kiev sicura della ritirata dei soldati di Putin. Intanto due terzi dei Paesi della Nato sarebbero a corto di armi da inviare all’Ucraina
Confine
1 gior
Fiscalità dei frontalieri, l’accelerazione fa sperare per luglio
Il governo italiano ha approvato il disegno di Legge che porta alla ratifica, ora tocca al parlamento. Mattarella domani in visita nella Confederazione
© Regiopress, All rights reserved