laRegione
25.01.21 - 18:54
Aggiornamento: 20:20

Tamponi ogni 3 giorni per i frontalieri? 'Una tortura inutile'

Il direttore sanitario dell'Azienda tutela salute (Ats) Insubria esprime perplessità sulla proposta in discussione sul tavolo del Consiglio Federale

di Marco Marelli
tamponi-ogni-3-giorni-per-i-frontalieri-una-tortura-inutile
(Ti-Press)

Se ne parla anche in Italia del rischio che i frontalieri debbano sottoporsi a tampone ogni tre giorni per poter andare al lavoro. La richiesta è stata avanzata dai partiti di Governo che hanno chiesto al Consiglio Federale che le aziende che occupano frontalieri siano "obbligate a far testare i loro dipendenti ogni tre giorni". La Lega dei Ticinesi ha chiesto che i frontalieri siano sottoposti a tampone ogni due giorni. ''Tamponare ogni 48 ore i frontalieri mi sembra un po’ una tortura – l’opinione di Giuseppe Catanoso, direttore sanitario dell'Azienda per la Tutela della Salute (Ats) Insubria - Mi lascia perplesso e dal punto di vista medico è abbastanza inutile, sarebbe meglio farlo ogni 5 o 6 giorni".  Sul tema è intervenuto il senatore varesino del Partito Democratico Alessandro Alfieri, segretario della Commissione Esteri del Senato italiano ''Invito le autorità elvetiche alla massima prudenza, obbligare i nostri lavoratori frontalieri a sottoporsi ogni tre giorni ad un tampone sarebbe senza dubbio una misura vessatoria e, come ha già fatto notare l'Ats Insubria, nemmeno risolutiva nella lotta al contagio. Ho già chiesto al ministero degli Esteri un'iniziativa formale verso la diplomazia elvetica per evitare l'introduzione di simili misure. Come ho sempre sostenuto la battaglia contro il coronavirus la si vince insieme, con iniziative coordinate, proporzionate e bilaterali".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Russia
21 min
Elude i domiciliari la giornalista russa ‘no war’
Prima la multa per il cartello mostrato durante un telegiornale, poi la condanna per quello esposto vicino al Cremlino. E ora la fuga
Confine
35 min
Lavori nella galleria di San Fermo Nord, code verso il Ticino
Il cantiere per la ricostruzione della calotta della galleria durerà fino al 18 novembre. Traffico verso nord deviato sotto San Fermo Sud
Iran
2 ore
Italiana arrestata a Teheran nel giorno del suo compleanno
Alessia Piperno era entrata in Iran con altri turisti. La Farnesina sta verificando le informazioni del padre rilasciate su Facebook
Iran
6 ore
Scontri fra studenti e forze di sicurezza: lezioni sospese
Non si placano le proteste dopo la morte della 22enne curda arrestata dalla polizia perché indossava, a loro dire, il velo in modo inappropriato
Gran Bretagna
7 ore
Passo indietro: le tasse dei ricchi restano dove sono
Liz Truss e il suo ministro delle Finanze annullano il piano fiscale che non era piaciuto ai mercati facendo sprofondare la sterlina
Stati Uniti d'America
8 ore
Florida sotto accusa, soccorsi in ritardo dopo l’uragano
Un’ottantina di morti ed enormi i danni per Ian che ha colpito con estrema violenza (qui l’uragano Fiona) anche l’isola di Porto Rico
Estero
9 ore
Putin ‘fuori controllo’, ma la minaccia atomica pare improbabile
Il capo del Pentagono, Lloyd Austin, in una intervista alla Cnn, ha commentato le minacce nucleari del presidente russo
Russia
9 ore
‘Non sono pronto a uccidere’, rapper si toglie la vita
Ivan Petunin, 27 anni, detto Walkie, ha compiuto l’estremo gesto in segno di protesta contro la guerra scatenata da Vladimir Putin
Brasile
9 ore
Sul filo di lana Lula va al ballottaggio con Bolsonaro
A pesare sul risultato sarebbero stati gli indecisi, il tasso di astensione e quanti hanno creduto di abbracciare la scelta del ‘voto utile’
Estero
18 ore
Bosnia: il secessionista Dodik in vantaggio
Dopo lo spoglio di circa la metà delle schede elettorali, sono in vantaggio il bosgnacco musulmano Becirovic, la serba Cvijanovic e il croato Komsic
© Regiopress, All rights reserved