laRegione
09.02.21 - 16:54

Luinese, nuovo appello per mettere in sicurezza Alptransit

Dopo la frana di Maccagno, si susseguono le richieste di misure efficaci per scongiurare disastri sulla linea ferroviaria della riviera

luinese-nuovo-appello-per-mettere-in-sicurezza-alptransit
Materiale e rocce sulla strada lo scorso 31 gennaio

Il tratto di Alptransit che da Dirinella (Gambarogno) percorre la sponda sinistra del Lago Maggiore sul versante italiano è sempre e ancora nel mirino. Dopo l'appello lanciato dall’attivista luinese del Movimento 5 stelle Gianfranco Cipriano, interviene Cristina Codenotti, presidentessa del comitato “Bocciamo Alptransit”.
Il gruppo manifesta nuovamente tutte le sue preoccupazioni per il trasporto di merci sui binari in un'area dove la montagna è fragile. L'ultima frana, in ordine di tempo, è stata quella del 31 gennaio, a Maccagno. Il costo dell’intervento di sistemazione dopo lo scoscendimento si aggira sui 300mila euro. Un primo pronto intervento sarà di almeno di 150mila euro.

“Da sempre siamo convinti che i nostri dubbi sono leciti, ma dopo la caduta del crostone a Maccagno crediamo sia ora che le autorità intervengano per verificare se effettivamente ci siano le condizioni, a questo punto geologiche, per cui un progetto come quello di Alptransit possa definirsi ‘in sicurezza’ o se, come l’ultimo episodio dimostra, probabilmente il nostro territorio non è idoneo”, indica Codenotti, come riportato pure da “luinonotizie.it”.
E ancora: “Non vogliamo essere catastrofici, ma se avvenisse un incidente, nella migliore delle ipotesi solo inquinante, ma che potrebbe anche rivelarsi mortale per qualcuno, dire che non ci siano state le avvisaglie sarebbe quantomeno fuori luogo… Negli ultimi anni abbiamo assistito più volte a cadute e a cedimenti dei terreni circostanti la ferrovia, e per fortuna fino a oggi ciò non è avvenuto in concomitanza del passaggio di treni. Ma se accadesse cosa diranno? Che non potevano prevederlo? Sarebbe credibile? Riteniamo sia utile, anche per i fautori di questo progetto, che, da parte delle istituzioni tutte, a partire da quelle locali per arrivare a provincia e regione Lombardia, si faccia uno studio serio e mirato sul nostro territorio che vada a verificare la fattibilità di un progetto così ambizioso quale è quello di Alptransit in un territorio che si sta dimostrando fragile, anche a causa delle mutate condizioni climatiche/atmosferiche, che però non possono non essere tenute in considerazione, visto i rischi che tutti questi ultimi incidenti evidenziano”. Insomma, la richiesta della messa in sicurezza della linea ferroviaria, per evitare un disastro, si sta allargando e le autorità locali, per prime, sono ora chiamate a prendere le misure necessarie per tutelare sia la popolazione sia l'ambiente. Infine: “Ci auguriamo che questo ennesimo nostro invito nei confronti delle istituzioni locali venga accolto favorevolmente e che qualcuno che può e che deve, finalmente, ponga la giusta attenzione ai rischi che questo progetto implica per tutta la nostra Costa Fiorita”.

Leggi anche:

Luinese: ‘La montagna si sbriciola, bloccate AlpTransit’

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
coronavirus
5 ore
L’Oms: ‘Il 90% della popolazione mondiale è immune’
‘Vicini alla fine, ma serve ancora cautela’. Ancora test, sequenziamento e vaccini per evitare nuove varianti
russia
7 ore
Putin: negoziati (forse) sì, ritiro no
La Casa Bianca: ‘Spetta a Kiev decidere’. Telefonata Berlino-Mosca
grecia
7 ore
Attacco ad Atene alla diplomatica Susanna Schlein
La ticinese, sorella della politica del Pd Elly, si è salvata per puro caso da un attentato: in fiamme la sua auto
Confine
9 ore
Truffa anziani in Valtellina, arrestata una 70enne ticinese
Il fermo alla dogana di Chiasso Brogeda. La donna è sospettata di aver messo a segno numerosi colpi in diverse province del Nord Italia
Confine
13 ore
Il traffico di orologi è la nuova frontiera del contrabbando
Aumentano in frontiera i sequestri di merce con le griffe delle celebrate marche svizzere. L’ultimo qualche giorno fa al valico di Ronago
la guerra in ucraina
1 gior
Biden pronto a parlare con Putin
Conferenza di pace a Parigi il 13 dicembre, l’annuncio durante la visita di Macron a Washington
coronavirus
1 gior
La Cina allenta la morsa, ‘sì all’isolamento a casa’
Aperture di Pechino dopo le proteste, mentre si prepara l’addio a Jiang Zemin
Estero
1 gior
Giallo su sei pacchi bomba in Spagna
Oltre all’ordigno esploso all’ambasciata ucraina a Madrid, ne sono stati notificati altri, pure all’indirizzo del premier Pedro Sánchez. Indagini in corso
la guerra in ucraina
1 gior
“La Nato non entrerà nel conflitto”
Mosca accusa l’Alleanza: ‘Ci fanno la guerra’. Stoltenberg risponde seccamente. Macron spinge per un negoziato: ‘Lo ritengo possibile’
Estero
1 gior
Svezia, vendesi casa... con il proprietario morto sotto il letto
Nessuno in due anni si era accorto del decesso dell’80enne ex padrone di casa, probabilmente a causa del cattivo odore e del disordine degli ambienti
© Regiopress, All rights reserved